Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Matrimonio dello straniero in Italia

del 14/07/2016
CHE COS'È?

Matrimonio dello straniero in Italia: definizione

Il matrimonio dello straniero in Italia può avvenire secondo la legge italiana o secondo la legge nazionale del soggetto: in questo secondo caso, però, il matrimonio viene celebrato davanti all'autorità diplomatica. Un cittadino straniero può contrarre matrimonio in Italia anche se non ha il domicilio o la residenza nel nostro Paese: nel caso in cui decida di farlo secondo la legge italiana, il matrimonio viene celebrato da un ufficiale di stato civile, da un ministro di culto cattolico o da un ministro di un culto acattolico ammesso in Italia, sempre a condizione che siano rispettate le norme del rito concordatario. Inoltre, scegliendo la celebrazione italiana si è tenuti a rispettare tutte le condizioni stabilite dal nostro ordinamento per contrare il matrimonio: ciò vuol dire che non devono sussistere i vari possibili impedimenti che sono indicati dal Codice Civile (delitto, interdizione, parentela e affinità non dispensabili, difetto di libertà di stato, divieto temporaneo di nuove nozze). Lo straniero in Italia può sposarsi solo se ha compiuto 18 anni, o se ne ha compiuti 16 e dispone di un'autorizzazione ad hoc. 


COME SI FA

Quali sono i documenti necessari per il matrimonio di un cittadino straniero nel nostro Paese?

Gli stranieri che hanno il domicilio o la residenza in Italia sono tenuti a richiedere all'ufficiale di stato civile del Comune in cui vivono le pubblicazioni. Inoltre, sono obbligati a produrre una dichiarazione da cui risulti che, secondo le leggi in vigore, nulla osta al matrimonio: tale dichiarazione deve essere rilasciata dal consolato straniero in Italia o da un'altra autorità competente del Paese di origine. Il nulla osta, opportunamente tradotto e legalizzato attraverso una traduzione asseverata, permette quindi di sposarsi, e deve essere accompagnato da un documento che certifichi la regolarità del soggiorno in Italia (è più che sufficiente, a questo proposito, il permesso di soggiorno). Nel caso in cui il cittadino straniero non risieda né sia domiciliato in Italia, viene redatto un processo verbale dall'ufficiale di stato civile e non servono le pubblicazioni.

Quali sono i documenti necessari per il matrimonio di un cittadino australiano o statunitense nel nostro Paese?

Gli adempimenti che sono stati indicati in precedenza non sono validi per l'Australia e per gli Usa: in questi due Paesi, infatti, non ci sono autorità deputate al rilascio del nulla osta. Ecco perché i cittadini australiani e statunitensi che intendono sposarsi in Italia devono presentare una dichiarazione giurata che certifichi che nulla osta al matrimonio insieme con i documenti forniti dalle autorità australiane o statunitensi che provino che il matrimonio può essere celebrato.


CHI

Un ufficiale di stato civile o un ministro di culto.


FAQ

1. Quando il matrimonio di uno straniero in Italia è da considerarsi valido?

Il matrimonio di un cittadino straniero nel nostro Paese può essere ritenuto valido, secondo quanto previsto dalla Convenzione dell'Aja del 12 giugno del 1902, in tutti i casi in cui nulla sia contestato in proposito dalla disciplina dello Stato italiano. Il matrimonio che viene celebrato davanti all'autorità consolare è considerato valido a condizione che uno o tutti e due gli sposi siano cittadini dello Stato a cui fa riferimento l'autorità consolare e che gli sposi non siano cittadini dello Stato in cui il matrimonio viene celebrato. Se sono previste delle convenzioni particolari in proposito, è possibile trascrivere il matrimonio celebrato dinanzi a un'autorità consolare nei registri di stato civile.
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

MATRIMONIO: VOCI CORRELATE

Comunione legale dei beni

di Avv. Maria Rosaria Santulli del 07/01/2013

Nel nostro ordinamento, in assenza di altro accordo, tra i coniugi vige il regime di comunione legal..

Divieto temporaneo di nuove nozze

di Avv. Monica Mores del 29/06/2012

Il divieto temporaneo di nuove nozze è un istituto disciplinato dal nostro codice civile (art. 89) c..

Matrimonio: impedimenti

di del 30/01/2013

Il matrimonio è un atto avente come effetto la costituzione dello stato coniugale e come causa l'uni..

Matrimonio

di del 26/07/2016

Il matrimonio è un negozio giuridico che indica l'unione tra due o più persone: tale unione può esse..

Separazione dei beni tra i coniugi

di Avv. Massimiliano Bonvicini del 06/05/2016

La separazione dei beni tra coniugi è il regime patrimoniale alternativo a quello della comunione le..