Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Concordato preventivo

del 30/03/2012
CHE COS'È?

Concordato preventivo: definizione

Il concordato preventivo è uno strumento di soluzione della crisi d'impresa che si attua attraverso un accordo di natura negoziale tra l'impresa debitrice e i creditori, la cui volontà è espressa per maggioranze di credito, finalizzato al risanamento aziendale e alla ristrutturazione del debito.
L'accordo è vincolante per tutti i creditori, compresi i dissenzienti; si promuove e si perfeziona attraverso una procedura avanti il Tribunale ove ha sede l'impresa.
Per tale motivo il concordato preventivo si differenzia dagli altri accordi negoziali o dai concordati cosiddetti stragiudiziali, che hanno efficacia solo nei confronti dei creditori aderenti e che non impediscono ai creditori estranei agli accordi le azioni ordinarie ed esecutive a tutela del proprio credito.
Il concordato preventivo è un procedimento di volontaria giurisdizione di tipo camerale volto ad omologare un accordo proposto dal debitore e approvato dai creditori, con effetti costitutivi anche verso i creditori assenti, dissenzienti o dimenticati.


COME SI FA

La domanda di concordato preventivo deve essere proposta (articolo 161 legge fallimentare) con ricorso al Tribunale del luogo in cui l'impresa debitrice ha la sede principale. A tale fine non rilevano i trasferimenti di sede avvenuti nell'anno antecedente al deposito, in analogia a quanto previsto dall’articolo 9 legge fallimentare in ordine alla competenza per la dichiarazione di fallimento.
Il ricorso deve essere sottoscritto dal debitore o, se si tratta di impresa in forma societaria, dal legale rappresentante previa approvazione a norma dell'articolo 152 legge fallimentare.
La domanda è comunicata, a cura della cancelleria del Tribunale, al Pubblico Ministero, il quale può esprimere motivato parere.
Il ricorso deve inoltre essere necessariamente accompagnato dalla relazione di un professionista, in possesso dei requisiti di cui all'articolo 67, comma 3, lettera d) legge fallimentare, che attesti la veridicità dei dati aziendali e la fattibilità del piano.
L'ammissione al concordato preventivo è disposta dal Tribunale con decreto, non soggetto a reclamo, che dichiara aperta la procedura.
Il decreto di ammissione e apertura della procedura apre la fase funzionale alla espressioni di voto dei creditori sulla proposta di concordato e alla eventuale omologazione.
Il concordato è infatti approvato (articolo 177 legge fallimentare) in caso di adesione per voto favorevole dei creditori che rappresentano la maggioranza dei crediti ammessi; nel caso in cui siano previste più classi di creditori con diritto di voto è necessaria l’approvazione anche da parte della maggioranza delle classi.

 


CHI
A norma dell’articolo 160 legge fallimentare la proposta di concordato può essere presentata dall'imprenditore che si trova in stato di crisi.


FAQ

Può essere revocata l'ammissione al concordato preventivo?

Sì, quando l'imprenditore che ha proposto la domanda abbia occultato o dissimulato parte dell'attivo, dolosamente omesso di denunciare uno o più crediti, esposto passività insussistenti, ovvero commesso altri atti di frode.
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

CONCORDATO: VOCI CORRELATE

Concordato preventivo: presentazione della domanda

di Avv. Daniela Andreatta del 05/04/2012

La procedura di concordato preventivo prevista dagli articoli 160 e seguenti del regio decreto 16 ma..

Concordato preventivo: adempimenti del commissario giudiziale

di Avv. Nicola Soldati del 05/04/2012

Il commissario giudiziale deve procedere alla verifica dell’elenco dei creditori e dei debitori con ..

Concordato preventivo: adempimenti del professionista

di Avv. Nicola Soldati del 05/04/2012

Ai sensi dell’articolo 162 legge fallimentare, il debitore che presenta la domanda di concordato dev..

Esecuzione del concordato preventivo

di Avv. Domenico De Sciscio del 30/03/2012

Una volta che l’imprenditore commerciale in stato di crisi ha proposto una domanda di concordato pre..

Concordato preventivo: adempimenti del liquidatore

di Avv. Daniela Andreatta del 05/04/2012

Come noto, il piano sottostante ogni proposta di concordato preventivo ai sensi degli articoli 160 e..