Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Condominio: impugnazioni delibere assembleari

del 31/03/2011
CHE COS'È?

Condominio impugnazioni delibere assembleari: definizione

Contro le deliberazioni contrarie alla legge o al regolamento di condominio ogni condomino dissenziente (o assente alla assemblea che ha deliberato sul punto controverso) può fare ricorso all’autorità giudiziaria competente, la proposizione del ricorso non sospende l’esecuzione della delibera, salvo che la sospensione sia autorizzata dall’organo giudiziario investito dell’impugnazione delle delibere assembleari (articolo 1137 del codice civile, comma secondo).

Avvocato Simone Scelsa
Ordine degli Avvocati di Milano
ACCMS Studio Legale


COME SI FA

L’impugnazione deve essere proposta, a pena di decadenza, entro trenta giorni, che decorrono dalla data della deliberazione per i dissenzienti e dalla data di comunicazione per gli assenti (articolo 1137 del codice civile, comma terzo). Il conduttore-inquilino è legittimato a impugnare le delibere riguardanti le spese e le modalità di gestione dei servizi di riscaldamento e di condizionamento d'aria in cui per legge (articolo 10 legge 27 luglio 1978 n.392) gli è conferito un potere di votare in sostituzione del condomino-locatore.
E’ disputato se anche i condomini che si siano astenuti possano impugnare una delibera.
E’ pacifico che l’impugnazione regolata dall'articolo 1137 del codice civile riguardi le delibere viziate da annullabilità, ossia affette da vizi relativi alla regolare costituzione dell'assemblea, adottate con maggioranza inferiore a quella prescritta dalla legge o dal regolamento condominiale, affette da vizi formali, in violazione di prescrizioni legali, convenzionali, regolamentari, attinenti al procedimento di convocazione o di informazione dell'assemblea, affette da irregolarità nel procedimento di convocazione e se violano norme richiedenti qualificate maggioranze in relazione all'oggetto.
Diversamente, le delibere dell'assemblea di condominio sono affette da nullità se prive degli elementi essenziali, con oggetto impossibile o illecito (contrario all'ordine pubblico, alla morale o al buon costume), con oggetto che non rientra nella competenza dell'assemblea, se incidono sui diritti individuali sulle cose o servizi comuni o sulla proprietà esclusiva di ognuno dei condomini ed, infine, se comunque invalide in relazione all'oggetto. Le delibere nulle possono essere impugnate in qualsiasi momento e non sono pertanto soggette al termine di trenta giorni previsto per le delibere annullabili, vengono comunque fatti salvi i diritti dei terzi acquisiti in buona fede sulla base della delibera nulla.


CHI

L’impugnazione va effettuata avanti l’organo giudiziario competente tramite un avvocato.


vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

CONDOMINIO: VOCI CORRELATE

Condominio: parcheggio

di Avv. Marco Direnzo del 07/01/2013

Il cortile, parte comune del condominio ex art. 1117 c.c., può definirsi come l’aria scoperta compr..

Condominio: ascensore

di Avv. Simone Scelsa del 21/02/2012

L’ascensore è considerato di proprietà comune quando è originariamente installato nell'edificio all’..

Amministratore di condominio: attribuzioni

di Avv. Simone Scelsa del 31/03/2011

L’amministratore di condominio deve: eseguire le delibere dell’assemblea dei condomini e curare..

Condominio: androne

di del 02/01/2017

L'androne di un condominio rappresenta il luogo di passaggio che conduce dal portone di ingresso all..

Supercondominio

di del 17/02/2012

Per comprendere il concetto di supercondominio è necessario partire dalla definizione di condominio ..