CERCA UN PROFESSIONISTA
CERCA NELL'ENCICLOPEDIA
 

Minaccia

Ordine degli Avvocati di Milano

Aggiornato al 22/09/2011

CHE COS'È

La minaccia è un reato, punito dal codice penale con una multa o, nei casi più gravi, anche con il carcere fino ad un anno. Il reato sussiste quando si prospetta a qualcuno un male futuro, un danno ingiusto, con parole o con atti, in modo espresso o tacito, ma comunque in grado di turbare o di diminuire la libertà psichica e morale della vittima.
(Codice penale articolo 612)

Avv. Barbara Bruno
Ordine degli Avvocati di Milano
Studio Avvocato Bruno

COME SI FA

Si commette il reato di minaccia con ogni manifestazione esterna a mezzo della quale, a fine intimidatorio, venga rappresentato ad un soggetto il pericolo di un male ingiusto che, in un futuro più o meno prossimo, possa essergli causato dal colpevole, o da altri per lui, nella persona o nel patrimonio. Ovviamente, se si prospetta un qualcosa di assolutamente generico, occorre che il contesto della vicenda e i rapporti tra le parti, e cioè la situazione di fatto, del momento, rendano evidente l'ingiustizia del danno futuro che viene prospettato. Si può commettere il reato di minaccia con ogni mezzo e con ogni comportamento. E’ necessario però che essi siano idonei a suscitare, in chi li subisce, il timore o la preoccupazione di dover sopportare o soffrire un male ingiusto. Non è indispensabile quindi che la persona destinataria resti effettivamente intimidita.

CHI

Se si è sottoposti ad indagine per il reato di minaccia, è necessario nominare un avvocato penalista di fiducia, affinché possa verificare la fondatezza dell’accusa, gli elementi raccolti a carico e scegliere la miglior strategia difensiva possibile, magari svolgendo indagini difensive. Sarà utile verificare, con il supporto del legale, se effettivamente il fatto di cui si è accusati possa rientrare nella descrizione fatta dal codice penale e sia quindi qualificabile come reato. Se mancano degli elementi formali o sostanziali, infatti, il reato potrebbe non sussistere.

FAQ

Il reato di minaccia è procedibile a querela?

Sì. Se però la minaccia è particolarmente grave o è stata posta in essere con armi, o da più persone riunite, o da persone che si siano rese irriconoscibili perché “travisate”, non c’è bisogno di querela: si procede d’ufficio, bastando cioè che il magistrato abbia ricevuto in qualunque modo notizia del fatto. 

Il reato sussiste anche se la persona offesa non è presente?

Sì. Non occorre infatti che la minaccia si realizzi in presenza della persona offesa. E’ solo necessario che questa ne sia venuta a conoscenza anche tramite altre persone, in un contesto spaziale, temporale o inter-personale che faccia ritenere che l'agente abbia la volontà di produrre l’effetto intimidatorio. Si pensi al caso, ad esempio, in cui la minaccia sia esternata appositamente a persona legata al soggetto passivo da relazioni di parentela, amicizia e di lavoro, e che in quanto tale certamente riferirà al diretto interessato. 

Quando la minaccia è considerata “grave”?

La gravità della minaccia, che fa scattare l’ipotesi del secondo comma dell’articolo 612 del codice penale (che punisce con la reclusione e non con la multa) non dipende unicamente dalla gravità del danno minacciato, ma va accertata con riferimento all'entità del turbamento psichico causato alla vittima. Questa entità deve valutarsi tenendo conto di tutto l’insieme delle circostanze e delle particolari condizioni sia dell'agente che della persona offesa. (In un caso di cronaca, il Giudice aveva infatti escluso che la frase "io ti ammazzo" integrasse gli estremi della minaccia grave, sia perché era stata pronunciata nel contesto di una lite coniugale sia perchè la stessa destinataria della minaccia aveva riferito di non averla reputata seria ed attendibile).

Se il male minacciato è di impossibile realizzazione, sussiste lo stesso il reato?

L'impossibilità di realizzare il male minacciato esclude il reato solamente qualora si tratti di impossibilità assoluta, non anche quando la minaccia sia comunque idonea ad ingenerare un timore nel soggetto passivo e ad incidere sulla sua libertà morale.


Questa spiegazione ti è stata utile?
Vuoi collaborare a migliorare il contenuto? La spiegazione..

STUDI COMPETENTI SULLA VOCE

Avvocati

Studio Legale Avv. Alberto Scapaticci

Contrada S. Croce, 13
25122 - Brescia (BS)
Tel. 0303774004 - Fax. 03047094

mail@studioscapaticci.it - www.studioscapaticci.it

IN EVIDENZA
Reati contro la PA, Reati di falso, Reati contro l'industria e il commercio, Reati contro la famiglia, Reati contro la persona, Reati contro il patrimonio, Stupefacenti, Violazioni del codice della strada, Reati fallimentari, Reati societari
Avvocati

Studio Legale Motta Avv. Amerigo

Via Lombardia, 3
20832 Desio (MB)
Tel. 0362303452 - Fax. 0362305131

desio@studiolegalemotta.it - www.studiolegalemotta.it

IN EVIDENZA
Divorzio, Separazione dei coniugi, Successioni, Reati contro la famiglia, Reati contro la persona, Reati contro il patrimonio, Reati tributari, Condominio, Locazione commerciale, Recupero crediti
Avvocati

Avv. Domenico Margariti

Largo Giardino Gaetano, 7
21052 Busto Arsizio - Busto Arsizio (VA)
Tel. 0331620051 - Fax. 0331675256

domenico@studiomargariti.com

IN EVIDENZA
Successioni, Reati contro la PA, Reati contro la persona, Stupefacenti, Violazioni del codice della strada, Reati fallimentari, Reati societari, Reati tributari, Reati Edilizia e Urbanistica, Fallimento
CALCOLO MINI IMU
Inserisci la tua rendita
catastale e procedi al
Calcolo Mini IMU →







VOCI CORRELATE

Caporalato
Aggiornato al 03/10/2011


Rissa
Aggiornato al 26/01/2011


Circonvenzione di incapace
Aggiornato al 31/03/2011


Violenza sessuale
Aggiornato al 04/10/2012


Violenza privata
Aggiornato al 27/04/2011


Diffamazione a mezzo stampa
Aggiornato al 20/07/2011


Violazione di domicilio
Aggiornato al 31/03/2011


Diffamazione
Aggiornato al 16/09/2011


Stalking
Aggiornato al 22/09/2011


[x] chiudi

Ingiuria
Aggiornato al 22/09/2011



FEED
SHARE
Scrivici  per informazioni sul servizio
La redazione è offline