Preventivo Gratuito

Disconoscimento di paternità

del 11/05/2012
CHE COS'È?
L’azione di disconoscimento della paternità è volta a far accertare e dichiarare che il marito non è il padre del figlio nato nel matrimonio. Si presume concepito durante il matrimonio, e quindi legittimo, il figlio nato quando sono decorsi 180 giorni dalla celebrazione del matrimonio e non sono ancora trascorsi 300 giorni dall’annullamento, dallo scioglimento o dalla cessazione degli effetti civili del matrimonio.
L’azione è ammissibile in soli 3 casi:
  1. quando i coniugi non hanno convissuto nel periodo compreso tra il trecentesimo ed il centottantesimo giorno prima del parto;
  2. quando il marito in tale periodo era affetto da impotenza, anche solo di generare;
  3. quando la moglie ha commesso adulterio o ha nascosto al marito la gravidanza e la nascita del figlio.
L’azione non può essere proposta in ogni momento. Al contrario, la legge fissa termini di decadenza ben precisi e differenti a seconda di chi promuove l’azione:
  • sei mesi che decorrono dal parto, per la madre;
  • un anno per il marito, che decorre dal giorno della nascita, se egli si trovava nel luogo dove è nato il figlio; dal suo ritorno nel luogo dove è nato il figlio o nella residenza famigliare, se era lontano; comunque, dal giorno in cui ha avuto notizia della nascita, se prova di non averne avuto conoscenza;
  • un anno dal compimento della maggiore età o dal momento in cui è venuto a conoscenza di circostanze che rendono ammissibile l’azione, per il figlio.

COME SI FA
L’azione si propone avanti il Tribunale ordinario del luogo in cui risiedono i convenuti. Non è mai competente il Tribunale per i minorenni anche se il figlio che si intende disconoscere non ha ancora compiuto i 18 anni. Sono parti necessarie del giudizio il presunto padre, la madre ed il figlio; se quest’ultimo è minorenne l’azione deve essere proposta nei confronti di un curatore speciale nominato dal Giudice, su richiesta della parte che intende promuovere il giudizio.
Quando il marito promuove l’azione sostenendo che il figlio è nato da un rapporto adulterino della moglie, è ammesso a provare l’esistenza di caratteristiche genetiche incompatibili tra sé e il figlio, mediante consulenza tecnica da affidarsi ad un medico specializzato. Non è più necessario provare la commissione dell’adulterio prima dell’effettuazione della consulenza tecnica d'ufficio.
L’azione non può essere proposta personalmente dalle parti, ma sempre con l’ausilio di un avvocato.

CHI
Legittimati a proporre la domanda sono il presunto padre, la madre e il figlio divenuto maggiorenne.
L’azione può essere altresì proposta da un curatore speciale nominato dal Giudice competente per l’azione su istanza del figlio che ha compiuto i 16 anni o del pubblico ministero se di età inferiore.
Se chi è legittimato a promuovere l’azione muore prima di averla proposta, questa può essere esercitata dai discendenti o dagli ascendenti nel caso di morte del presunto padre o della madre; dal coniuge o dai discendenti nel caso di morte del figlio.

vota  

VOCI CORRELATE
Affidamento del figlio naturale

di Avv. Luciana Volonterio del 05/12/2011

Capita purtroppo che, come succede nella famiglia legittima, anche la famiglia composta da conviven..

Riconoscimento del figlio naturale

di Avv. Luciana Volonterio del 11/05/2012

E’ detto naturale il figlio nato dall’unione non coronata da matrimonio di due persone. La riforma ..

Mantenimento del figlio naturale

di Avv. Barbara Fracanzani del 11/05/2012

L’articolo 30, comma 1 della Costituzione prevede: “E’ dovere e diritto dei genitori mantenere, istr..

Figli legittimi

di Avv. Monica Mores del 12/12/2011

Il figlio legittimo è il figlio nato da genitori uniti, fra loro, in matrimonio.L'articolo 231 codic..

Dichiarazione giudiziale di paternità e maternità

di Avv. Monica Mores del 15/05/2012

La dichiarazione giudiziale di paternità e di maternità è lo strumento giuridico mediante il quale i..