Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Progettazione allarme antincendio

del 18/05/2016
CHE COS'È?

Progettazione allarme antincendio: definizione

La progettazione di un allarme antincendio deve essere elaborata secondo le norme UNI e le norme CEI affinché gli impianti possano essere realizzati secondo la regola dell'arte. Un impianto di allarme incendio è composto da un insieme di dispositivi elettronici differenti che hanno lo scopo di rilevare, all'interno di un edificio, la presenza di un incendio, ma anche di segnalare l'allaerme sia visivo che sonoro a chi si trova nel fabbricato, ai soccorritori esterni e alla portineria, se presente. La progettazione può variare a seconda della destinazione: gli impianti possono essere messi in funzione negli edifici pubblici, nei centri commerciali, nei grandi magazzini, nelle cliniche sanitarie, negli ospedali, nei complessi alberghieri, negli edifici pluripiano e negli stabilimenti industriali.


COME SI FA

Come è fatto un allarme antincendio

Il funzionamento di un allarme antincendio si basa su una centralina di allarme che riceve da alcuni dispositivi di rivelazione il segnale e che, poi, attraverso i dispositivi di segnalazione, come le sirene, trasmette l'allarme all'esterno. I dispositivi di rivelazione forniscono, quindi, l'input: può trattarsi di pulsanti di allarme manuali o di dispositivi di rivelazione di fumo o incendio. I dispositivi di segnalazione, d'altro canto, costituiscono l'outpur: oltre che di sirene acustiche, può trattarsi anche di pannelli luminosi lampeggianti, in genere di colore rosso. 


CHI

Un tecnico del settore.


FAQ

1. Cos'è la centralina di allarme incendio?

Il fulcro della progettazione di un allarme incendio va individuato, come detto, nella centralina, che non è altro che l'unità di controllo dell'impianto: di solito è collocata in un locale di controllo, come per esempio la portineria, dove può essere controllata da personale di sorveglianza. Tutti i dispositivi dell'impianto sono collegati alla centralina attraverso delle specifiche linee elettriche: non solo i pannelli luminosi e le sirene, ma anche i dispositivi di segnalazione ai soccorritori esterni. La gestione del segnale da parte della centralina dipende dai piani di intervento programmati, fermo restando che esistono tipi di centrali differenti, che variano a seconda dell'identificazione dei sensori, della tipologia di controllo e del numero di sensori che possono essere collegati. 

2. Come funzionano i pulsanti manuali di allarme?

Nell'ambito della progettazione di un allarme antincendio non ci si può dimenticare dei pulsanti manuali di allarme, che hanno il compito di permettere a chiunque di attivare il segnale di allarme in presenza di un incendio: tali pulsanti si trovano, di solito, nei corridoi, nei vani scale e nei pressi delle uscite degli edifici. Secondo i "Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro" esplicitati nell'Allegato IV del DM del 10 marzo del 1998, gli avvisatori manuali devono poter essere raggiunti con un percorso di non più di 30 metri, e vanno posizionati a un'altezza non inferiore ai 100 centimetri e non superiore ai 140 centimetri. Per ciascun compartimento devono essere previsti e installati almeno due pulsanti.

3. A cosa servono i pannelli luminosi lampeggianti?

I pannelli luminosi lampeggianti sono dispositivi collegati alla centralina di allarme di segnalazione luminosa che emettono una luce rossa intermittente in caso di principio di incendio: caratterizzati dalla scritta "Allarme incendio", permettono a tutti i presenti di essere consapevoli che è in corso una possibile emergenza. Questi pannelli sono collocati in corrispondenza delle sirene acustiche nei corridoi sulle pareti, così che il segnale di allarme sia in grado di raggiungere anche le persone non udenti in modo istantaneo.
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

PROGETTAZIONE IMPIANTISTICA: VOCI CORRELATE

Verifiche D.M. 11 aprile 2011

di del 15/02/2017

Le verifiche D.M. 11 aprile 2011 fanno riferimento al Decreto 11 aprile 2011 del Ministero del Lavor..

Progettazione parafulmini

di del 25/08/2016

La progettazione dei parafulmini deve tenere conto dello scopo principale dei sistemi di protezione ..

Progettazione impianti rilevazione fumi

di del 22/06/2016

La progettazione degli impianti di rilevazione fumi include la messa a punto dei componenti degli im..

Verifiche apparecchi in pressione

di del 04/05/2017

Le verifiche degli apparecchi in pressione sono di competenza dell'Inail competente per territorio. ..

Verifiche impianti di terra

di del 29/08/2016

Le verifiche degli impianti di terra sono una parte fondamentale nell'ambito della manutenzione di u..