Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Donazioni tra coniugi

del 10/04/2017
CHE COS'È?

Donazioni tra coniugi: definizione

Le donazioni tra coniugi rappresentano una particolare forma di donazione indiretta, in cui un contratto determina il trasferimento di un diritto o di un titolo da un soggetto ''donante'' ad un altro soggetto ''donatario''. L'oggetto trasferito può riguardare una somma di denaro o un bene immobile o mobile come una casa, una parte di essa o un'automobile; l'oggetto può anche essere rappresentato da un obbligo che viene assunto dal donante verso il donatario (ad esempio corrispondenza di una rendita in denaro da un coniuge all'ex).
Questo trasferimento viene effettuato senza la ricezione di una controprestazione e quindi in maniera gratuita, con la riduzione della sfera giuridica del donante a favore di quella del donatario.

In parole più chiare, quando si parla di donazioni tra coniugi si intende dunque un'attività giuridica che determina l'impoverimento di una parte a favore dell'arricchimento dell'altra parte, senza che il cedente riceva alcunché in cambio. Sebbene questo atto non comporti dunque un impegno da parte del donatario, in ambito legislativo la donazione viene regolata attraverso diverse tipologie precise e solenni: l'obiettivo è infatti quello di permettere al donante di riflettere attentamente su ciò che sta facendo ed indurlo quindi a effettuare una decisione ben ponderata.

Il donante si deve infatti rendere conto sin da subito che l'eventuale annullamento della donazione viene regolato dal Codice Civile in maniera molto severa, rendendo valido l'atto di nullità solo in presenza di una forma di atto pubblico che prevede la presenza di due testimoni ed il necessario intervento di un notaio. È chiaro dunque che l'atto di nullità comporta delle spese notevoli soprattutto nel caso di beni e di rendite dall'importo elevato.

COME SI FA

Come fare le donazioni tra coniugi?


Per effettuare una donazione tra coniugi è bene che le due parti separino prima i beni in comune: la donazione si rende infatti più chiara e giusta una volta che sono state decise le percentuali di proprietà di immobili e gli importi di denaro che ciascun coniuge ha il diritto di detenere.
Successivamente a questa operazione, ove essa sia necessaria, si possono effettuare le donazioni tra coniugi. Se l'importo in denaro da trasferire è minore di €3.000 si può pagare in contanti. Nel caso di trasferimento di beni o titoli di non modico valore è obbligatorio ma anche utile il ricorso all'atto pubblico ed al notaio, nonché ad avvocati che dovranno rappresentare le intenzioni delle controparti nel rispetto della legislazione.


CHI

Le spese e le tasse da pagare nelle donazioni tra coniugi

Oltre alle spese accessorie e del notaio vanno anche aggiunte quelle previste per gli avvocati nei casi in cui non vi sia accordo sulla nullità della donazione tra le parti e quelle relative alla tassazione per questo genere di operazioni.
Per questa ultima voce di spesa l'aliquota prevista nel caso di donazioni tra coniugi è pari al 4%. Si parla quindi di una percentuale relativamente bassa ma a cui deve essere aggiunto l'inserimento di una franchigia da 1 milione di euro da moltiplicare per il numero dei donatari.
Nei casi in cui il trasferimento del titolo o del bene veda come donatario un soggetto portatore di handicap grave l'aliquota di donazione è da applicarsi esclusivamente sull'eventuale parte di valore che eccede la cifra di 1 milione e 500 mila euro.
Se l'oggetto del trasferimento è rappresentato da uno o più beni immobili le relative imposte catastali e ipotecarie vengono calcolate con aliquote rispettivamente dell'1 e del 2%.
Nel caso in cui il beneficiario del trasferimento possegga i requisiti per l'acquisto della prima casa le imposte in questione saranno di un importo fisso di 168 euro per ciascuna imposta.
La suddetta donazione tramite atto pubblico e ricorso al notaio viene definita ''formale''. È evidente però che ci siano casi in cui le controparti godono di un rapporto elevato di fiducia reciproca. In questi casi la donazione tra coniugi può anche essere effettuata attraverso l'utilizzo di strumenti diversi e meno costosi, il cui ricorso asseconda anche l'intento di effettuare un'operazione consensuale e basata appunto ''sulla fiducia''. Tuttavia questa possibilità è valida esclusivamente per beni di modesto valore, in cui la donazione viene perfezionata con l'effettivo trasferimento del bene dal soggetto donante al donatario. Il valore modesto non viene considerato con un importo fisso dalla legislazione italiana ma dipende dalle disponibilità economiche sia dal donatore che del beneficiario del bene.


FAQ

1. In cosa consiste l'atto pubblico nelle donazioni tra coniugi?

L'atto pubblico tramite notaio risulta importante ai fini della definizione di eventuali condizioni da sottoporre sia al donante che al donatario. Le condizioni possono essere di tre tipologie: sospensive, risolutive o di reversibilità: in questo ultimo caso si parla di una condizione risolutiva che stabilisce che i beni possono tornare al donante se il beneficiario della donazione o i suoi eredi muoiono prima del donante stesso. Il patto di reversibilità non è da intendersi come tacito ma deve anzi essere espressamente trascritto nel contratto di donazione sotto forma di atto pubblico e deve riguardare esclusivamente il donante e non terze persone. Vista la particolare forma del contratto di donazione e la sua gratuità l'eventuale inadempimento da parte del donante viene regolato in maniera meno severa rispetto a quello che può riguardare le tipologie comuni di debitore: l'inadempienza in questo caso riguarda solamente il dolo o la colpa grave da parte del donante.
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

DONAZIONI: VOCI CORRELATE

Donazione: contratto

di del 31/03/2011

La donazione è il contratto con il quale una persona arricchisce l’altra per mero spirito di liberal..

Donazione fatta da persona incapace

di Avv. Maria Rosaria Santulli del 07/01/2013

“La donazione è il contratto col quale, per spirito di liberalità, una parte arricchisce l’altra, di..

Donazioni: tipi

di del 03/11/2016

Sono diversi i tipi di donazioni che la legge permette di compiere: le persone che intendono disporr..

Donazione: revocazione

di del 28/02/2017

La revoca di una donazione è consentita solo in due casi, secondo quanto previsto dal codice civile ..