Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Affidamento del figlio naturale

del 05/12/2011
CHE COS'È?

Affidamento del figlio naturale: definizione

Capita purtroppo che, come succede nella famiglia legittima, anche la famiglia composta da conviventi “scoppi”. E qui si aprono due possibilità.
Se i conviventi riescono a separarsi consensualmente, regoleranno loro liberamente i rapporti con i figli minori e maggiori non economicamente autosufficienti. Altrettanto liberamente sceglieranno la miglior collocazione abitativa per la prole e si accorderanno su tempi e modi di frequentazione di entrambi con i figli.
Più difficile e fosco si fa lo scenario se la conflittualità fra i due genitori si fa aspra perchè, in questo caso, le prime vittime sono proprio i figli che divengono spesso ostaggi inconsapevoli delle tensioni venutesi a creare tra i genitori.

Avv. Luciana Volonterio
Ordine degli Avvocati di Varese
Studio Legale Avvocato Luciana Volonterio

COME SI FA
Competente a dirimere questi conflitti è il Tribunale per i minorenni del luogo di residenza della famiglia di fatto.
E’ certo così che il Tribunale per i minorenni, sentite le parti e a volte anche i figli stessi (se troppo piccoli con l’ausilio di psicologi, psicoterapeuti, eccetera) cerchi la soluzione abitativa e di frequentazione più idonea con riguardo all’interesse dei minori, lasciando sullo sfondo le diatribe degli adulti.
Ma a questo punto sorge un altro problema, che è quello del “vil denaro”. Il Tribunale per i minori, come detto sopra, ha il compito e la responsabilità di collocare il minore con il genitore che meglio ne garantisca la serenità e l’equilibrio. A volte lo affida a terzi (Comune, in persona del Sindaco, casa famiglia, assistenza sociale) quando entrambi i genitori sono ritenuti inidonei, sospendendo o revocando loro la patria potestà.
In pratica, il Tribunale per i minorenni si occupa della potestà genitoriale ai sensi dell’articolo 4 della legge 54/06 nei procedimenti che coinvolgono i figli minori naturali.
La riforma dell’articolo 155 codice civile ha comportato però un’altra novità e cioè che tutte le istanze previste nel succitato articolo debbono essere proposte con ricorso, e quindi con il rito dei procedimenti camerali contenziosi, al Tribunale civile ordinario.
Così anche la domanda di affidamento nel contrasto tra i genitori naturali, la domanda di soluzione del disaccordo sull’esercizio della potestà genitoriale tra genitori non coniugati ma separati, la domanda di revisione dell’affidamento dei figli naturali (articoli 155-bis e ter codice civile) e le domande di pagamento di assegno periodico per figli maggiorenni non ancora economicamente autosufficienti.
Ecco perciò che, al di fuori della mera potestà genitoriale per cui è e rimane competente il Tribunale per i minorenni, le questioni che riguardano l’affidamento e il mantenimento dei figli naturali sono demandate al Tribunale ordinario.

CHI
Le questioni sono demandate al Tribunale per minorenni e al Tribunale Ordinario.

vota  

DISCUSSIONI ARCHIVIATE

imma

08/02/2012 19:59:45

salve sono la mamma di un bimboo nato da una relazione sentimentale ma il bimbo sin dalla nascita è sempre vissuto con me e i nonni materni mai con il padre ora lui che nn ha lavoro e vive in una famiglia un pò allargata nn è molto affidabile perchè immaturno nell'egoismo dell'essere stato lasciato ne richiede l'affidamento mi chiedo il bimbo ha quasi tre anni quali sono i diritti del padre nei confronti del piccolo?

Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati

FIGLI: VOCI CORRELATE

Mantenimento del figlio naturale

di Avv. Barbara Fracanzani del 11/05/2012

L’articolo 30, comma 1 della Costituzione prevede: “E’ dovere e diritto dei genitori mantenere, istr..

Riconoscimento del figlio naturale

di Avv. Luciana Volonterio del 11/05/2012

E’ detto naturale il figlio nato dall’unione non coronata da matrimonio di due persone. La riforma ..

Presunzione di concepimento del figlio

di Avv. Sonia Jolanda Sandra Panone del 28/11/2011

Nell’ambito della materia della filiazione l’argomento in parola ha trovato sin dalle radici più lon..

Disconoscimento di paternità

di Avv. Vanda Cappelletti del 11/05/2012

L’azione di disconoscimento della paternità è volta a far accertare e dichiarare che il marito non è..

Reclamo dello stato di figlio legittimo

di Avv. Nadia Morosini del 13/12/2011

Tutte le azioni predisposte dal nostro legislatore in materia di filiazione sono ascrivibili alla ca..