Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Ingiuria

del 22/09/2011
CHE COS'È?

Ingiuria: definizione

L'ingiuria è un reato che tutela l'onore.
Per onore, tradizionalmente, s'intende il sentimento e l'idea che ciascuno ha di sé nonché il rispetto e la stima di cui ciascuno gode presso il gruppo sociale. In questo seconda accezione si parla comunemente anche di reputazione.
Il delitto di ingiuria è previsto dall'articolo 594 codice penale e punisce chiunque offende appunto l’onore e il decoro di una persona presente. La punibilità è estesa anche alle offese trasmesse con comunicazioni a distanza, ossia telefono, scritti, disegni diretti alla persona offesa.
La pena prevista è quella della reclusione fino a sei mesi o della multa fino a euro 516.
Qualora l’offesa consista nell’attribuzione di un fatto determinato, la pena è aumentata (reclusione fino a un anno o multa fino a euro 1.032).
La pena è aumentata anche nel caso in cui la condotta offensiva sia tenuta alla presenza di più persone.
Infine, è prevista una ulteriore circostanza aggravante (articolo 3 legge 205 del 1993) nel caso in cui l’ingiuria abbia finalità di discriminazione o di odio etnico, nazionale, razziale o religioso. Ciò accade quando l’offesa origina da un consapevole e percepibile sentimento di avversione o di discriminazione fondato sulla razza, l'origine etnica o il colore, ossia quale disprezzo idoneo a dare luogo al concreto pericolo di comportamenti discriminatori.

Avv. Carlo Melzi d'Eril
Ordine degli Avvocati di Milano
ACCMS Studio Legale


COME SI FA

L’ingiuria è un reato che può essere commesso da chiunque.
La condotta offensiva dell’onore o del decoro può manifestarsi sia attraverso espressioni verbali, che gesti di natura dispregiativa (ad esempio uno sputo). Inoltre, possono assumere rilevanza anche offese trasmesse attraverso mezzi di comunicazione a distanza, come una mail, una lettera o una telefonata, dirette a una determinata persona.
Elemento caratterizzante del reato di ingiuria è che la condotta offensiva deve essere posta in essere in presenza della persona cui è indirizzata. A questo proposito si ritiene che tale presenza deve essere effettiva e che il soggetto offeso, anche se non materialmente visto dal soggetto agente, sia in grado di percepire le espressioni lesive a lui rivolte.
L’ingiuria è un reato a dolo generico, per cui si ritiene sufficiente la consapevolezza della potenzialità offensiva delle espressioni usate e la volontà di divulgarle alla presenza del soggetto passivo, anche in assenza della specifica intenzione di offendere.


CHI

L'autorità giudiziaria competente è il Giudice di pace avente sede nel luogo ove è commesso il fatto di reato.
Il reato di ingiuria è perseguibile a querela della persona offesa. Il termine per la proposizione della querela è di tre mesi, che decorrono dal giorno in cui si ha avuto notizia del fatto che costituisce reato, ossia dal momento cioè in cui il titolare del diritto tutelato ha conoscenza certa - sulla base di elementi seri - di tutti gli elementi che consentono la valutazione dell'esistenza del reato.
La querela va sottoscritta e depositata o alla Polizia Giudiziaria o alla Procura della Repubblica.
Come tutte le volte che si ha anche solo il sospetto di essere indagati o di avere subito un reato, è consigliabile contattare un avvocato penalista al fine di ricevere chiarimenti sul caso concreto e compiere gli eventuali “passi” che, insieme al legale, venissero giudicati necessari o anche solo opportuni. Più precisamente, e solo per fare un esempio, per valutare se formulare una richiesta alla Procura della Repubblica per essere informati dell’esistenza di procedimenti a proprio carico, oppure per verificare la sussistenza dei presupposti per una querela.


FAQ

Quando un’espressione può dirsi ingiuriosa?

Di regola si ritiene che il concetto di onore vada legato al ruolo professionale e all’ambiente sociale della persona offesa. In questo senso, si usa distinguere tra espressioni oggettivamente in grado di ledere l’onore di chiunque (ad esempio per la forte carica di disprezzo che manifestano o per la evidente volontà di umiliare il destinatario) ed espressioni che, anche non avendo di per sé una carica ingiuriosa, possono comunque risultare offensive in relazione alle circostanze, alle qualità del soggetto, all’ambiente in cui si è svolto il fatto. Si tratta comunque di una valutazione elastica, variabile da caso a caso, che implica sempre la considerazione, da parte del Giudice, del contesto nel quale sono state pronunciate le espressioni e quindi anche dei rapporti di maggiore o minore confidenza tra querelato e offeso, tenuto conto della notevole desensibilizzazione recente nei confronti di un linguaggio, una volta ritenuto crudo e volgare, ma oggi comunemente utilizzato fra amici e buoni conoscenti.

Che differenza c’è tra l’ingiuria e il più grave reato di diffamazione?

Il dato che differenzia le due ipotesi criminose consiste nel fatto che, mentre l’ingiuria presuppone la presenza della persona offesa nel momento dell’azione criminosa, nel reato di diffamazione l’offesa della reputazione viene compiuta in assenza della persona offesa e comunicando con più persone (almeno due, quindi).I reati possono tra loro concorrere, come avviene nel caso in cui, ad esempio, una lettera dal contenuto ingiurioso venga indirizzata, oltre che alla persona offesa, anche a terze persone.

È applicabile al reato di ingiuria l’esimente del diritto di critica?

Si, la giurisprudenza ha applicato tale scriminante in presenza di comportamenti oggettivamente ingiuriosi, ma caratterizzati da particolari contesti. Ad esempio, è stata escluso il reato di ingiuria nell’ambito di una riunione condominale, di per sé ritenuto luogo caratterizzato da particolare vis polemica e atteggiamenti accesi, con riferimento all’espressione “lei è un bugiardo, dice il falso e mente”, detta da un condomino all’amministratore. O ancora, nell’ambito di una assemblea pubblica, è stato ritenuto sussistente il diritto di critica, con riferimento alle espressioni “buffone” e “ridicolo” rivolte a un sindaco.Tuttavia, l’applicabilità del diritto di critica è in generale questione rimessa alla valutazione del Giudice in relazione alle circostanze del caso concreto.
vota  

DISCUSSIONI ARCHIVIATE

Paola

01/03/2012 15:57:25

Mio figlio e' stato aggredito verbalmente all'uscita di scuola dal genitore di un compagno di classe, nonostante la mia presenza che e' stata volontariamente ingnorata , perche' i bambini si erano picchiati, dopo la solita ingiuria ai danni di mio figlio di 10 anni , bambino di colore adottato da 6 anni, sereno e felice, ma oggi intollerrante alla parola negro ecc. Pensare che cercava di spiegare l'accaduto ma questo adulto non lo lasciava neanche parlare, gridando tu stai zitto e non permetterti piu' di toccare mio figlio, io incredula e non sapendo i fatti continuavo a chiedere cosa era successo a mio figlio e di chiedere scusa, mentre l'altro bambino gli urlava contro come il padre, e io come neanche ci fossi.Qui sono stati lesi una serie di art. della convenzione sui diritti del bambino, vorrei stampare un poster con i diritti ben scritti e appenderlo a scuola, si puo' fare?

raffaele

09/09/2012 09:46:51

Mi è capitato in una chat pubblica online di essere stato oggetto di offese, insulti e diffamazioni da parte di un paio di persone. Leggendo in internet ho trovato che potrei fare una querela nei confronti di queste 2 persone. E' giusto?

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e la Privacy
Voglio ricevere le newsletter di Professionisti.it
Voglio ricevere informazioni dai partner di Professionisti.it

REATI CONTRO LA PERSONA: VOCI CORRELATE

Lesione personale

di Avv. Amerigo Motta del 01/06/2011

Il reato di lesione personale è disciplinato dall'articolo 582 codice penale e rappresenta un delitt..

Rissa

di del 26/01/2011

La rissa è un reato di pericolo. In particolare trattasi di pericolo astratto: la condotta di rissa ..

Caporalato

di Avv. Barbara Sartirana del 03/10/2011

Il caporalato è il reato attribuibile a chi, svolgendo un’attività organizzata di intermediazione ne..

Diffamazione

di Avv. Rachele V. Putignano del 16/09/2011

La diffamazione è un reato comune disciplinato nel codice penale all'articolo 595. La norma in esame..

Stalking

di Avv. Barbara Bruno del 22/09/2011

Lo stalking (termine inglese traducibile nell’italiano “fare la posta” e divenuto “atti persecutori”..