Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Proprietà: servitù

del 15/03/2011
CHE COS'È?

La servitù è un "peso" che grava su un fondo (detto "servente") a favore di un altro fondo (detto "dominante").
Quindi un fondo (dominante) si avvantaggia delle limitazioni che subisce l'altro (servente).
Presupposti della servitù sono:

  • l'esistenza a carico del fondo servente di un dovere di non fare (ad esempio non edificare un edificio oltre una certa altezza) o di sopportare (ad esempio consentire il passaggio sul suo terreno al vicino);
  • che i due fondi (dominate e servente) appartengano a soggetti differenti;
  • che i due fondi siano in posizione topografica tale da consentire che il fondo dominante possa ricevere utilità dal sacrifico imposto al fondo servente. La vicinanza va intesa in senso relativo. Così ad esempio una servitù di passo può intercorrere tra fondi non confinanti ed essere esercitata su tutti i fondi che si trovino tra quello dominante e, ad esempio, la strada principale.

Le servitù possono essere:

  • apparenti (quando al suo esercizio sono destinate opere visibili: ad esempio una strada per una servitù di passo carraio) o non apparenti (servitù di non edificazione oltre una certa altezza);
  • affermative (quando consentono al suo titolare il potere di fare qualcosa: ad esempio il passaggio sul fondo per la servitù di passo) o negative (quando consentono al proprietario del fondo dominante di impedire al titolare del fondo servente di fare qualcosa: ad esempio di costruire oltre una certa altezza);
  • coattive (se imposte dalla legge come nel caso di servitù di passaggio a favore di un fondo intercluso) o volontarie (quando sono costituite per volontà dell’uomo).

Le servitù affermative, a loro volta possono essere:

  • continue o legali (quando l'esercizio della servitù è continuo: ad esempio servitù di acquedotto nel quale il passaggio dell'acqua è continuo ovvero di scarico delle acque reflue);
  • discontinue (quando l'esercizio della servitù avviene di volta in volta a seguito di un’attività umana: ad esempio la servitù di passo si esercita quando si cammina o si transita sul terreno servente).

Le servitù possono essere costituite oltre che per legge (ove ciò sia previsto), per effetto di usucapione e di destinazione del padre di famiglia (vale a dire dell'unico originario proprietario di un fondo successivamente diviso e divenuto di diversi proprietari).
Più particolarmente le servitù apparenti possono costituirsi per:

Le servitù non apparenti possono costituirsi per:
  • testamento,
  • contratto.

Avv. Maurizio Sala
Ordine degli Avvocati di Milano
Studio Legale Avvocato Maurizio Sala


vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e la Privacy
Voglio ricevere le newsletter di Professionisti.it
Voglio ricevere informazioni dai partner di Professionisti.it
VOCI CORRELATE
Multiproprietà

di Avv. Simone Scelsa del 08/03/2012

"Multiproprietà” è termine ambiguo, con il quale sia la dottrina, sia gli operatori economici, desig..

Azioni a tutela della proprietà: azione di manutenzione

di Avv. Maurizio Sala del 15/03/2011

Il possessore di un immobile, ovvero di un diritto reale sopra un immobile ovvero di una universalit..

Usufrutto

di Avv. Maurizio Sala del 31/03/2011

L’usufrutto, insieme all’uso ed all’abitazione, è un diritto reale di godimento su..

Proprietà: sottosuolo

di Avv. Maurizio Sala del 31/03/2011

Secondo i Romani la proprietà del suolo si estende usque ad sidera et usque ad infera, sino alle ste..

Azioni a tutela della proprietà: azione negatoria

di Avv. Maurizio Sala del 15/03/2011

L'azione negatoria è l'azione promossa dal proprietario di un bene per "negare" l'esistenza di dirit..