Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Locazione: godimento

del 20/10/2017
CHE COS'È?

Locazione godimento: definizione

Il godimento della locazione è previsto dal contratto attraverso il quale il proprietario o padrone di casa, vale a dire il locatore, si obbliga a far godere la casa (ma in realtà si può trattare di qualsiasi tipo di bene, e non è detto che si tratti di un immobile) all'inquilino o affittuario, vale a dire il conduttore o locatario, per un certo periodo di tempo, a fronte dell'erogazione di un determinato corrispettivo economico. Il contratto di locazione è consensuale, e non c'è bisogno di una consegna materiale della cosa per sancirne la validità, a differenza di quel che accade con i contratti reali. 


COME SI FA

Quali sono le caratteristiche del godimento della locazione?

Quello relativo alla locazione può essere considerato come un contratto a effetti obbligatori, dal momento che esso comporta il diritto di godimento e di utilizzo di un determinato bene, unicamente per il tipo di utilizzo che è permesso e precisato all'interno del contratto. Non comporta, invece, l'acquisizione di alcun diritto reale sul bene in capo al destinatario.


CHI

Il locatario di un certo bene.


FAQ

1. Quali sono gli elementi principali di un contratto di locazione in relazione al godimento del bene?

Il contenuto di un contratto di locazione non è sempre lo stesso: esso varia, infatti, a seconda dei casi e della tipologia contrattuale che viene posta in essere dalle parti. Alcuni elementi tipici, in ogni caso, non cambiano mai e devono essere sempre presenti: si tratta dell'indicazione della durata della locazione, del prezzo del canone di locazione, delle generalità delle parti, della data di stipula e dell'identificazione del bene. Il contratto deve essere registrato entro i trenta giorni successivi alla data di decorrenza: la data di stipula è quella in cui il contratto viene firmato, ed è a partire da essa che comincia il suo decorso, sulla base di quanto deciso dalle parti. Va ricordato, comunque, che la data di decorrenza può precedere anche la data della stipula. Tutti i contratti di locazione vanno registrati, e questa operazione può essere svolta tanto dal conduttore quanto dal locatore. 

2. Come viene identificato il bene di cui il locatario andrà a godere?

L'oggetto è uno degli elementi fondamentali del contratto locativo: esso deve riportare qualsiasi dato favorisca la sua identificazione. Nel caso in cui la locazione riguardi un immobile, deve essere presente l'indirizzo completo, insieme con l'indicazione dei servizi e dei locali presenti, i suoi dati catastali e la segnalazione dell'uso a cui è destinato. La libera pattuizione delle parti consente di determinare il canone senza particolari vincoli, tenendo presente che lo stesso può essere aggiornato e subire variazioni a seconda degli indici medi identificati dall'Istat. In uno schema contrattuale tipico, le parti devono indicare le voci che integrano il corrispettivo dovuto, con una distinzione tra rata pattuita, spese annue e corrispettivo annuo. Di regola in un contratto di locazione viene specificato anche l'importo del deposito cauzionale, vale a dire la caparra: si tratta della somma che viene consegnata a titolo di garanzia al locatore dal conduttore e che, quasi sempre, è compresa tra le due e le tre mensilità del canone.

3. Quanto può durare il godimento di una locazione?

Il limite massimo per una locazione è stabilito dal Codice Civile, che all'articolo 1573 stabilisce che essa non può essere superiore ai 30 anni; non ci sono vincoli, invece, per ciò che concerne la durata minima. 
vota  

Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati

LOCAZIONE ABITATIVA: VOCI CORRELATE

Cessazione della locazione

di Avv. Luca Amati del 27/01/2012

La cessazione del contratto di locazione può avvenire per differenti motivi, alcuni dei quali potrem..

Locazione: spoglio

di del 12/10/2017

Secondo l'articolo 1168 del codice civile, l'azione di spoglio può essere esercitata dal conduttore ..

Locazione: sublocazione

di del 06/11/2017

La sublocazione è il contratto attraverso cui il conduttore della cosa locata attribuisce il suo god..

Locazione ad uso abitativo

di del 31/03/2011

Si definisce ad uso abitativo la locazione di beni immobili destinati ad abitazione del soggetto con..

Equo canone

di del 14/06/2017

L'equo canone è un canone di locazione il cui valore è definito dalla legge e, di conseguenza, non d..