Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Corruzione di minorenne

del 18/05/2017
CHE COS'È?

Corruzione di minorenne: definizione

La corruzione di minorenne è un reato previsto dall'articolo 609 quinquies del Codice Penale, che stabilisce la punizione con la reclusione da uno a cinque anni per chiunque si renda protagonista di atti sessuali compiuti di fronte a una persona con meno di 14 anni di età. La stessa punizione è prevista per chiunque faccia assistere al minore di 14 anni alla mostra di materiale pornografico o al compimento di atti sessuali con l'obiettivo di convincerlo a subire o a compiere atti sessuali. Si aumenta la pena nel caso in cui il reato venga compiuto dal membro di un'associazione per delinquere e abbia lo scopo di favorirne l'attività, nel caso in cui dal reato derivi un pregiudizio grave per il minore per colpa della reiterazione delle condotte, nel caso in cui il reato venga compiuto da più persone insieme o nel caso in cui il reato venga compiuto con violenze gravi. Ancora, se il colpevole è il tutore del minore di 14 anni, un ascendente, un genitore naturale, un genitore adottivo, il convivente di un genitore o qualsiasi altra persona che abbia una relazione di stabile convivenza con la vittima per ragioni di custodia, di vigilanza, di istruzione, di educazione o di cura, è previsto un aumento della pena fino alla metà. 


COME SI FA

Qual è la ratio legis?

Lo scopo della disposizione è quello di assicurare uno sviluppo della sfera sessuale del minore equilibrato e armonioso.


CHI

Un avvocato penalista.


FAQ

1. Qual è l'elemento soggettivo del reato?

L'elemento soggettivo del reato è il dolo generico, dal momento che non è detto che il soggetto attivo per poter essere punito debba compiere gli atti sessuali con l'obiettivo di mostrarli a un minore; lo scopo può essere anche quello del semplice soddisfacimento di un desiderio sessuale che, tuttavia, avviene di fronte a un minore. Il dolo è rappresentato, oltre che dalla volontà e dalla coscienza di compiere uno o più atti sessuali, dalla consapevolezza della presenza di un minore - consapevolezza psichica, oltre che fisica -, da intendersi come la mancanza di cause che impediscano la percettibilità psichica o la percezione sensoriale. L'offesa è da rilevare nella messa in pericolo del bene giuridico, che è l'intangibilità sessuale o anche il semplice lato psichico del danno. La corruzione di minorenne, proprio per questo motivo, è un reato di pericolo astratto, dal momento che non si può escludere a priori la possibilità che il danno si verifichi e non si può verificare il pericolo concreto.

2. La corruzione di minorenne può avvenire nel momento in cui si configura il reato di atti osceni in luogo pubblico?

Sì, i due delitti possono formalmente concorrere nel caso in cui l'agente si renda protagonista di una condotta che non si limiti a offendere l'onore sessuale o il pudore, ma venga posta in essere così da coinvolgere la persona offesa sul piano emotivo. 

3. La corruzione di minorenne può essere configurata nel caso di atti di libidine compiuti sulla vittima?

No, secondo l'articolo 609 quinquies del codice penale, che è stato introdotto con la legge n. 66 del 15 febbraio del 1996, se il minorenne non è solo uno spettatore ma subisce gli atti sessuali, e quindi è a sua volta destinatario delle attenzioni dell'agente, non si può parlare di corruzione di minorenne ma di atti sessuali con minorenne, una figura criminosa prevista dall'articolo 609 quater. 
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

REATI CONTRO LA PERSONA: VOCI CORRELATE

Violazione di domicilio

di Avv. Barbara Bruno del 07/07/2016

La violazione di domicilio è un reato. Lo commette chiunque entri o si trattenga nell’abitazione di..

Omicidio del consenziente

di del 28/04/2017

L'omicidio del consenziente è un reato previsto dall'articolo 579 del codice penale, che stabilisce ..

Diffamazione

di Avv. Rachele V. Putignano del 08/07/2016

La diffamazione è un reato comune disciplinato nel codice penale all'articolo 595. La norma in esame..

Ingiuria

di Avv. Carlo Melzi d'Eril del 22/09/2011

L'ingiuria è un reato che tutela l'onore. Per onore, tradizionalmente, s'intende il sentimento e l'..

Offese

di del 08/03/2017

Le offese rientrano, a livello penale, nel concetto di ingiuria, un delitto previsto dall'articolo 5..