Consulenza o Preventivo Gratuito

Il "giusto processo" ed i tempi della Giustizia italiana

del 16/07/2012

Il "giusto processo" ed i tempi della Giustizia italiana
“Ogni processo si svolge nel contraddittorio delle parti, in condizioni di parità, davanti a giudice terzo e imparziale. La legge ne assicura la ragionevole durata”.
Con questi termini l’art. 111 della Costituzione traccia le caratteristiche essenziali del “giusto processo”, vale a dire del processo che, secondo la Carta fondamentale, dovrebbe essere assicurato ad ogni individuo.
Tra i principi basilari ai quali il processo (penale, civile o amministrativo che sia) è informato, vi è, dunque, anche quello della “durata ragionevole”.
Il problema è che, come noto, il processo medio italiano è tutto tranne che di ragionevole durata.
E la legge, a dispetto del disposto costituzionale, non assicura nulla al riguardo.

A leggere i dati periodicamente pubblicati sulla durata media dei processi nel nostro Paese, c’è di che preoccuparsi, perché si parla ormai di oltre 8 anni e 3 mesi per una causa penale e qualche mese in più per una causa civile (in particolare 8 anni e 6 mesi); e c'e' di che vergognarsi, perché l’Italia è, visti questi tempi, il “fanalino di coda” tra i paesi OCSE.
Uscendo dalla media, non mancano, poi, casi eclatanti, con fascicoli che giacciono, tra un rinvio e l’altro, ormai da decenni sugli scaffali delle cancellerie, a testimonianza della sostanziale inutilità delle numerose “riforme della giustizia” nel frattempo intervenute.
Così, non è eccezionale che una causa civile su cinque si protragga tra i 16 e 20 anni; mentre un processo penale, in circa il 17% dei casi, duri – prescrizione permettendo, naturalmente – fino a 15 anni.

Alla visione di questo quadro non è retorico affermare che, se da un lato è preoccupante che un soggetto debba aspettare anni e anni, anche solo per vedersi riconosciuto un suo diritto di credito in sede civile, dall’altro lato non è tollerabile che alcuni fondamentali diritti della persona, a cominciare dalla libertà personale, possano restare in gioco fino a 15 anni.

Non c’è quindi da stupirsi se, come risulta da alcuni dati, una significativa percentuale (pari al 44%) dei clienti degli avvocati ritiene troppo alte le parcelle di questi ultimi.
Ciò, probabilmente, perché i clienti tendono a riflettere sull’operato dell’avvocato quel grave disservizio di cui, in realtà, è vittima lo stesso professionista.

Non è poi rassicurante che il Legislatore abbia, per così dire, preso atto della cronicità della lentezza dei giudizi italiani al punto da adottare una legge (L. n. 89/2001, c.d. Legge Pinto), che ha semplicemente istituzionalizzato il difetto dei processi nostrani, garantendo a coloro che ne abbiano subito un danno, un' "equa riparazione”.
E’ recente la notizia che il Governo sta pensando di stabilire in importi fissi quest’equa riparazione: da un minimo di 500,00 euro ad un massimo di 2.000,00 euro per ciascun anno o frazione di anno oltre le soglie consentite, che sarebbero le seguenti: tre anni per il giudizio di primo grado, due per quello d’appello e altrettanti per quello di legittimità (si veda l’art. 2 del ddl. n. 3125, consultabile sul sito internet del Senato).
Sulla pretesa equità di tali somme, lascio al lettore ogni considerazione.

Non sono però mancati interventi legislativi apprezzabili: dal processo telematico, che, a fatica, sta finalmente diventando realtà, con vantaggio indiscutibile di tutti gli operatori del diritto, all’introduzione della mediazione obbligatoria di cui al d.lgs. n. 28/2010, sulla quale è invece ancora prematuro esprimere un giudizio.
Provvedimenti, questi ultimi, espressione rispettivamente di quella semplificazione e di quella incentivazione a ricorrere a vie alternative di soluzione delle controversie, che ben possono considerarsi come gli strumenti essenziali per risolvere strutturalmente il problema della durata irragionevole del processo in Italia.

Avv. Giorgio Albé
vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Corte di Cassazione: online i ricorsi

del 08/07/2010

Finalmente può partire il protocollo che permette agli avvocati la consultazione online dei ricors...

Fare causa d'ora in poi costerà di più

del 16/07/2010

Il maxiemendamento alla riforma finanziaria prevista dal Ministro Tremonti introduce un aumento del...

In arrivo il Regolamento di attuazione sulla conciliazione

del 20/09/2010

Fa già discutere per alcune carenze e zone d’ombra rilevate dal Consiglio di stato e dal Consiglio n...