Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Condominio: canna fumaria

del 16/01/2013
CHE COS'È?

Condominio canna fumaria: definizione

Da un punto vista strutturale, la canna fumaria è un elemento atto a convogliare all’esterno, espellendoli, i fumi derivanti da una combustione generata all’interno di una unità immobiliare.
Da un punto di vista squisitamente giuridico, la canna fumaria, se posta in seno ad un contesto condominiale, viene, invece, in rilievo quale elemento di discordia e fonte di contrasto.
Vicinitas est mater discordiarum, erano soliti dire i latini che, in qualche modo, già avevano compreso la difficoltà insite nei rapporti discendenti dalle comunioni.Ironia a parte, alla canna fumaria sono riconducibili le seguenti questioni:

  1. Titolarità della proprietà
  2. Ripartizione delle spese
  3. Liceità di una canna fumaria di proprietà esclusiva

Quanto alla prima questione, secondo alcuni sulla scorta della previsione operata all’articolo 1117 del nostro Codice Civile, la canna fumaria dovrebbe essere considerata parte comune per presunzione di legge.
Secondo altri la previsione citata non darebbe luogo ad alcuna presunzione di legge.
Prescindendo di entrare nel merito di questa annosa diatriba dottrinale e giurisprudenziale, in questa sede si ritiene opportuno precisare, piuttosto, che la canna fumaria – come ogni altra elemento potenzialmente comune del condominio – è da considerarsi comune salvo diverso titolo.
Il diveso titolo può essere costituito dal regolamento contrattuale o dal complesso degli atti di acquisto delle singole unità immobiliari o anche dall'usucapione.
Costituisce titolo diverso idoneo ad escludere la titolarità comune della canna fumaria, se la stessa serva per le sue caratteristiche strutturali soltanto all'uso e al godimento di una parte dell'immobile oggetto di un autonomo diritto di proprietà.
Ciò anche qualora sia ricavata nel vuoto di un muro comune.

La seconda questione è intimamente connessa alla titolarità della proprietà della canna fumaria. Ovvio che le voci di spesa afferenti all’elemento in questione verranno ripartite fra tutti i comunisti.
Qualora sia di proprietà esclusiva opererà il dettato 2° comma del 1123 Codice Civile.(“… sono ripartite in proporzione dell'uso che ciascuno può farne.”)

Quanto al terzo aspetto è in astratto contemplata la possibilità che uno dei comproprietari realizzi una canna fumaria da asservire all’esclusivo uso della sua unità immobiliare non alteri la destinazione della cosa comune e non impedisca agli altri partecipanti di farne parimenti uso.


vota  

Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati

CONDOMINIO: VOCI CORRELATE

Assemblea condominale: maggioranze

di Avv. Paolo Fortina del 14/11/2011

Le maggioranze della assemblea di condominio variano a seconda degli argomenti oggetto della deliber..

Spese condominiali

di Avv. Gianfranco Di Rago del 21/02/2012

Le spese condominiali sono quelle necessarie alla manutenzione ordinaria delle parti comuni dell’edi..

Condominio minimo

di Avv. Paolo Fortina del 02/04/2012

Il condominio cosiddetto “minimo” è quello composto da soli due proprietari. Nella prassi, tuttavia,..

Contenzioso condominiale

di del 07/09/2017

Le attività che pregiudicano i diritti dei condomini possono essere oggetto di un contenzioso condom..

Condominio: pulizia

di Dott.ssa Chiara Oblatore del 15/02/2012

Le spese di pulizia comprendono le spese per i materiali impiegati, la remunerazione e i carichi con..