Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Locazione: deposito cauzionale

del 02/02/2012
CHE COS'È?
Il deposito cauzionale è quella somma in denaro che il locatore richiede in sede di stipulazione di un contratto di locazione per tutelarsi dagli eventuali danni arrecati dal conduttore all’immobile oggetto del contratto. Essa non può mai superare le tre mensilità di canone.
Il conduttore è infatti obbligato, alla scadenza del contratto, a restituire l’immobile nella medesima condizione in cui lo ha ricevuto dal proprietario, salva l'usura d'uso.
Qualora il proprietario alla scadenza del contratto, rientrato nel possesso dell’immobile, verificasse l'esistenza di danni provocati dalla negligenza o dall'incuria del conduttore, potrà trattenere le somme necessarie per gli interventi di riparazione dal deposito cauzionale a sue mani. Nel caso in cui non si riscontrino danni al bene, il locatore è tenuto alla restituzione dell’intero importo.
Sul deposito maturano interessi legali che devono essere corrisposti al conduttore alla fine di ogni anno. Se ciò non avviene, gli interessi maturati devono essere corrisposti al conduttore all'atto della restituzione del deposito.  Il deposito cauzionale non può mai essere imputato a canone.

Avv. Vanda Cappelletti
Ordine degli Avvocati di Como 
Studio Legale Avvocato Vanda Cappelletti

COME SI FA
Il deposito cauzionale è dovuto per legge al locatore che ne faccia esplicita richiesta e deve essere menzionato nel contratto di locazione. Il versamento è fatto con qualsiasi mezzo di pagamento stabilito contrattualmente dalle parti. Normalmente il locatore versa la somma ricevuta su un libretto di deposito, bancario o postale.  
L’importo richiesto non può essere superiore a tre mensilità di canone.

CHI
Il soggetto tenuto al versamento dell’importo è il conduttore. Il locatore si obbliga, nel caso in cui al termine del contratto non vi siano danni al bene, a restituire l’intera somma ricevuta.

FAQ
Quando è richiesto il versamento del deposito cauzionale?
Al momento della stipulazione del contratto di locazione.
A quanto ammonta il deposito cauzionale?
Il deposito cauzionale non può essere maggiore a tre mensilità di canone.
Sul deposito maturano interessi legali. Quando devono essere corrisposti?
Gli interessi legali maturati sul deposito devono essere corrisposti alla fine di ogni anno.
vota  

DISCUSSIONI ARCHIVIATE

Avv. Vanda Cappelletti

23/04/2012 11:27:17

Occorre verificare il contratto di fideiussione. Normalmente viene richiesto l'assenso del locatore per la risoluzione anticipata della fideiussione: se presta il consenso ovviamente il contratto di locazione prosegue regolarmente.
Se invece la fideiussione viene revocata senza l'assenso del locatore, questo potrà richiedere la ricostituzione del deposito cauzionale e, in caso di mancato adempimento da parte del conduttore, potrà richiedere la risoluzione del contratto di locazione.

memole

22/04/2012 18:55:04

quando come cauzione viene registrata una fideiussione equivalente a 6 mensilità,la fideiussione può essere revocata,senza che il contatto decada per richiesta illegittima?

Maurizio

09/06/2014 10:48:07

Buon giorno.
Se sul contratto di locazione è espressamente riportato che il deposito cauzionale è infruttifero cosa succede ?
Ha valore questa clausola ?
La ringrazio per la risposta.

risposta del Professionista

17/06/2014 12:24:58

La Cassazione si è recentemente espressa (sentenza n. 75/2010) sul punto, sostenendo che l'obbligo del locatore di corrispondere al conduttore gli interessi legali sul deposito cauzionale, previsti dall'art. 11 L. 392/78, ha natura imperativa, in quanto persegue finalità di ordine generale, consistenti nella tutela del contraente più debole, individuato nel conduttore, e nell'impedire che i frutti della somma data in deposito, percepibili dal locatore, possano costituire un surrettizio aumento del corrispettivo della locazione. Ha perciò concluso statuendo che tale norma imperativa determina la nullità, per contrasto con la stessa, di qualsiasi clausola contrattuale difforme.
Alla luce di questo precedente si deve ritenere che il conduttore ben può richiedere la corresponsione degli interessi maturati sul deposito cauzionale, eccependo la nullità della pattuizione che ne esclude il riconoscimento.
Avv. Vanda Cappelletti

sara

16/06/2014 16:13:35

Salve,è valido un accordo tra conduttore e locatore ove si pattuisce che una mensilità versata a deposito venga scalata una tantum al mese dal canone di locazione per un periodo determinato e quindi non sarà restituita alla scadenza del contratto perché gia versata in pratica?

risposta del Professionista

17/06/2014 11:21:52

Se ho capito bene, le parti vorrebbero compensare il deposito cauzionale versato con alcune mensilità di canone.
La pattuizione è sicuramente valida purchè determinata per iscritto.
Osservo però che, così facendo, il locatore al termine della locazione non avrà alcuna garanzia a sue mani nel caso dovessero rilevarsi danni all'immobile.
Avv. Vanda Cappelletti

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e la Privacy
Voglio ricevere le newsletter di Professionisti.it
Voglio ricevere informazioni dai partner di Professionisti.it
VOCI CORRELATE
Rapporti proprietario-inquilino: spese condominiali

di del 15/04/2016

La ripartizione delle spese condominiali è uno degli aspetti più importanti dei rapporti tra proprie..

Contratti di locazione

di Avv. Vanda Cappelletti del 28/06/2011

La locazione è il contratto con il quale una parte, il locatore, si obbliga a far godere all'altra p..

Locazione: contratto

di del 30/06/2011

Si definisce locazione il contratto con il quale una parte (locatore) si obbliga a fare utilizzare a..

Locazione: garanzia in genere

di Redazione Professionisti del 06/02/2013

IL DEPOSITO CAUZIONALE Quando viene concesso un immobile in locazione generalmente, unitamente alla ..

Locazione: avviamento

di del 26/04/2016

L'indennità di avviamento per la locazione commerciale è normata dall'articolo n.34 della legge 392/..