Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Nullità del licenziamento

del 10/01/2011
CHE COS'È?

Nullità del licenziamento: definizione

Il licenziamento affetto da alcune “patologie ” può essere oggetto di impugnative.
Il licenziamento annullabile è il licenziamento mancante di giusta causa o di giustificato motivo. Ove questa mancanza non venga eccepita dal lavoratore attraverso la impugnazione dello stesso il licenziamento è efficace.
Il licenziamento è inefficace quando è intimato senza il rispetto della procedura e della forma prescritte dalla legge.
La legge considera nullo il licenziamento:

  • discriminatorio, intimato per ragioni politiche, religiose, razziali, di sesso e nazionalità, nonché dall’appartenenza ad un sindacato o alla partecipazione ad attività sindacali; intimato per ritorsione dove per tale si intende una reazione del datore di lavoro a comportamenti ritenuti sgraditi;
  • Ancora in tema di licenziamento nullo: intimato nel periodo di irrecedibilità previsto dalle norme in materia di maternità, intimato per causa di matrimonio.

Conseguenze: indipendentemente dalle dimensioni la nullità del recesso comporta sempre l’obbligo di reintegrazione nel posto di lavoro, oltre al risarcimento del danno subito dal lavoratore illegittimamente licenziato. L'onere di provare il motivo illecito del licenziamento grava sul lavoratore che lo alleghi a fondamento della domanda di reintegrazione; tale onere può essere assolto anche attraverso presunzioni , che devono essere gravi , precise e concordanti.

Dott. Gabriele Arveda
Ordine dei Consulenti del lavoro di Reggio Emilia
Bartoli & Arveda Associazione Professionale


COME SI FA

Qualsiasi licenziamento nullo, annullabile, inefficace deve essere impugnato.
A tale fine è sufficiente qualsiasi atto scritto extragiudiziale. In questo atto non devono essere esposti necessariamente i motivi per i quali si ritiene illegittimo il licenziamento e conseguentemente lo si impugna. Trattandosi di atto recettizio si presume conosciuto una volta che sia giunto all’indirizzo del destinatario. Grava sul lavoratore l’onere di provare la ricezione.


CHI

Per le valutazioni relative alla possibilità di procedere con l’impugnazione del licenziamento è necessario rivolgersi ad una associazione sindacale o ad un avvocato. Questi possono garantire la necessaria assistenza in caso di contenzioso.


vota  

DISCUSSIONI ARCHIVIATE

MIke

04/01/2012 20:10:18

Per impugnare il licenziamento orale si deve sottostare alla normativa del Collegato al lavoro oppure si applica la normativa previgente? Saluti

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e la Privacy
Voglio ricevere le newsletter di Professionisti.it
Voglio ricevere informazioni dai partner di Professionisti.it

CESSAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO: VOCI CORRELATE

Licenziamento ad nutum

di Dott. Gabriele Arveda del 10/01/2011

Il licenziamento costituisce una forma di recesso dal contratto di lavoro attuata unilateralmente da..

Impugnazione del licenziamento

di Dott. Gabriele Arveda del 10/01/2011

L’impugnazione consiste in un atto scritto con il quale il lavoratore esprime la volontà di contesta..

Licenziamento per giustificato motivo oggettivo

di del 14/09/2011

Per giustificato motivo oggettivo di licenziamento si definisce, in termini strettamente giuridici, ..

Revoca del licenziamento

di Dott. Gabriele Arveda del 10/01/2011

Il datore di lavoro può, prima del giudizio, revocare il licenziamento. La revoca passa attraverso l..

Lavoro: preavviso

di Rag. Bruno Bertocchi del 31/08/2011

La parte che esercita il diritto di recesso dal contratto di lavoro deve rispettare un periodo di pr..