Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Cognome del figlio naturale

del 05/11/2013
CHE COS'È?

Cognome del figlio naturale: definizione

Se il riconoscimento del figlio naturale è effettuato contemporaneamente da entrambi i genitori, al figlio viene attribuito il cognome del padre. Se invece il figlio naturale viene riconosciuto dai due genitori in momenti diversi, assume il cognome del genitore che lo ha riconosciuto per primo (articolo 262 codice civile). 
Quando il primo riconoscimento è quello del padre, e successivamente interviene il riconoscimento della madre o l’accertamento giudiziale della maternità, viene semplicemente applicata la suddetta regola ed il cognome rimane quello del padre.
Al contrario, se la filiazione nei confronti del padre viene riconosciuta oppure giudizialmente accertata successivamente al riconoscimento da parte della madre, il figlio può comunque assumere il cognome paterno, aggiungendolo o sostituendolo a quello della madre.
Se maggiorenne, il figlio effettua la propria scelta dinanzi all’Ufficiale di Stato Civile, potendo decidere:

  • di mantenere esclusivamente il cognome materno;
  • di aggiungere il cognome paterno posponendolo o anteponendolo a quello materno;
  • di assumere esclusivamente il cognome del padre, sostituendolo a quello della madre.
Se invece la filiazione nei confronti del padre viene riconosciuta oppure giudizialmente accertata quando il figlio è ancora minorenne, la decisione in merito all’assunzione del cognome paterno è demandata al Tribunale (non più tribunale per i Minorenni ma tribunale ordinario dopo, la legge 219/2012).
Nel decidere in merito il giudice non dispone di criteri precisi e predeterminati dalla legge, ma deve avere riguardo all’”interesse del minore”, godendo pertanto di un ampio margine di discrezionalità nell’apprezzamento della situazione concreta riferita dalle parti.
Nel valutare quale sia l’interesse del minore, il Tribunale deve in ogni caso considerare il diritto del figlio a mantenere la propria identità personale qualora abbia già acquistato e consolidato una sua precisa e consapevole individualità con il cognome materno, per esempio quando con esso sia conosciuto nell’ambiente dove è vissuto, a scuola e/o nella vita di relazione.
L’attitudine del cognome materno a divenire autonomo segno distintivo dell’identità personale del figlio risulta tanto più plausibile quanto maggiore sia l’età del minore, mentre nel caso di bambini in tenerissima età la giurisprudenza si è in alcuni casi orientata verso l'attribuzione del cognome del padre, quale criterio di maggiore “plausibilità sociale”.
Tuttavia, non è escluso che anche i bambini piccoli possano veder riconosciuta un'identità personale già consolidata in relazione al cognome materno, in quanto le pronunce ribadiscono la necessità di decidere caso per caso.
 Oltre al suddetto criterio dell’identificazione personale, gli elementi sottoposti alla considerazione del giudice possono essere nella pratica molteplici: per esempio, viene a volte considerato l’interesse all’attribuzione dello stesso cognome a più fratelli/sorelle, soprattutto se conviventi; oppure, talvolta è stata sostenuta la contrarietà all’interesse del minore all’attribuzione del cognome di un padre che abbia compiuto gravi trascuratezze o abusi della potestà parentale.
Nella comparazione dei diversi elementi che emergono in ciascuna fattispecie, vi sono recenti pronunce che esplicitamente negano che esista un criterio generale di favore per il patronimico, ed anzi si è evidenziato come l’emergere della tutela della bi-genitorialità possa al contrario favorire il principio del doppio cognome, ma altre sentenze hanno ritenuto che l’articolo 262 del codice civile sottenda invece il criterio di rendere la posizione del figlio naturale il più possibile equiparata a quella del figlio legittimo, il quale assume il cognome del padre. 
Il diritto della persona a mantenere il proprio cognome originario, ove costituisca ormai autonomo segno distintivo della personalità, è riconosciuto in via generale dal nuovo ordinamento dello Stato Civile Decreto del Presidente della Repubblica 396/2000 e può trovare applicazione anche in casi diversi da quello sopra menzionato: per esempio, nel caso in cui il riconoscimento del figlio naturale sia dichiarato non veritiero, si ritiene che il figlio possa mantenere il cognome del padre che aveva effettuato il riconoscimento con corrispondente a verità, ove abbia interesse a mantenere quel segno distintivo della propria già formata personalità.

Avv. Elisabetta Zecca
Ordine degli Avvocati di Milano
Elisabetta Zecca Avvocato

COME SI FA
Come si è detto, la scelta del figlio maggiorenne è effettuata dinanzi all’Ufficiale di Stato Civile.
Per il figlio minorenne, decide il Tribunale, ed è possibile un eventuale reclamo alla Corte d'Appello e - in base alla più recente giurisprudenza - anche ricorso per Cassazione.

CHI
In Tribunale i genitori vengono in ogni caso sentiti.
Anche il minore stesso può essere ascoltato qualora abbia raggiunto un’età che gli permetta di avere capacità di discernimento sulla questione.
Il ragazzo o la ragazza che abbia compiuto i sedici anni deve prestare il proprio necessario consenso al riconoscimento del rapporto di filiazione e perciò viene fin dall’inizio chiamato a esprimersi anche sul cognome o i cognomi che vorrà portare.

FAQ

Se i genitori abbiano trovato un accordo in merito all’attribuzione del cognome al figlio minore, il Tribunale può comunque decidere in modo difforme?

Si, perché deve decidere esclusivamente in base a quello che ritiene essere l’interesse del minore. Una recente pronuncia, per esempio, ha statuito che tre ragazzi adolescenti non perdessero il cognome della madre, al quale il cognome del padre è stato anteposto, contrariamente alla richiesta congiunta di entrambi i genitori i quali domandavano che il cognome materno fosse invece sostituito da quello paterno. E ciò anche contrariamente alla richiesta di tutti e tre i ragazzi ascoltati dal giudice, i quali, sebbene inizialmente avessero mostrato una propensione per il mantenimento del cognome materno, avevano poi concluso domandando la sostituzione.
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

FIGLI: VOCI CORRELATE

Reclamo dello stato di figlio legittimo

di Avv. Nadia Morosini del 13/12/2011

Tutte le azioni predisposte dal nostro legislatore in materia di filiazione sono ascrivibili alla ca..

Presunzione di concepimento del figlio

di Avv. Sonia Jolanda Sandra Panone del 28/11/2011

Nell’ambito della materia della filiazione l’argomento in parola ha trovato sin dalle radici più lon..

Mantenimento del figlio naturale

di Avv. Barbara Fracanzani del 11/05/2012

L’articolo 30, comma 1 della Costituzione prevede: “E’ dovere e diritto dei genitori mantenere, istr..

Affidamento del figlio naturale

di Avv. Luciana Volonterio del 05/12/2011

Capita purtroppo che, come succede nella famiglia legittima, anche la famiglia composta da conviven..

Dichiarazione giudiziale di paternità e maternità

di Avv. Monica Mores del 15/05/2012

La dichiarazione giudiziale di paternità e di maternità è lo strumento giuridico mediante il quale i..