Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Omicidio

del 20/04/2017
CHE COS'È?

Omicidio: definizione

L'omicidio rappresenta il delitto nel senso più tradizionale del termine e viene punito in maniera pesante da tutte le legislazioni esistenti, sebbene i tipi di pena per lo stesso tipo di caso possano variare da un ordinamento all'altro. Esso viene regolamentato da alcuni articoli del nostro Codice Penale, differenti a seconda del tipo di omicidio commesso (ad esempio l'omicidio colposo è un reato regolamentato dall'art. 589 del Codice Penale). La caratteristica che accomuna tutte le tipologie di omicidio è chiaramente la provocazione della cessazione della vita di una persona, chiamata anche ''bene protetto''. Nei casi di omicidio avvenuti negli ultimi anni, e di cui i media hanno spesso dato ampio risalto, sorgono molto frequentemente dubbi e dibattiti su una questione in particolare, ovvero l'effettiva considerazione e tutela che il sistema giuridico penale italiano offre nei confronti della vita. La problematica dottrinale in questo caso riguarda la categoria di protezione che viene individuata dalla giustizia e che si divide tra due categorie ben distinte di tutela:

• tutela della vita come diritto individuale;
• tutela della vita come interesse collettivo.

In Italia viene sicuramente applicato il secondo concetto, con ricadute pesanti sia per quanto riguarda la laicità di molte questioni rilevanti (prima tra tutte l'eutanasia), sia per quanto riguarda la perseguibilità del reato che non viene meno neanche in caso di ritiro della denuncia da parte dei familiari della persona offesa.


COME SI FA

L'omicidio è uno dei reati per i quali non è prevista la querela di parte per poter procedere. Quindi nel momento in cui vi è la notizia di reato, devono essere condotte le indagini, il cui sbocco naturale è la richiesta di rinvio a giudizio, ex art.416 del codice di procedura penale, e che apre la fase processuale. Questa deve essere presentata dal PM al tribunale competente che entro 5 giorni fissa l'udienza. Il giudice in questa fase preliminare può decidere per una sentenza di non luogo a procedere, se ravvisa che non vi siano gli estremi per continuare, può disporre un supplemento di indagini, infine può accogliere la richiesta e rinviare a giudizio. Il giudizio si concluderà con una sentenza di condanna o con una sentenza di assoluzione per non aver commesso il fatto. L'assoluzione può essere stabilita anche per insufficienza di prove.  Avverso tali provvedimenti è possibile proporre ricorso.


CHI

Un caso di omicidio vede il coinvolgimento di un soggetto attivo, che può essere qualsiasi persona; le eventuali conoscenze e qualificazioni specifiche di quest'ultima potrebbero inoltre essere considerate come aggravanti del reato, come nel caso in cui tra i due soggetti vi sia una relazione di parentela. Ci sono dei casi in cui inoltre un soggetto attivo può rendersi protagonista indirettamente di un reato di omicidio e vengono catalogati sotto la categoria di omicidio mediante omissione. Specificatamente queste situazioni vedono un soggetto attivo in una posizione di garanzia, che si riferisce alle situazioni in cui lo stesso soggetto ha un obbligo specifico giuridico nell'impedire una situazione di omicidio, ma si rende negligente nell'adempiere a questo obbligo. Il cosiddetto soggetto passivo è, invece, l'essere vivente, ed in questa categoria rientra anche il feto umano, che subisce il reato.

Per valutare un caso di omicidio e dare la giusta connotazione al reato è necessario instaurare un procedimento penale. Questo vede coinvolto il Pubblico Ministero che rappresenta la parte pubblica all'interno del processo. Infine, viene coinvolto il giudice che in caso di omicidio può avere anche composizione collegiale (Corte d'Assise). Questa è competente per i delitti previsti nell'articolo 5 del c.p.p., tra cui quelli per i quali è prevista la pena dell'ergastolo o della reclusione non inferiore a 24 anni (art.5 c.p.p.).


FAQ

1. Quante tipologie di omicidio esistono?

L'omicidio è un reato che all'interno del codice penale è suddiviso in diverse tipologie, ognuna comprensiva di ulteriori sotto-categorie e approfondimenti.  Per riassumere in breve l'intero reato in alcune macro-categorie si può parlare dunque di:  • omicidio doloso; • omicidio colposo; • omicidio stradale; • omicidio preterintenzionale; • omicidio del consenziente.  Tra queste tipologie rientra sicuramente l'infanticidio in condizioni di abbandono, morte in conseguenza ad altro reato o delitto e l'istigazione o aiuto al suicidio. Questo ultimo tema è stato molto dibattuto a causa dei periodici casi che hanno scatenato anche una forte discussione all'interno dell'opinione pubblica, come la già citata eutanasia o la cessazione di quello che può essere definito come accanimento terapeutico.

2. In cosa consiste l'omicidio preterintenzionale?

L'omicidio preterintenzionale si ha quando le intenzioni iniziali della persona non sono quelle di uccidere e la morte è, quindi, un evento che va oltre le intenzioni ed è conseguenza di altro reato meno grave. Un esempio di omicidio preterintenzionale è quello che vede un uomo coinvolto in una colluttazione con un altro ed il caso in cui, durante questa fase violenta, lo stesso soggetto aggredisca direttamente il contendente. L'obiettivo dell'aggressore non era certamente quello di provocare la morte del contendente ma di causare un danno minore. Tuttavia la cessazione della vita di questo ultimo è una conseguenza diretta ed oggettiva di una condotta dolosa. I reati che possono portare ad una situazione di omicidio preterintenzionale sono precisamente il reato di percosse (art.581 c.p.) ed il reato di lesioni personali (art.582 c.p.).
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

REATI CONTRO LA PERSONA: VOCI CORRELATE

Violenza privata

di Avv. Amerigo Motta del 27/04/2011

Il reato di violenza privata è previsto e punito dall'articolo 610 codice penale e consiste nel comp..

Ingiuria

di Avv. Carlo Melzi d'Eril del 22/09/2011

L'ingiuria è un reato che tutela l'onore. Per onore, tradizionalmente, s'intende il sentimento e l'..

Istigazione o aiuto al suicidio

di del 20/12/2016

L'istigazione o aiuto al suicidio è un reato previsto dall'articolo 580 del Codice Penale, che preve..

Rissa

di del 26/01/2011

La rissa è un reato di pericolo. In particolare trattasi di pericolo astratto: la condotta di rissa ..

Violazione di domicilio

di Avv. Barbara Bruno del 07/07/2016

La violazione di domicilio è un reato. Lo commette chiunque entri o si trattenga nell’abitazione di..