Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Eredità: reintegrazione della quota dei legittimari

del 06/07/2016
CHE COS'È?

Eredità reintegrazione della quota dei legittimari: definizione

L’azione di riduzione rappresenta lo strumento concesso dal legislatore a tutela del diritto del legittimario. Il codice civile detta una tutela specifica (articoli 553-564), denominandola “Della reintegrazione della quota riservata ai legittimari”. 

Si parla genericamente di azione di riduzione, ma in realtà si tratta di tre azioni autonome, anche se strettamente connesse. Esse sono:
  • a) Azione di riduzione in senso stretto, che ha lo scopo di far dichiarare l’inefficacia (totale o parziale) delle disposizioni testamentarie e/o delle donazioni che eccedono la quota di cui il de cuius poteva disporre.
  • b) Azione di restituzione contro i beneficiari delle disposizioni ridotte.
  • c) Azione di restituzione contro i terzi acquirenti.

L'azione di riduzione è il mezzo con cui il legittimario fa valere il suo titolo; si dirige in primo luogo verso le disposizioni testamentarie. Qualora queste siano insufficienti, il legittimario agisce contro le donazioni. La prima donazione in ordine di tempo sarà l'ultima a subire la riduzione. 

Inoltre, affinché si possa chiedere la riduzione delle donazioni devono sussistere ulteriori presupposti:
  • Il legittimario, così come previsto ai sensi dell’articolo 564 codice civile, deve aver accettato l'eredità con beneficio d'inventario (a meno che l'azione non sia rivolta verso gli altri legittimari, o il legittimario non sia stato pretermesso dalle disposizioni testamentarie).
  • Il legittimario ha l'obbligo di imputare alla sua porzione le donazioni e i legati a lui fatti.

Si è cercato, con tale strumento, di contemperare due interessi fra loro in conflitto e parimenti meritevoli di riconoscimento; da un lato la salvaguardia dell’autonomia negoziale del “de cuius” e dall’altro la tutela dei diritti inderogabili degli stretti congiunti.
A tale profilo se ne è, più di recente, accostato un altro volto a tutelare i terzi che a vario titolo entrano in contatto con i beni ereditari

Non sembrano sussistere dubbi in merito alla natura personale o reale dell’azione di riduzione. Pur essendosi, da parte isolata della dottrina, sostenuta la natura reale dell’azione in questione quella prevalente, così come la gran parte della giurisprudenza, è orientata nel ritenerla azione personale.
Militano in favore di questa teoria diverse considerazioni: l’essere la stessa diretta nei confronti del solo onorato testamentario ovvero del donatario e non degli aventi causa; l’essere diretta, inoltre, a rivendicare non lo specifico bene bensì, a far valere sul valore del bene stesso le proprie ragioni successorie.
L’azione di riduzione non va infatti confusa con l’azione di restituzione, la quale ultima mira alla reintegra, in concreto, delle ragioni del legittimario.

Avv. Luca Patruno
Ordine degli Avvocati di Bari
Loconte & Partners Studio Legale Tributario

COME SI FA

Azione di riduzione: come si fa

Presupposti per l’esperimento dell’azione di riduzione sono, in primo luogo l’esistenza di disposizioni donative, ovvero testamentarie, come tali in grado di ledere il diritto alla quota di riserva.  Si deve, inoltre, essere in presenza di disposizioni valide, atteso il permanere dei tradizionali rimedi giuridici volti alla declaratoria di inefficacia ex tunc o ex nunc delle stesse. 

Si pensi, a riguardo, alle ipotesi di testamento falsamente redatto, ovvero, redatto da soggetto non più in grado d’intendere o di volere, ovvero soggetto già interdetto alla data di redazione dello stesso, ipotesi nelle quali l’azione di nullità o di annullamento appare prevalente rispetto alla riduzione.
Il legittimario, inoltre, è tenuto a imputare nella propria porzione tutte le liberalità ricevute dal “de cuius”, sia in vita a titolo di donazione che “mortis causae” a titolo di legato. Infine, l’azione deve essere promossa nei termini di legge, prima che intervenga la prescrizione del relativo diritto. 

Orientamenti contrastanti si registrano sia in dottrina che in giurisprudenza circa il momento in cui inizia a decorrere il termine della prescrizione decennale per l'esercizio dell'azione di riduzione. I primi orientamenti erano favorevoli a considerare come momento iniziale quello corrispondente all'apertura della successione (quindi dalla morte del de cuius); successivamente l'orientamento si è spostato nel senso di considerare come momento iniziale del decorso del termine quello corrispondente alla pubblicazione del testamento (quindi successivo alla morte del de cuius). 

Su tale punto è invero intervenuta la Corte di Cassazione a sezioni unite che ha risolto i contrasti in materia, ritenendo il momento iniziale del decorso del termine di prescrizione quello corrispondente al momento in cui sorge nel legittimario l'interesse ad agire e, quindi, nel caso di disposizione testamentaria, nel momento in cui l'erede designato dal de cuius accetta l'eredità, mentre, nel caso di donazione, il termine di prescrizione (“dies a quo”) comincia a decorrere dal momento dell'apertura della successione (morte del de cuius) in quanto in quel momento si perfeziona la lesività della donazione nei confronti del legittimario.

CHI
I presupposti dell'azione sono la dimostrazione della qualità di legittimario (ovvero di stretto congiunto del de cuius, figli, sia legittimi, sia naturali che adottati) e in secondo luogo della lesività della disposizione testamentaria o della donazione nei confronti della quota che la legge riserva espressamente e anche contro la volontà del de cuius al legittimario. 

La dichiarazione di declaratoria della disposizione testamentaria o della donazione rende inopponibile al legittimario qualsiasi atto di disposizione che ha intaccato la propria quota di riserva. La restituzione, infatti, ben può essere esperita nei confronti dei terzi acquirenti dal donatario, così come stabilito dal disposto di cui all’articolo 563 codice civile. Vi è infine unanimità di vedute da parte della dottrina e della giurisprudenza nel considerare l’azione di riduzione quale azione di accertamento costitutivo in quanto mirante proprio ad accertare la avvenuta lesione di legittima.

vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

SUCCESSIONI: VOCI CORRELATE

Eredità: donazioni come anticipazione di quote

di Avv. Cristina Rastelli del 11/10/2011

Nel nostro sistema giuridico, la legge riserva necessariamente a determinati strettissimi congiunti ..

Testamento: nullità

di del 01/12/2016

Un testamento può essere nullo per una vasta gamma di cause: per esempio, perché le disposizioni che..

Dichiarazione di successione

di Dott. Fabrizio Ferrari del 09/03/2012

La successione è l’evento attraverso il quale si realizza il trasferimento dei rapporti giuridici si..

Eredità: indegnità a succedere

di Avv. Mario Fontana del 02/02/2012

L'indegnità a succedere è un istituto giuridico appositamente pensato dal legislatore per evitare ch..

Eredità: riduzione delle disposizioni testamentarie

di del 01/07/2016

Il legittimario che per testamento non ha ricevuto nulla (cosiddetto legittimario pretermesso) o che..