Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Piano attuativo

del 30/09/2016
CHE COS'È?

Piano attuativo: definizione

La predisposizione di un piano attuativo, nelle parti di territorio comunale in cui è obbligatoria nell'ambito del Pgt, cioè il Piano di Governo del Territorio, è subordinata alla sottoscrizione di una convenzione urbanistica, relativa alla realizzazione degli interventi che sono previsti da quello stesso piano e riguardante la conformità alle varie disposizioni di legge. Tutte le proposte di piano attuativo - sia che si tratti di un piano di recupero, sia che si tratti di un piano di lottizzazione, e così via - devono essere accompagnate dalla convenzione relativa.


COME SI FA

Come si presenta una proposta di piano attuativo?

Per presentare una proposta di piano attuativo è necessario integrarla con la convenzione urbanistica stilata secondo lo schema tipo che viene messo a disposizione dall'amministrazione comunale di riferimento.

Che cos'è il Piano di attuazione comunale?

Noto anche come Pac, il Piano di attuazione comunale (cioè il piano attuativo) non è altro che un piano particolareggiato relativo a un intervento edilizio in cui viene preso in esame nel dettaglio il disegno urbanistico che ha a che fare con quell'intervento: esso è indispensabile in tutte le circostanze in cui sia prevista l'attuazione indiretta dal Piano regolatore. 


CHI

La proposta di piano attuativo deve essere redatta da un ingegnere o da un architetto, vale a dire un tecnico laureato iscritto a un albo professionale.


FAQ

1. Quali sono i tipi di Piani di attuazione comunale a disposizione?

I Piani di attuazione comunale possono essere di vario genere: ci sono, per esempio, i Piani attuativi comunali propriamente detti, sia di iniziativa privata che di iniziativa pubblica, che si presentano come uno strumento urbanistico ad attuazione indiretta per cui vengono stabilite regole generali, come la divisione in lotti, la realizzazione di una strada di accesso, il numero di costruzioni, e così via. In linea di massima, gli ambiti che vengono chiamati in causa superano i 2mila metri quadri di superficie, un po' nel solco dei vecchi piani di lottizzazione. Vi sono, poi, i Piani di recupero, che in questo caso sono soprattutto di iniziativa pubblica: essi identificano i singoli lotti di intervento e specificano le regole da seguire, riguardando ambiti situati in aree già urbanizzate che si caratterizzano per elementi di delicatezza, in genere a causa del contesto in cui si trovano o delle condizioni di degrado che li contraddistinguono.

2. Come nasce un piano attuativo?

Ogni piano attuativo deve essere valutato dall'amministrazione comunale e successivamente approvato. Il privato che ha una proprietà sottoposta a vincoli di attuazione indiretta non deve fare altro che presentare in Municipio il proprio progetto: a quel punto viene aperta un'istruttoria dall'amministrazione, che valuta che il progetto sia in linea con quanto previsto dal Piano regolatore. Una volta che sono stati assunti tutti i pareri preventivi dei diversi settori comunali chiamati in causa, vengono precisati i termini della convenzione che successivamente disciplinerà i rapporti tra il privato e l'amministrazione.

3. Il piano attuativo è pubblico?

Il piano attuativo viene adottato in Consiglio comunale, nel caso in cui provenga una richiesta esplicita in tal senso da non meno di un terzo dei consiglieri, o in Giunta in seduta pubblica. Dopodiché viene pubblicato, in modo tale che nei trenta giorni successivi i cittadini possano presentare opposizioni e osservazioni in materia: il Comune è tenuto ad aprire un'istruttoria per ciascuna opposizione e per ciascuna osservazione, per poi decidere se accoglierle o no. 
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

URBANISTICA: VOCI CORRELATE

Recupero architettonico

di Arch. Walter Caglio del 11/04/2011

Il Recupero Architettonico è un intervento finalizzato a recuperare il patrimonio edilizio esistente..

Programma delle rete ciclo pedonale

di del 02/11/2017

Il programma della rete ciclo pedonale è stato individuato dal Decreto Ministeriale n. 577 del 30 no..

Piano energetico comunale

di del 23/05/2017

Il piano energetico comunale è uno strumento di pianificazione obbligatorio in Italia per tutti i Co..

Piano regolatore generale intercomunale

di del 06/09/2017

Nell'ordinamento del nostro Paese, il piano regolatore generale intercomunale rappresenta uno strume..

Piano delle regole

di Arch. Simona Ferradini del 09/03/2011

Il Piano delle Regole è un atto del Piano del Governo del Territorio (P.G.T.) che disciplina l'inter..