Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Condominio: androne

del 02/01/2017
CHE COS'È?

Condominio androne: definizione

L'androne di un condominio rappresenta il luogo di passaggio che conduce dal portone di ingresso alle scale o al cortile: si tratta di uno spazio di accesso che si trova unicamente all'ingresso dell'edificio e che ha lo scopo di mettere in comunicazione i garage, i cortili, le scale, gli appartamenti o le altre parti più interne del fabbricato. L'androne è un'area destinata al transito degli inquilini, e viene indicato come andito se ha la forma di un corridoio. 


COME SI FA

Come si fa a ripartire le spese relative alla manutenzione dell’an­drone?

L'androne è destinato a servire tutti i proprietari dei piani, dal momento che svolge il ruolo di ingresso del condominio: ecco perché per la ripartizione delle spese di pulizia, di riparazione, di imbiancatura, di ricostruzione e di manutenzione sia ordinaria che straordinaria è necessario fare riferimento alle quote millesimali, sulla base di quanto stabilito dall'articolo 1123 del Codice Civile. A proposito delle spese da sostenere in relazione all'arredo dell'androne non si può, invece, parlare di innovazione, in quanto, anche se l'arredo viene introdotto o modificato entro i limiti ragionevoli di spesa, si tratta di un abbellimento di una parte comune. In altri termini, le spese di arredamento - che possono riguardare, per esempio, l'inserimento di una fioriera, di un mobile, e così via - devono essere ripartite sulla base delle quote millesimali perché da ritenersi finalizzate al miglioramento di parti comuni; una eventuale minoranza dissenziente non può essere esonerata dal pagamento.

Come ci si deve comportare con i proprietari di locali che hanno un accesso differente dall'androne?

Anche in questo caso le spese per la manutenzione devono essere ripartite secondo quanto previsto dall'articolo 1123 del Codice Civile. Alle spese devono concorrere, insomma, anche i condomini che non usufruiscono di questo spazio per accedere alle loro proprietà. Ciò non toglie che il pagamento possa essere previsto, in questi casi, in misura ridotta, e magari tenendo conto dell'utilità che i condomini in questione possono trarre dal suo utilizzo. In caso di un androne usato solo da alcuni condomini per la presenza di vari accessi al fabbricato, invece, solo quei condomini che traggono utilità dovranno farsi carico delle spese. 


CHI

L'assemblea di condominio.


FAQ

1. Qual è il regime giuridico relativo all'androne di un condominio?

Secondo l'articolo 1117 del Codice Civile, tutto quello che fa parte dell'ingresso di un condominio è comune: non solo il portone e il vestibolo, quindi, ma anche - appunto - l'androne, che come le altre è una parte che costituisce un elemento portante del fabbricato dal punto di vista strutturale, funzionale e oggettivo. La presunzione legale di comunione sussiste anche perché il bene è indivisibile nell'uso e nella struttura, senza dimenticare il servizio di utilità che lo caratterizza: ecco perché l'androne deve essere considerato di proprietà comune di tutti i condomini, a meno che non sia specificato diversamente. 

2. Di chi è la proprietà dell'androne?

La giurisprudenza è unanime nel ritenere che la proprietà dell'androne debba essere estesa a tutti i condomini e, quindi, anche a quelli che sono proprietari di unità immobiliari prive di un accesso diretto sullo stesso. Così come le scale, infatti, l'androne rappresenta un elemento indispensabile perché un fabbricato diviso in porzioni di piano o in piani di proprietà individuale possa essere configurato, e al tempo stesso costituisce un tramite fondamentale per la conservazione e la fruizione delle strutture di copertura. 
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e la Privacy
Voglio ricevere le newsletter di Professionisti.it
Voglio ricevere informazioni dai partner di Professionisti.it

CONDOMINIO: VOCI CORRELATE

Condominio: Decoro Architettonico

di Dott. Francesco Campobasso del 01/08/2012

L’art. 1117 c.c. individua determinate parti, servizi e beni di proprietà comune, necessari per l’es..

Assemblea condominale: convocazione

di Avv. Daniela Biavaschi del 21/02/2012

Per poter svolgere le sue funzioni deliberative l’assemblea dei condòmini deve essere preceduta da u..

Condominio: servoscala

di Avv. Luca Gaspari del 23/02/2012

Soggetti con handicap fisici o problemi di deambulazione possono avere problemi ad accedere agli spa..

Condominio: canna fumaria

di Avv. Armando Stinco del 16/01/2013

Da un punto vista strutturale, la canna fumaria è un elemento atto a convogliare all’esterno, espell..

Condominio: insegne

di Avv. Amerigo Motta del 23/02/2012

I lavoratori autonomi che svolgono l’attività di impresa, commerciale, professionale hanno necessità..