Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Agevolazioni fiscali: pratiche amministrative

del 27/03/2017
CHE COS'È?

Agevolazioni fiscali pratiche amministrative: definizione

Le pratiche amministrative da svolgere per usufruire delle agevolazioni fiscali si basano sulle fatture emesse all'atto dei pagamenti: esse sono indispensabili anche per le rate che vengono versate come acconti. La sola forma di pagamento consentita per i privati che abbiano intenzione di beneficiare di detrazioni fiscali è il bonifico bancario o postale: ciò vuol dire che le disposizioni di accredito, i pagamenti effettuati con la carta di credito o gli assegni non sono sufficienti. Il bonifico permette, infatti, di sapere chi usufruisce delle detrazioni, per quale tipo di intervento e in funzione di quale normativa: ecco spiegato il motivo per cui devono essere riportate le informazioni del libero professionista o dell'azienda cui sono destinate le somme pagate, così che possa essere applicata la ritenuta di acconto al 4% che deve essere trattenuta dall'importo che è stato corrisposto direttamente dall'istituto di credito, che provvede poi a versarla all'erario. Nell'eventualità in cui si verifichi un errore nella compilazione dei dati, si rischia di perdere il diritto alle agevolazioni fiscali.


COME SI FA

Le agevolazioni fiscali possono essere richieste direttamente tramite la dichiarazione dei redditi: nel modello predisposto è necessario mettere una spunta sulla tipologia di intervento per cui si richiedono le agevolazioni - per esempio, per la riqualificazione energetica di un edificio o per la sua ristrutturazione - in modo tale che l'erario sia subito in grado di stabilire la percentuale di detrazione che spetta al richiedente. La stessa cosa deve essere fatta anche quando si effettua il bonifico: nella sua compilazione è opportuno prestare la massima attenzione ai dati di chi dispone il pagamento, ricordando che il mittente è il soggetto a cui le fatture sono intestate. La voce "dati del beneficiario della detrazione" prevede l'inserimento del nome, del cognome e del codice fiscale del soggetto che predispone il pagamento. Mentre le banche online permettono di eseguire queste operazioni in maniera gratuita, i bonifici allo sportello prevedono un costo di pochi euro. Vale la pena di ricordare che se le agevolazioni fiscali vengono richieste per interventi di riqualificazione che riguardano immobili cointestati, anche la detrazione deve essere condivisa: in tale circostanza bisogna specificare non solo i dati del soggetto che dispone il pagamento, ma quelli di tutti i proprietari.


CHI
Un commercialista.

FAQ

1. Come ci si deve comportare nel caso in cui si commetta un errore nella compilazione delle pratiche amministrative?

In linea di massima, ogni errore fa venir meno il diritto all'agevolazione fiscale. Il diritto non viene perso solo se gli errori sono relativi al riferimento normativo indicato nella causale del bonifico; se si vuole essere certi di evitare la perdita delle agevolazioni, il consiglio è quello di ripetere il bonificio, ovviamente dandone comunicazione a chi lo riceve in modo tale che non venga pagata due volte la ritenuta del 4%.

2. Come si compila la dichiarazione dei redditi?

Al di là del fatto che si ricorra al 730 o al Modello Unico, è necessario specificare i dati catastali dell'immobile per i cui lavori vengono richieste le agevolazioni, allegando tutti i documenti richiesti: la detrazione avviene con un rimborso economico in busta paga per i dipendenti che usano il 730 a compensazione dell'Irpef che il datore di lavoro ha versato in eccesso in precedenza, mentre le aziende e i liberi professionisti beneficiano di sgravi fiscali che vanno a compensare l'Irpef che dovrà essere versato in futuro.
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

COMPRAVENDITA IMMOBILIARE: VOCI CORRELATE

Contratto preliminare di vendita

di Avv. Gianfranco Di Rago del 10/06/2011

Il contratto preliminare di compravendita immobiliare è l’accordo scritto con il quale il venditore ..

Compravendita: garanzia per evizione

di Avv. Luca Amati del 11/07/2016

La garanzia da evizione fa riferimento non già alla condizione materiale della cosa venduta (come av..

Trascrizione immobiliare

di Avv. Armando Stinco del 21/02/2013

Il termine trascrizione descrive un complesso procedimento di cui è parte il soggetto che presenta l..

Compravendita: prezzo del bene

di Avv. Luca Amati del 13/06/2011

Il pagamento del prezzo del bene venduto costituisce l’obbligazione principale a carico dell’acquire..

Rogito

di Arch. Silvia Cipelli del 10/07/2013

Si definisce rogito l’atto pubblico di compravendita di un immobile: sancisce il passaggio di propri..