Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Rapporti aeroilluminanti

del 31/03/2011
CHE COS'È?

Rapporti aeroilluminanti: definizione

I rapporti aeroilluminanti esprimono il rapporto tra la superficie illuminante (vetrata) e/o la superficie apribile (vetrata o non) delle aperture presenti in ogni locale rapportata alla superficie di pavimento del locale stesso. Più precisamente nel primo caso si parla di rapporti illuminanti, mentre nel secondo di rapporti aeranti. I rapporti minimi di illuminazione ed aerazione naturale e diretta vengono definiti in funzione della destinazione di utilizzo dei vari locali e fissati dai regolamenti edilizi e dai regolamenti locali di igiene che ne prescrivono le modalità di computo e verifica. Per particolari tipologie di ambienti sono tuttavia consentiti sistemi artificiali di illuminazione e aerazione. Il rispetto dei requisiti minimi aeroilluminanti è condizione necessaria per l’igienicità e l’abitabilità delle costruzioni.



COME SI FA

La verifica dei rapporti aeroilluminanti deve essere eseguita locale per locale, rapportando la superficie utile illuminante ed aerante naturalmente il locale per la superficie di pavimento dello stesso, confrontando poi il risultato con i valori minimi fissati dai regolamenti edilizi o dai regolamenti locali di igiene, in funzione della destinazione d’utilizzo del locale. L’individuazione della superficie utile valida ai fini dei rapporti aeroilluminanti è specificata nei regolamenti edilizi o nei regolamenti locali di igiene.


CHI

La verifica dei rapporti aeroilluminanti deve essere eseguita in caso di interventi edilizi che modifichino o il numero/dimensione delle aperture finestrate e apribili o la superficie del locale o la destinazione d’utilizzo degli stessi e costituisce un allegato dimostrativo alle richieste di titolo edilizio abilitativo per l’esecuzione dei lavori, da inoltrarsi ai competenti uffici comunali a cura di professionisti abilitati (es. geometri, ingegneri, architetti).




FAQ

I rapporti aeroilluminanti possono variare da comune a comune?

Sì, in quanto vengono fissati dai regolamenti edilizi comunali e dai regolamenti locali di igiene.

Come si procede in caso di superfici illuminanti differenti dalle superfici aeranti?

In tali casi occorre eseguire distintamente la verifica e confrontare i risultati con i rapporti minimi da garantire per l’illuminazione e l’aerazione naturale nei singoli locali.

In tutti i locali devono essere garantiti i rapporti aeroilluminanti?

Nei regolamenti edilizi comunali e nei regolamenti locali di igiene sono specificamente individuati i locali nei quali devono essere garantiti i rapporti aeroilluminanti.
vota  

Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati

URBANISTICA: VOCI CORRELATE

Programma integrato di intervento

di del 04/10/2016

Il programma integrato di intervento è uno strumento di carattere urbanistico il cui scopo è rappres..

Piano d’area vasta

di del 24/07/2017

Il piano d'area vasta, noto anche come piano territoriale d'area vasta, è lo strumento che ha lo sco..

Piano del colore degli edifici

di del 24/08/2016

Il piano del colore degli edifici è uno strumento urbanistico che può venire adottato da un'amminist..

Piano territoriale paesaggistico

di del 23/08/2017

Il piano territoriale paesaggistico è uno strumento urbanistico che concentra l'attenzione sui valor..

Piano energetico comunale

di del 23/05/2017

Il piano energetico comunale è uno strumento di pianificazione obbligatorio in Italia per tutti i Co..