Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Caso fortuito per forza maggiore

del 14/03/2013
CHE COS'È?

Caso fortuito per forza maggiore: definizione

Recita l'art. 45 del codice penale che "non è punibile chi ha commesso il fatto per caso fortuito o per forza maggiore", ove viene esclusa la punibilità del soggetto agente, o meglio la configurabilità del reato, per difetto di colpevolezza.
Pertanto sia la forza maggiore che il caso fortuito escludono l'elemento soggettivo del reato, ma, mentre nell'ipotesi del caso fortuito avviene l'improvviso inserimento, nella condotta dell'agente di un fattore imprevedibile che rende fatale il determinarsi dell'evento, nel caso della forza maggiore, invece, l'evento deriva da un fatto naturale o di altro uomo alla cui azione il soggetto non si può sottrarre.
Sicchè carattere del caso fortuito è l'imprevedibilità, mentre nella forza maggiore è l'irresistibilità.
Caso fortuito e forza maggiore sono accomunati dal fatto che la prova della loro sussistenza deve essere fornita da chi li invoca. Ciò in base al c.d. onere dell'allegazione, in forza del quale l'imputato è tenuto a collaborare alla ricerca della verità materiale, indicando fatti e circostanze ignoti, idoeni a volgere a suo favore.

COME SI FA
Il fatto così commesso non costituisce illecito penale. Ad esempio: se un automobilista percorre una strada cittadina a modesta velocità, nei limiti consentiti, e comunque urta un ciclista, qualora quest'ultimo stesse procedendo ad altissima velocità tale da non consentire all'automobilista di evitarlo, poichè comparso all'improvviso alla sua visuale da un incrocio, le eventuali lesioni patite dal ciclista non saranno addebitabili al conducente del veicolo. Sussiterà, infatti, la colpa del ciclista e il caso fortuito del conducente dell'auto.
Esempio di forza maggiore è invece il caso di un imbianchino che, mentre si trova su un'impalcatura, viene sbalzato improvvisamente a terra da una fortissima raffica di vento, e nel cadere lo stesso investe un pedone che muore. L'imbianchino non sarà punibile perchè, sebbene la sua azione abbia cagionato l'evento morte del passante, tale azione è stata determinata da forza maggiore: la folata improvvisa di vento.
In entrambe i casi, quindi, concludendo, difetta il nesso psichico tra la condotta e l'evento, il quale non è stato commesso con coscienza e volontà.
Unico caso in cui la giurisprudenza esclude l'art. 45 c.p. sono le difficoltà economiche del soggetto agente che non escludono la punibilità del fatto - reato.

CHI
Diritto penale parte generale: la punibilità e casi di sclusione.

vota  

Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati

REATI: VOCI CORRELATE

Reati commessi all'estero

di del 01/12/2017

Per conoscere le normative italiane relative ai reati commessi all'estero è necessario fare riferime..

Dolo

di del 29/10/2015

In diritto, il dolo rappresenta la volontà di una persona che si concretizza in un comportamento o i..

Delitto tentato

di Avv. Carlo Melzi d'Eril del 21/03/2011

Un delitto si dice consumato quando il soggetto agente pone in essere il fatto di reato previsto dal..

Colpa

di del 10/03/2016

La colpa, in diritto, presuppone che un atto giuridico avvenga nonostante la volontà di chi l'ha com..

Errore di fatto

di del 18/12/2017

In materia legislativa, l'errore di fatto deve essere distinto dall'errore di diritto. Esso si concr..