CERCA UN PROFESSIONISTA
CERCA NELL'ENCICLOPEDIA
 

Disconoscimento di paternità


Argomento:

Figli

Aggiornato al 11/05/2012

CHE COS'È
L’azione di disconoscimento della paternità è volta a far accertare e dichiarare che il marito non è il padre del figlio nato nel matrimonio. Si presume concepito durante il matrimonio, e quindi legittimo, il figlio nato quando sono decorsi 180 giorni dalla celebrazione del matrimonio e non sono ancora trascorsi 300 giorni dall’annullamento, dallo scioglimento o dalla cessazione degli effetti civili del matrimonio.
L’azione è ammissibile in soli 3 casi:
  1. quando i coniugi non hanno convissuto nel periodo compreso tra il trecentesimo ed il centottantesimo giorno prima del parto;
  2. quando il marito in tale periodo era affetto da impotenza, anche solo di generare;
  3. quando la moglie ha commesso adulterio o ha nascosto al marito la gravidanza e la nascita del figlio.
L’azione non può essere proposta in ogni momento. Al contrario, la legge fissa termini di decadenza ben precisi e differenti a seconda di chi promuove l’azione:
  • sei mesi che decorrono dal parto, per la madre;
  • un anno per il marito, che decorre dal giorno della nascita, se egli si trovava nel luogo dove è nato il figlio; dal suo ritorno nel luogo dove è nato il figlio o nella residenza famigliare, se era lontano; comunque, dal giorno in cui ha avuto notizia della nascita, se prova di non averne avuto conoscenza;
  • un anno dal compimento della maggiore età o dal momento in cui è venuto a conoscenza di circostanze che rendono ammissibile l’azione, per il figlio.
COME SI FA
L’azione si propone avanti il Tribunale ordinario del luogo in cui risiedono i convenuti. Non è mai competente il Tribunale per i minorenni anche se il figlio che si intende disconoscere non ha ancora compiuto i 18 anni. Sono parti necessarie del giudizio il presunto padre, la madre ed il figlio; se quest’ultimo è minorenne l’azione deve essere proposta nei confronti di un curatore speciale nominato dal Giudice, su richiesta della parte che intende promuovere il giudizio.
Quando il marito promuove l’azione sostenendo che il figlio è nato da un rapporto adulterino della moglie, è ammesso a provare l’esistenza di caratteristiche genetiche incompatibili tra sé e il figlio, mediante consulenza tecnica da affidarsi ad un medico specializzato. Non è più necessario provare la commissione dell’adulterio prima dell’effettuazione della consulenza tecnica d'ufficio.
L’azione non può essere proposta personalmente dalle parti, ma sempre con l’ausilio di un avvocato.
CHI
Legittimati a proporre la domanda sono il presunto padre, la madre e il figlio divenuto maggiorenne.
L’azione può essere altresì proposta da un curatore speciale nominato dal Giudice competente per l’azione su istanza del figlio che ha compiuto i 16 anni o del pubblico ministero se di età inferiore.
Se chi è legittimato a promuovere l’azione muore prima di averla proposta, questa può essere esercitata dai discendenti o dagli ascendenti nel caso di morte del presunto padre o della madre; dal coniuge o dai discendenti nel caso di morte del figlio.
FAQ

Il padre naturale può proporre l'azione di disconoscimento della paternità?

No, l’azione può essere proposta solo dal presunto padre, dalla madre o dal figlio. Il padre naturale può però, nel caso di figlio minorenne, richiedere al pubblico ministero che si attivi chiedendo al Giudice la nomina di un curatore speciale per il minore, dando prova della sua paternità. Normalmente si allegano le prove della compatibilità genetica con il figlio di cui si vuole ottenere il disconoscimento di paternità.

Questa spiegazione ti è stata utile?
Vuoi collaborare a migliorare il contenuto? La spiegazione..
Registrati e Fai una domanda




Uomo
Donna
(non verrà pubblicato)

(scegli dall'elenco)



* Con l'inserimento dei tuoi dati dichiari di aver letto ed accettato le condizioni d'uso del sito ed il trattamento dei dati da parte di Professionisti s.r.l.
se vuoi accettare i consensi separatamente

Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di Professionisti s.r.l.
come specificato all' art 3b
Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di società terze anche relative ad indagini di mercato su prodotti e servizi operanti nel settore editoriale, largo consumo e distribuzione, finanziario, assicurativo, automobilistico, dei servizi e ad organizzazioni umanitarie e benefiche come specificato all' art 3c

STUDI COMPETENTI SULLA VOCE

Avvocati

Studio Legale Avvocato Vanda Cappelletti

Via Cesare Cantù, 50
22100 Como (CO)
Tel. 031272023 - Fax. 0313306125

info@studiolegalecappelletti.it

IN EVIDENZA
Divorzio, Separazione dei coniugi, Successioni, Contratti commerciali, Violazioni del codice della strada, Compravendita immobiliare, Condominio, Proprietà e diritti reali, Procedure concorsuali, Recupero crediti
Avvocati

Studio legale Avv. Andrea Giordano

via Dino Frescobaldi, 3
00137 Roma (ROMA)
Tel. 068278136 - Fax. 0697259032

degiordy@tiscalinet.it - www.avvocatoandreagiordano.it

IN EVIDENZA
Reati
Avvocati

Avvocato Paola Sculco

via Emilia, 172/e
40011 Anzola dell'Emilia (BO)
Tel. 0516425098 - Fax. 0516425098

paola.sculco@libero.it

IN EVIDENZA
Violenza in famiglia, Divorzio, Contratti flessibili di lavoro, Danni e infortunistica: Consulenze tecniche, Consulenze civilistiche, Conciliazione e mediazione, Tutela del lavoratore
CALCOLO MINI IMU
Inserisci la tua rendita
catastale e procedi al
Calcolo Mini IMU →







VOCI CORRELATE

Reclamo dello stato di figlio legittimo
Aggiornato al 13/12/2011


Figli legittimi
Aggiornato al 12/12/2011


Cognome del figlio naturale
Aggiornato al 05/11/2013


Affidamento del figlio naturale
Aggiornato al 05/12/2011


Presunzione di concepimento del figlio
Aggiornato al 28/11/2011


Riconoscimento del figlio naturale
Aggiornato al 11/05/2012


[x] chiudi

Mantenimento del figlio naturale
Aggiornato al 11/05/2012



FEED
SHARE
Scrivici  per informazioni sul servizio
La redazione è offline