Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Programma delle rete ciclo pedonale

del 02/11/2017
CHE COS'È?

Programma delle rete ciclo pedonale: definizione

Il programma della rete ciclo pedonale è stato individuato dal Decreto Ministeriale n. 577 del 30 novembre del 1999 come lo strumento di pianificazione di cui devono munirsi gli enti locali per la predisposizione di interventi che abbiano lo scopo di migliorare la riconoscibilità dell'itinerario ciclabile, di aumentare la sua attrattività e di accrescere la sua continuità. Il piano della rete degli itinerari ciclabili, inoltre, intende promuovere e favorire un migliore livello di mobilità pedonale e ciclistica. 


COME SI FA

Come si realizza il programma della rete ciclo pedonale?

Il programma della rete ciclo pedonale, in quanto strumento di pianificazione concepito ad hoc per la mobilità ciclabile, prevede l'analisi degli elementi e delle criticità che caratterizzano lo stato di fatto: la presenza di percorsi ciclo pedonali e le carenze infrastrutturali, la predisposizione di zone a velocità limitata, le iniziative tese a promuovere la ciclabilità, e così via. Il processo di programmazione deve, tra l'altro, integrare un incremento della sicurezza stradale, oltre alla risoluzione delle criticità funzionali delle infrastrutture che già esistono e all'aumento della copertura territoriale della rete ciclo pedonale, da sviluppare anche attraverso la riconnessione di percorsi frammentati.


CHI

Le amministrazioni comunali.


FAQ

1. Qual è il valore di un programma della rete ciclo pedonale?

Da diversi anni, ormai, sia gli indirizzi internazionali che quelli nazionali sono orientati in direzione di un sistema di mobilità generale più sostenibile, che promuova modalità di spostamento alternative rispetto al ricorso alle auto private. I benefici che si possono ricavare dalla diminuzione della quantità di veicoli a motore che circolano per le strade sono molteplici, sia dal punto di vista ambientale che dal punto di vista sanitario, oltre che sotto il profilo economico. In più, è necessario prendere in considerazione una qualità urbana maggiore, connessa al contenimento della congestione viaria.

2. Qual è il quadro normativo di riferimento?

Il riferimento normativo può essere individuato nella Risoluzione sulla sicurezza stradale europea per il 2011-2020 prevista dal Parlamento Europeo e risalente al 27 settembre del 2011. L'assemblea raccomanda l'introduzione, per le zone residenziali, di una velocità massima di 30 chilometri orari, che dovrebbe essere prevista anche per le strade urbane a una corsia sola che non sono dotate di una pista ciclabile separata. 

3. Quali sono i criteri generali che devono essere seguiti per la pianificazione del programma della rete ciclo pedonale?

In primo luogo, c'è bisogno di una certa coerenza normativa, grazie a cui si possa beneficiare di chiarezza e omogeneità di comunicazione soprattutto per ciò che concerne i reciproci obblighi di comportamento.  Sono necessarie, inoltre, la riconoscibilità dei percorsi e l'efficienza dei tracciati ciclo pedonali: ciò vuol dire aumentare la leggibilità e la conoscenza degli itinerari, non solo per gli utenti abituali ma anche per quelli saltuari, e garantire la possibilità di spostamenti diretti e veloci senza dover usare l'auto privata. I criteri in questione vanno rapportati alla situazione reale, tenendo conto delle funzioni stradali e della disponibilità di spazio. Tutti gli interventi di revisione dell'esistente e di nuova progettazione devono prendere in considerazione la densità del contesto edilizio e la sua tipologia (può essere produttivo o residenziale), ma anche le caratteristiche del traffico in termini di velocità, di flussi e di composizione, senza trascurare l'organizzazione della piattaforma stradale dal punto di vista della presenza dei marciapiedi, della larghezza delle corsie e di molti altri fattori. 
vota  

Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati

URBANISTICA: VOCI CORRELATE

Piano del colore degli edifici

di del 24/08/2016

Il piano del colore degli edifici è uno strumento urbanistico che può venire adottato da un'amminist..

Recupero architettonico

di Arch. Walter Caglio del 11/04/2011

Il Recupero Architettonico è un intervento finalizzato a recuperare il patrimonio edilizio esistente..

Piano territoriale paesaggistico

di del 23/08/2017

Il piano territoriale paesaggistico è uno strumento urbanistico che concentra l'attenzione sui valor..

Piano energetico comunale

di del 23/05/2017

Il piano energetico comunale è uno strumento di pianificazione obbligatorio in Italia per tutti i Co..

Piano d’area vasta

di del 24/07/2017

Il piano d'area vasta, noto anche come piano territoriale d'area vasta, è lo strumento che ha lo sco..