Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Fiscalità del condominio

del 16/11/2016
CHE COS'È?

Fiscalità del condominio: definizione

Il condominio è da sempre dotato di titolarità fiscale, il che vuol dire che è caratterizzato da un codice fiscale: e ciò nonostante la dottrina e la giurisprudenza lo reputino, da sempre, un ente di gestione privo di personalità giuridica. Il riferimento normativo in materia è rappresentato dalla legge n. 449 del 27 dicembre del 1997, che ha introdotto, con decorrenza a partire dall’anno seguente, il nuovo status di sostituto di imposta per il condominio. In quanto tale, esso deve operare, secondo l’articolo 25 ter del’ DPR n. 600 del 1973 modificato dalla legge finanziaria del 2007, una ritenuta del 4%, all’atto del pagamento, a titolo di acconto dell’imposta sul reddito per prestazioni riguardanti contratti di appalto di servizi o opere.


COME SI FA

Come deve essere gestita la contabilità fiscale del condominio?

La contabilità del condominio è cambiata in seguito all’introduzione, da parte della legge n. 220 del 2012, del nuovo articolo 1130 bis del Codice Civile, che ha previsto l’entrata in vigore dello stato patrimoniale, del riepilogo finanziario (con il conto economico di costi e ricavi), della situazione fondi e risorse, del registro di contabilità, della nota sintetica accompagnatoria e dell’indicazione delle questioni pendenti e dei rapporti in corso, con un dettagliato elenco dei debiti e dei crediti.


CHI

L’amministratore di condominio.


FAQ

1. Perché il condominio ha un codice fiscale?

Per la legge, l’ente condominiale deve essere assimilato alle organizzazioni di persone senza personalità giuridica, le quali sono tenute a richiedere di essere iscritte all’anagrafe tributaria. Tocca all’amministratore del condominio provvedere a questo adempimento in qualità di rappresentante legale; egli, comunque, può essere sostituito da un qualsiasi condomino in qualità di rappresentante di fatto. Il codice fiscale del condominio deve essere riportato su tutti i documenti fiscali ricevuti da terzi o generati direttamente: è il caso, per esempio, delle fatture che riguardano le forniture comuni, così come tutti i servizi che vengono erogati a favore dei condòmini. Nel momento in cui l’incarico di amministratore passa da un soggetto a un altro, occorre che le dovute modifiche vengano comunicate all’anagrafe tributaria entro i 30 giorni successivi alla nomina, in ragione della presenza di un nuovo rappresentante legale. Il nuovo amministratore, quindi, deve chiedere la variazione del caso recandosi presso l’Agenzia delle Entrate e presentando la modulistica relativa, con la copia del verbale assembleare di nomina e la copia del tesserino del codice fiscale personale.

2. Cosa comporta il fatto che il condominio sia sostituto di imposta?

Secondo la legge, il sostituto di imposta è il soggetto che sostituisce il contribuente in parte o in tutto nei rapporti con l’amministrazione finanziaria: in pratica, trattiene le imposte dovute dalle pensioni, dai salari e dai compensi per poi versarle allo Stato. Il condominio, di conseguenza, è tenuto a eseguire, sui compensi che vengono versati ai lavoratori autonomi, le ritenute di acconto ai fini Irpef, e a rilasciare le certificazioni del caso. Inoltre, spetta al condominio presentare la dichiarazione dei sostituti attraverso un modello 770 ordinario o semplificato. Tutti gli edifici che rientrano in una situazione di diritto di condominialità devono sottostare agli obblighi di sostituzione, inclusi i condomini parziali interni dei supercondomini (cioè i complessi residenziali che sono formati da corpi di fabbrica distinti caratterizzati da autonomia gestionale: in questo caso il supercondominio e i vari condomini autonomi operano come sostituti di imposta differenti). 
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

CONDOMINIO: VOCI CORRELATE

Amministratore di condominio: attribuzioni

di Avv. Simone Scelsa del 31/03/2011

L’amministratore di condominio deve: eseguire le delibere dell’assemblea dei condomini e curare..

Condominio: vetrine

di Dott.ssa Chiara Oblatore del 15/02/2012

L’articolo 1102 codice civile stabilisce che ciascun partecipante possa servirsi della cosa comune,..

Condominio: posto auto

di Avv. Simone Scelsa del 16/05/2011

Non esistono norme che direttamente stabiliscano i criteri per la suddivisione degli spazi liberi co..

Condominio minimo

di Avv. Paolo Fortina del 02/04/2012

Il condominio cosiddetto “minimo” è quello composto da soli due proprietari. Nella prassi, tuttavia,..

Condominio: innovazioni

di Avv. Simone Scelsa del 31/03/2011

I condomini, tramite l’assemblea di condominio, possono disporre le innovazioni dirette al miglioram..