Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Frode Processuale

del 06/10/2015
CHE COS'È?

Frode Processuale: definizione

La frode processuale è un delitto contro l'attività giudiziaria punito dall'articolo 374 del Codice Penale. Con l'espressione "frode processuale" si intende la modifica artificiosa dello stato delle persone, delle cose o dei luoghi nel corso di un procedimento amministrativo o civile messa in atto allo scopo di ingannare il giudice durante un processo o un atto di ispezione o il perito durante una perizia. 

Quando si può parlare di modifica artificiosa dello stato dei luoghi?

La modifica artificiosa dello stato dei luoghi, nota come immutazione dei luoghi, chiama in causa la frode processuale solo nel caso in cui possa essere avvertita e riconosciuta tramite un esame approfondito e non superficiale, e di conseguenza possa sfuggire al controllo di un soggetto non esperto. Non si può parlare di immutazione dei luoghi fraudolenta, invece, nel momento in cui le modifiche sono così evidenti e grossolane da poter essere percepite da chiunque a prima vista, e quindi portano ad escludere qualsiasi tentativo di truffa e qualunque potenzialità ingannatoria. 


COME SI FA

Qual è la pena prevista e come viene calcolata?

Il reato di frode processuale viene punito con la reclusione, da un minimo di sei mesi a un massimo di tre anni, a meno che il fatto non configuri un altro tipo di reato. La disposizione si applica anche nel caso in cui il fatto venga commesso durante un procedimento penale (sia nel corso di un processo in Italia, sia davanti alla Corte penale internazionale), o prima di esso, ma in questa eventualità è esclusa la punibilità se si può procedere solo in seguito a istanza, richiesta o querela ma nessuno le presenta.


CHI

L'avvocato penalista, da contattare il prima possibile.


FAQ

1. Ci sono delle circostanze speciali che escludono il reato di frode processuale?

Sì: per esempio, la Cassazione Penale sez. II con la sentenza n. 498 del 16 novembre del 2011 ha sancito che non può essere considerato come parte del reato l'indurre in errore un giudice che ha adottato un provvedimento che includa una disposizione patrimoniale a favore del soggetto imputato sulla base di una delibera che è stata falsificata. Ciò dipende dal fatto che un provvedimento di questo tipo non può essere equiparato a un libero atto di gestione di interessi altrui, avendo a che fare con il potere giurisdizionale. Di conseguenza, i raggiri e gli artifici di cui il giudice è stato vittima assumono rilevanza penale unicamente nei casi riportati dall'articolo 374 del Codice Penale. Per questo motivo, per esempio, un imputato che allega della documentazione falsa nella proposta di un ricorso al giudice del lavoro allo scopo di ottenere un inquadramento professionale migliore nell'amministrazione di cui fa parte non può essere considerato colpevole di frode processuale. 

2. Quali sono le note procedurali relative alla frode processuale?

Chi è accusato di frode processuale non può essere sottoposto né ad arresto né a fermo. Non sono consentite, insomma, misure cautelari personali. La competenza del procedimento spetta al tribunale monocratico, mentre la procedibilità è di ufficio.

3. Perché la procedibilità è di ufficio?

Per la frode processuale la procedibilità è di ufficio perché l'interesse tutelato, e che viene eventualmente leso nel caso in cui si configuri il reato, è il funzionamento corretto dell'attività giurisdizionale, e il titolare della regolarità della giustizia non è altri che lo Stato. Per lo stesso motivo, una persona che ritenga di essere stata danneggiata dalla frode processuale non può essere ritenuta persona offesa. Quindi, un privato che subisce delle conseguenze negative in seguito al compimento di un reato di frode processuale non può proporre opposizione alla richiesta di archiviazione, poiché si tratta di una fattispecie incriminatrice per cui l'interesse del privato ha un rilievo inferiore rispetto a quello dell'interesse della collettività per il funzionamento corretto della giustizia (interesse che, in presenza di una frode processuale, viene leso).
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

REATI CONTRO L'AMMINISTRAZIONE DELLA GIUSTIZIA: VOCI CORRELATE

Falsa perizia o interpretazione

di Avv. Barbara Sartirana del 31/03/2011

La falsa perizia o interpretazione è il reato attribuibile all’interprete, ovvero al perito che, nom..

Autocalunnia

di Avv. Carlo Melzi d'Eril del 17/01/2011

L’autocalunnia è il reato previsto dall'articolo 369 codice penale, che punisce chi si autoaccusa di..

Mancata esecuzione di un ordine del giudice

di Avv. Candida Cianciotta del 07/01/2013

Il reato di mancata esecuzione dolosa di un provvedimento del giudice è disciplinato dall’art. 388 ..

Esercizio arbitrario delle proprie ragioni

di Avv. Carlo Melzi d'Eril del 15/07/2016

Le condotte di esercizio arbitrario delle proprie ragioni sono disciplinate da due distinte fattispe..

False informazioni al Pubblico Ministero

di del 19/10/2015

Il reato di false informazioni al pubblico ministero viene identificato dall'articolo 371 bis del Co..