Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Cittadinanza: Ius Sanguinis

del 25/01/2016
CHE COS'È?

Cittadinanza Ius Sanguinis: definizione

La cittadinanza italiana si trasmette da genitore a figlio secondo il principio dello ius sanguinis, che si distingue dallo ius soli (il quale, invece, presuppone l'acquisizione della cittadinanza in base al luogo di nascita). Nel nostro Paese, vengono considerati italiani tutti coloro che hanno almeno un genitore italiano, i discendenti di italiani che sono in grado di dimostrare la catena parentale fino ai parenti italiani e gli apolidi e i figli di ignoti nati in Italia. 


COME SI FA

Qual è il quadro normativo di riferimento?

La materia della cittadinanza e dello ius sanguinis è di competenza del Ministero dell'Interno, ed è regolata dalla legge numero 91 del 5 febbraio del 1992 con i regolamenti di esecuzione relativi: il DPR numero 572 del 12 ottobre del 1993 e il DPR numero 362 del 18 aprile del 1994. Questa legge, a differenza di quel che accadeva in passato, tiene in grande considerazione l'importanza della volontà del singolo nell'acquisizione della cittadinanza (e, evidentemente, nella perdita della stessa) e al tempo stesso stabilisce che una persona può essere titolare di più cittadinanze contemporaneamente. 

Quali sono i principi su cui la cittadinanza italiana si basa?

Il più importante è, come detto, il principio dello ius sanguinis, che ha a che fare con la trasmissibilità della cittadinanza per discendenza; in casi rari, poi, possono verificarsi la possibilità della doppia cittadinanza, l'acquisto iure soli e la manifestazione di volontà per l'acquisto della cittadinanza.


CHI

Il Ministero dell'Interno.


FAQ

1. Cosa si intende per ius sanguinis?

La cittadinanza per ius sanguinis, o per filiazione, è normata dall'articolo 1 della legge 91/92, che precisa che è cittadino italiano per nascita l'individuo figlio di madre o padre cittadini italiani. Lo ius sanguinis, in pratica, è il principio fondamentale per l'acquisizione della cittadinanza; lo ius soli, viceversa, può essere considerato come un evento eccezionale, un'ipotesi residuale. L'articolo, dichiarando in modo esplicito che la cittadinanza può essere trasmessa anche dalla madre, recepisce, per ciò che concerne la trasmissione dello status civitatis, il principio della parità tra la donna e l'uomo.

2. Lo ius sanguinis vale anche per i discendenti di italiani?

Sì, ma è necessario seguire una specifica procedura di accertamento, che spetta all'autorità competente del luogo in cui si risiede: per chi vive all'estero, per esempio, si tratta dell'Ufficio consolare competente territorialmente. Per prima cosa è necessario verificare che la discendenza derivi da un antenato italiano, senza limiti dal punto di vista delle generazioni: in sostanza, si può andare indietro nel tempo di decenni o addirittura di secoli, se l'accertamento è sicuro. Occorre, inoltre, accertare che l'antenato abbia conservato la cittadinanza fino alla nascita di chi richiede la cittadinanza. Un'attestazione dell'autorità straniera competente comprova la data di naturalizzazione o la mancata naturalizzazione. Tutti gli atti devono essere accompagnati da una traduzione ufficiale. La trasmissione della cittadinanza italiana è possibile anche per parte di madre solo per le persone che sono nate dopo il 1° gennaio del 1948, cioè la data in cui la Costituzione Italiana è entrata in vigore. Chi richiede la cittadinanza avendo degli antenati italiani è tenuto a presentare l'istanza con tutta la documentazione del caso, da avanzare all'Ufficio consolare di riferimento. 

3. La cittadinanza italiana può essere acquisita anche da soggetti minorenni?

Sì, la legge 91/92 stabilisce che ciò è possibile in seguito a una naturalizzazione del genitore, a una dichiarazione (o riconoscimento) giudiziale della filiazione o a una adozione. 
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

BUSINESS IMMIGRATION: CITTADINANZA: VOCI CORRELATE

Cittadinanza Italiana

di Avv. Benedetto Lonato del 23/05/2012

Lo status civitatis individua la posizione del singolo nell’ambito della collettività nazionale cert..

Cittadinanza italiana per adozione

di del 13/07/2016

La cittadinanza italiana può essere ottenuta per adozione, ma solo in casi particolari. Nello specif..

Cittadinanza italiana per filiazione

di del 01/02/2017

La cittadinanza italiana per filiazione è una delle modalità con cui può essere acquisita la cittadi..

Cittadinanza: perdita

di del 21/07/2016

La cittadinanza italiana può essere persa per rinuncia o in maniera automatica. La perdita automatic..

Cittadinanza italiana per beneficio di legge

di del 03/04/2017

La cittadinanza italiana per beneficio di legge è una procedura di acquisizione subordinata della ci..