Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Matrimonio del cittadino all’estero

del 09/05/2016
CHE COS'È?

Matrimonio del cittadino all’estero: definizione

Il matrimonio del cittadino all'estero presuppone che un cittadino italiano abbia la possibilità di sposarsi, con un cittadino italiano o con un cittadino straniero, in un Paese estero. La capacità matrimoniale è regolata - così come tutte le altre condizioni per sposarsi - dalla legge nazionale di ognuno dei due sposi: per il cittadino italiano, di conseguenza, è la legge italiana, secondo quanto previsto dal Codice Civile. Il matrimonio del cittadino all'estero può essere celebrato di fronte a un ministro di un culto religioso, di fronte a un'autorità consolare o diplomatica o di fronte a un'autorità straniera locale. 


COME SI FA

Come avviene il matrimonio del cittadino di fronte a un'autorità locale straniera?

Insieme con altri Paesi quali la Turchia, la Svizzera, la Spagna, il Portogallo, la Grecia, la Germania, i Paesi Bassi, il Lussemburgo, il Belgio e l'Austria, l'Italia ha aderito a un accordo nel 1980, la Convenzione di Monaco, attraverso la quale sono state stabilite delle norme comuni relative al rilascio di un certificato di capacità matrimoniale che viene rilasciato dall'autorità competente (e può essere impiegato dai cittadini di tali Paesi per un matrimonio all'estero) a patto che chi lo richiede sia in possesso di specifici requisiti. Per il nostro Paese, per esempio, è l'ufficiale di stato civile l'autorità competente al rilascio del certificato in questione, che dura per sei mesi: trascorso questo periodo, la sua validità scade. Nel caso di matrimonio all'estero dinanzi a un'autorità locale, non c'è bisogno delle pubblicazioni, sempre che la legislazione straniera di riferimento non le richieda: in alcune circostanze, è possibile che l'autorità straniera preveda un nulla osta o una certificazione che attesti la capacità matrimoniale del connazionale. Essa, poi, provvede a redigere una copia dell'atto di matrimonio, ovviamente tradotto e legalizzato. L'atto è valido sin da subito, e non è necessaria la sua trascrizione nei registri dello stato civile: tale operazione, quindi, non ha efficacia costitutiva ma ha natura di pubblicità e meramente certificativa.


CHI

Il ministro di un culto religioso, un'autorità locale, un'autorità diplomatica o un'autorità consolare.


FAQ

1. Come avviene il matrimonio davanti a un'autorità consolare o diplomatica italiana?

Le autorità consolari e diplomatiche del nostro Paese all'estero hanno la facoltà di celebrare i matrimoni in quanto la legge italiana conferisce loro le funzioni di ufficiali di stato civile. Perché ci si possa sposare in questo modo, è necessario presentare un'istanza di celebrazione del matrimonio consolare: la si può inviare tramite posta elettronica, via fax o per posta, oppure la si può presentare direttamente di persona presso l'ufficio consolare, ma l'importante è che sia accompagnata da una copia dei documenti di identità di chi vuole sposarsi. Nel momento in cui l'istanza viene accolta, è necessario che gli sposi richiedano le pubblicazioni. Se tutti e due i futuri sposi risiedono in Italia, vanno richieste all'ufficiale di stato civile del Comune in cui si risiede; se il cittadino italiano risiede in Italia e l'altro risiede all'estero (sia che sia italiano, sia che sia straniero), vanno richieste al Comune italiano; se tutti e due i cittadini risiedono all'estero, vanno richieste all'autorità consolare.

2. Come avviene il matrimonio religioso all'estero di un cittadino italiano?

Il matrimonio religioso all'estero è ritenuto valido unicamente se produce effetti civili per l'ordinamento dello Stato in cui si svolge: quindi va trascritto nei registri italiani dello stato civile con valore non costitutivo ma dichiarativo (il matrimonio è valido anche senza la trascrizione).  
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

MATRIMONIO: VOCI CORRELATE

Accordi matrimoniali

di Avv. Amerigo Motta del 14/05/2015

Le convenzioni matrimoniali, gli accordi matrimoniali o prematrimoniali vengono utilizzati principal..

Matrimonio: impugnazione

di del 03/08/2017

L'impugnazione del matrimonio è l'atto giuridico tramite il quale una persona domanda al giudice di ..

Matrimonio simulato

di del 06/10/2016

Il matrimonio simulato si verifica nel momento in cui hanno convenuto di non esercitare i diritti e ..

Regime patrimoniale tra i coniugi

di Avv. Luisella Saldarini del 05/04/2012

lI regime patrimoniale è l'insieme delle regole e dei principi previsti dal legislatore per regolare..

Promessa di matrimonio: effetti

di Dott. Alessandro Pantoli del 10/04/2012

L'Istituto, pur di origini e tradizioni storiche, rimane inserito all’interno del nostro codice civi..