Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Testamenti speciali

del 15/03/2012
CHE COS'È?

Testamenti speciali: definizione

Il codice civile agli articoli 609 e seguenti disciplina i cosiddetti testamenti speciali, definiti tali perchè si ritiene che, in circostanze particolari, debba essere dato valore a forme di disposizione delle ultime volontà che, in altri contesti, non sarebbero ritenute valide (cosiddetta via residuale).
I testamenti speciali, pertanto, pur espressi in forma pubblica, privilegiano e valorizzano l'attimo in cui l'autore rende le proprie volontà e dunque, se da un lato escludono l'obbligo della ricezione da parte di notaio, dall'altro hanno efficacia temporale limitata.
In ragione della scelta del legislatore di dare preminenza alla volontà dell'autore, gli stessi soggiacciono a verifiche di validità meno stringenti: pertanto, gli unici requisiti determinanti sono la redazione e la firma, per cui devono essere resi necessariamente per iscritto e sottoscritti dal testatore o quantomeno dalla persona incaricata a riceverli, pena la nullità. Ogni altro difetto di forma è soggetto (solo) ad annullabilità, con azione da svolgersi da chi ne ha interesse entro cinque anni da quando viene data esecuzione alla volontà testamentaria.
Un caso particolare lo riveste il testamento internazionale, valido dopo che l'Italia ha aderito alla Convenzione di Washington del 1973, istitutivo di una normativa uniforme, a metà strada tra testamento privato e testamento pubblico.

COME SI FA
Sono previsti tre tipi di testamenti speciali:
  1. quelli redatti in presenza di malattie reputate contagiose, calamità naturali o infortuni, per cui il testamento deve essere raccolto dal notaio del luogo, ovvero dal Giudice di pace, ovvero dal sindaco o da un ministro di culto; inoltre, devono esserci almeno due testimoni ultrasedicenni;
  2. quelli redatti a bordo di aerei o navi, devono essere raccolti dal comandante (e quello del comandante da colui che lo segue in ordine di servizio);
  3. quelli redatti dalle forze armate, possono essere raccolti da un ufficiale, da un cappellano militare ovvero da un ufficiale della Croce Rossa, comunque con la presenza di altri due testimoni.
Tutti i testementi speciali devono essere sottoscritti dall'autore e dalla persona che li riceve: se l'autore non può farlo, si deve indicare la ragione dell'impossibilità.
Quanto alle regole attinenti il teatamento internazionale, il testamento di un italiano o di uno straniero è formalmente valido, quanlunque sia il luogo in cui è redatto, la residenza del testatore, l'ubicazione dei beni, purchè sia redatto per iscritto, anche da terzi, in qualunque modalità. Altri due requisiti incidono sulla validità: che sia ricevuto da persona abilitata in presenza di due testimoni, e che tutti sottoscrivano il testamento in presenza dell'autore, anche se non ne conoscono il contenuto, in ogni pagina, apponendovi anche la data.

CHI
Per la loro natura, sono riservati a soggetti che si trovano in condizioni particolari, per scelta o per caso. Il codice ne disciplina tre ipotesi:
  1. i soggetti che si trovano in contesti di calamità pubblica o di malattie contegiose ovvero che hanno subito un infortunio e non abbiano modo di muoversi dal luogo in cui si trovano;
  2. i soggetti che si trovano a bordo di una nave o di un aereo;
  3. i militari e le persone comunque facenti parte delle forze armate, in guerra o in zona di operazioni belliche o prigionieri o che si trovano in zone dove sono interrotte le comunicazioni.
I soggetti che possono accedere ai testamenti speciali devono sapere che gli stessi valgono tre mesi: pertanto, vanno trasformati in testamenti secondo le modalità ordinarie in detto termine. Se nel frattempo l'autore muore, e comunque appena possibile, il testamento speciale andrà depositato nell'archivio notarile del luogo in cui ci si trova, ovvero si sbarca, ovvero inviato al quartier generale delle forze armate, che lo deposita, tramite il Ministero, all'archivio notarile del luogo in cui l'autore ha il domicilio ovvero l'ultima residenza.

FAQ

Cosa accade se il viaggio è per fiume o per lago?

Secondo la dottrina prevalente, la norma è di stretta applicazione; in generale, dunque, è esclusa la sua estensione a ipotesi di viaggi per fiume o per lago.

Cosa accade se, decorsi tre mesi e restato in vita l'autore, in un testamento speciale v'è il riconoscimento di un figlio naturale?

Questa è uno dei rari casi in cui il testamento conserva una propria efficacia. Infatti, l’atto di riconoscimento di figlio naturale può essere fatto in qualunque forma di testamento, secondo l’articolo 254 primo comma codice civile; peraltro, il riconoscimento ha effetto (dal giorno della morte del testatore) anche se il testamento è stato poi revocato da un altro successivo.
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

SUCCESSIONI: VOCI CORRELATE

Successione del coniuge separato

di Avv. Amerigo Motta del 13/03/2012

In caso di separazione tra i coniugi sia consensuale che giudiziale le parti conservano i diritti su..

Eredità: condizione, termine e modo nel testamento

di Dott. Luca Bertolini del 25/01/2012

Il testatore può manifestare, unitamente alla volontà espressa nel testamento, una volontà different..

Testamento pubblico

di Avv. Camilla Zamparini del 29/06/2016

Parlando di testamento pubblico, in via generale e iniziale diremo come ex articolo 587 codice civil..

Successioni ereditarie immobili

di del 28/04/2016

Le successioni ereditarie di immobili sono soggette all'imposta di successione. In caso di morte, i ..

Eredità: indegnità a succedere

di Avv. Mario Fontana del 02/02/2012

L'indegnità a succedere è un istituto giuridico appositamente pensato dal legislatore per evitare ch..