Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Omissione di referto

del 24/03/2016
CHE COS'È?

Omissione di referto: definizione

L'omissione di referto è un reato previsto dal Codice Penale, che all'articolo 365 stabilisce una multa fino a 516 euro per chi ritardi o ometta di riferire all'autorità di avere prestato la propria opera o la propria assistenza, nell'esercizio di una professione sanitaria, in casi che possono essere considerati come delitti che presuppongono la procedibilità di ufficio. Perché si configuri il reato la persona non deve semplicemente avere la qualifica di sanitario, ma deve anche esercitarla in modo legittimo ed effettivo.


COME SI FA

Che cos'è il referto?

Quando si parla di referto ci si riferisce all'atto tipico del medico, il quale è obbligato a redigerlo - e di conseguenza a trasmetterlo - tutte le volte che entra in contatto, nell'esercizio della sua professione, con la conoscenza di avvenimenti che possono presupporre un reato perseguibile di ufficio. Si tratta di un atto di natura esclusivamente informativa: ciò non toglie che la legge obblighi a presentarlo. Il referto si differenzia dal rapporto, che è un atto tramite cui un incaricato di pubblico servizio o un pubblico ufficiale denunciano un reato (che si tratti di contravvenzione o di delitto) all'autorità giudiziaria dopo averne avuto notizia a causa o nell'esercizio del proprio servizio o delle proprie funzioni. La perseguibilità di ufficio è la conseguenza di specifici reati in seguito ai quali è necessario avviare un'azione penale non appena si ha notizia del crimine.


CHI

Un avvocato penalista.


FAQ

1. Quali sono i soggetti che sono obbligati al referto?

Il referto riguarda in modo specifico i medici, gli infermieri, le ostetriche, i veterinari, i biologi e tutti coloro che esercitano un'attività sanitaria in qualità di liberi professionisti, così come i medici pubblici dipendenti che prestano la propria assistenza da privati effettuando un'attività di tipo certificatorio, un'attività diagnostica o terapeutica o assistenza nei confronti di terzi.

2. Cosa deve essere riportato all'interno del referto?

Nel referto devono essere specificati il luogo nel quale il medico ha prestato soccorso, i dati anagrafici della persona che è stata assistita e tutte le informazioni che permettano di individuare e stabilire con chiarezza le circostanze in cui il fatto è avvenuto, gli effetti che ha provocato e quelli che può provocare. Nella denuncia non sono presenti dati biologici.

3. Che differenza c'è tra omissione di referto e omissione di denuncia?

Come riporta la sentenza numero 51780/2013 della Corte di Cassazione, nel caso dell'omissione di referto ci si sottrae all'obbligo di riferire che deriva dall'avere assistito a un fatto che potrebbe presentare i caratteri di un delitto perseguibile di ufficio, mentre nel caso dell'omissione di denuncia il fulcro del reato è rappresentato dalla sussistenza di elementi in grado di indurre un soggetto a identificare la probabilità del compimento di un reato. In termini più semplici, il medico, incaricato di pubblico servizio o pubblico ufficiale, è tenuto a denunciare unicamente un reato per cui è prevista la procedibilità di ufficio solo nel caso in cui gli risulti che tale reato sia già stato concretamente compiuto, mentre nel caso del referto è sufficiente che vi sia la possibilità che l'evento rappresenti un delitto perseguibile di ufficio. Una possibilità che - evidentemente - deve essere valutata in prima persona e in modo soggettivo direttamente dal sanitario, in funzione della propria discrezionalità e delle proprie conoscenze. In questo senso, la responsabilità per un referto è maggiore, perché il soggetto coinvolto è chiamato a decidere se esso sia necessario oppure no.
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

REATI CONTRO L'AMMINISTRAZIONE DELLA GIUSTIZIA: VOCI CORRELATE

Favoreggiamento reale

di Avv. Barbara Sartirana del 31/03/2011

Il favoreggiamento reale è il reato attribuibile a chi, pur essendo estraneo al reato commesso da al..

False dichiarazioni al difensore

di del 07/12/2015

Il reato di false dichiarazioni al difensore, che rientra tra i delitti contro l'attività giudiziari..

Falsa testimonianza

di Avv. Barbara Sartirana del 31/03/2011

Il reato di falsa testimonianza è attribuibile a chi, deponendo davanti all’Autorità Giudiziar..

Falsa perizia o interpretazione

di Avv. Barbara Sartirana del 31/03/2011

La falsa perizia o interpretazione è il reato attribuibile all’interprete, ovvero al perito che, nom..

Calunnia

di Avv. Barbara Sartirana del 31/03/2011

La calunnia è il reato attribuibile a chi, con formale comunicazione all'Autorità Giudiziaria (ad es..