Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Compravendita: trattative

del 19/09/2013
CHE COS'È?

Compravendita trattative: definizione

La conclusione del contratto è preceduta dalla fase di trattative preordinate a fissare le condizioni dell'affare in vista del raggiungimento dell'accordo. Le parti in questa fase si trovano a negoziare il contenuto dell'accordo e a svolgere eventuali accertamenti tecnici e legali necessari ed opportuni ai fini di valutare la convenienza dell'affare.

Così le parti si scambiano reciprocamente richieste di informazioni, inviti a trattare, offerte, controfferte e chiarimenti: il tutto finalizzato a una dichiarazione congiunta del consenso.

Nel corso dello svoglimento delle trattative le parti conservano la libertà di decidere se vincolarsi o meno, di procedere fino alla conclusione o recedere dalla trattativa, anche revocando proposta e accettazione già manifestate.

Tuttavia la libertà di azione è limitata ad un comportamento leale e onesto che ciascuna parte potrà pretendere dall'altra.

Il codice impone espressamente alle parti, nello svolgimento delle trattative, il dovere di comportarsi secondo buona fede e il rispetto dei canoni della lealtà e correttezza (art. 1337 c.c.).

La buona fede oggettiva o contrattuale impone ai contraenti di comportarsi secondo correttezza e lealtà in tutte le fasi precontrattuali.

La violazione dell'obbligo di comportarsi secondo buona fede è causa di responsabilità precontrattuale, esponendo il trasgressore ad un azione di risarcimento dei danni sofferti da controparte.

Il termine di prescrizione di un azione di responsabilità precontrattuale è di 5 anni dal momento in cui si è verificato il danno.

 

 


COME SI FA

Le trattative contrattuali sono le manifestazioni di volontà delle parti preordinate alla conclusione del contratto. Esse sono caratterizzate dalla c.d. proposta ed accettazione, le quali sono dichiarazioni di volontà provenienti da ogni singola parte destinate a fondersi in un'unica volontà: la volontà contrattuale.

La proposta espone quindi il proponente all'accettazione dell'altra parte, nel senso che, una volta fatta la proposta, se l'altra accetta, il contratto si conclude. Secondo il codice civile, infatti, il contratto si conclude nel momento in cui chi ha fatto la proposta ha conoscenza dell'accettazione di controparte.

Per valere quale proposta la dichiarazione di chi offre la conclusione del contratto deve contenere tutti gli elementi essenziali del contratto che si intende concludere (in mancanza si avrà invito a proporre).


CHI
Per consulenze legate alle trattative contrattuali, alla formazione e alla conclusione del contratto è bene rivolgersi ad un avvocato civilista esperto in materia.  

vota  

Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati

COMPRAVENDITA IMMOBILIARE: VOCI CORRELATE

Proposta di acquisto

di Avv. Giulio Bonanomi del 09/06/2011

Nella compravendita immobiliare la proposta di acquisto è la dichiarazione scritta con cui il potenz..

Compravendita: invalidità del contratto

di Avv. Luca Amati del 10/06/2011

Per quanto concerne l’invalidità del contratto di compravendita dobbiamo fare riferimento alle norme..

Rogito

di Arch. Silvia Cipelli del 10/07/2013

Si definisce rogito l’atto pubblico di compravendita di un immobile: sancisce il passaggio di propri..

Calcolo dei millesimi

di Arch. Paola Frigo del 19/11/2013

I calcoli dei millesimi (tabelle millesimali), vengono allegate agli atti notarili in caso di nuovo ..

Compravendita: obbligazioni delle parti

di Avv. Paolo Fortina del 08/11/2011

Il contratto di vendita (o di compravendita) prevede tre obblighi principali in capo al venditore (l..