Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Condominio: parcheggio

del 07/01/2013
CHE COS'È?

Condominio parcheggio: definizione

Il cortile, parte comune del condominio ex art. 1117 c.c., può definirsi come l’aria scoperta compresa tra i corpi di fabbrica di uno o più edifici, la cui insita funzione è quella di dare luce ed aria agli ambienti limitrofi, nonché di consentire il passaggio per accedere agli edifici. Il suo uso può essere espressamente disciplinato dal regolamento condominiale oppure da delibere assembleari prese a maggioranza che dispongano dei limiti o dei divieti all’occupazione degli spazi. In relazione alla sempre crescente esigenza di parcheggio per autoveicoli nelle aree scoperte di proprietà comune (p.e. cortile e giardini), laddove manchi un’espressa previsione contrattuale, la giurisprudenza ha sempre accordato prevalenza alla volontà delle parti, tipicamente condominiale, della maggioranza condominiale. La prevalente giurisprudenza, in sostanza, ha ritenuto di adottare il “principio di elasticità e di adattabilità della destinazione delle cose comuni alle mutate esigenze della vita moderna”, per cui anche l’uso del cortile comune per il parcheggio degli autoveicoli dei condomini può ritenersi compreso tra le funzioni che un cortile è chiamato ad assolvere. Tuttavia, qualora un regolamento condominiale stabilisca, fin dal principio, il divieto di parcheggiare le autovetture nel cortile comune, la modifica a tale clausola deve avvenire all’unanimità dei partecipanti al condominio e con forma scritta. È necessario, peraltro, che sia adottato un criterio che consenta a tutti i condomini l’uso del cortile secondo modalità che salvaguardino la loro posizione paritetica. La violazione di siffatte condizioni rende illecito l’uso del cortile.

COME SI FA
L’assenza di un regolamento condominiale o di una delibera assembleare che imponga limiti e divieti, ciascun condomino può usare tutto o parte del cortile condominiale a scopo di parcheggio alle seguenti condizioni: - rispetto del pari uso ogni condomino può utilizzare il cortile condominiale, anche in modo più intenso degli altri, a condizione però che non impedisca a questi ultimi di poterne usare a loro volta, integrando una forma di sfruttamento esclusivo del bene (art. 1102 c.c.). - rispetto della destinazione del cortile se la destinazione del cortile condominiale non è stabilita dal regolamento condominiale, questa deve essere desunta dall’uso concreto ed attuale che ne fanno i condomini; l’utilizzazione del cortile condominiale come parcheggio è illegittima se detto uso ostacola l’accesso ad alcuni locali o box di proprietà esclusiva o se impedisce agli altri condomini il pari uso del cortile.

CHI
L’assemblea condominiale ha il potere di comminare un’ammenda per ogni infrazione del divieto di parcheggio dei condomini non autorizzati, ferma restando la possibilità di impugnare la delibera nei termini di legge.

vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

CONDOMINIO: VOCI CORRELATE

Assemblea condominale: verbale

di Avv. Daniela Biavaschi del 23/02/2012

La redazione del verbale costituisce uno dei requisiti che devono essere osservati nell'ambito del p..

Condominio: vetrine

di Dott.ssa Chiara Oblatore del 15/02/2012

L’articolo 1102 codice civile stabilisce che ciascun partecipante possa servirsi della cosa comune,..

Condominio: rendiconto

di Avv. Armando Stinco del 06/03/2013

Il rendiconto della gestione è il principale strumento di controllo dell'operato dell'amministratore..

Condominio: antenne

di del 27/04/2017

Le antenne in condominio sono finalizzate alla ricezione del segnale radiotelevisivo secondo quello ..

Fiscalità del condominio

di del 16/11/2016

Il condominio è da sempre dotato di titolarità fiscale, il che vuol dire che è caratterizzato da un ..