Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Divorzio breve

del 01/09/2015
CHE COS'È?

Divorzio breve: definizione

Lo scorso 11 maggio 2015 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il testo approvato dal Parlamento il 23 aprile 2015, ovvero quello che introduce nell'ordinamento italiano il cosiddetto divorzio breve. La nuova legge introduce un cambiamento epocale nell'ambito del diritto di famiglia, in quanto due coniugi, d'ora in poi, potranno separarsi in soli sei mesi. La nuova legge, inoltre, ha efficacia retroattiva, quindi si applica anche alle cause di separazione in corso. Il legislatore ha voluto modificare quelle norme civilistiche sui tempi per divorziare, facendo esultare tutti i coniugi che vogliono mettere il punto a una relazione anche sul piano legale. Per divorziare non si dovranno più attendere i celebri tre anni ma sei, oppure dodici mesi, a seconda della tipologia di separazione (consensuale o giudiziale). In caso di separazione consensuale il divorzio interverrà solo dopo sei mesi; quella giudiziale, invece, richiede il decorso di un anno per divorziare.  La nuova disciplina del divorzio breve incide anche sulla comunione legale, che si scioglie d'ora in poi nel momento in cui il presidente del Tribunale autorizza gli ex coniugi a vivere in luoghi diversi (separazione giudiziale) oppure quando  gli ex coniugi sottoscrivono il processo verbale davanti al giudice deputato all'omologazione (separazione consensuale). 


COME SI FA

Il divorzio breve è entrato in vigore da poco tempo e, chiaramente, la maggior parte dei coniugi che vogliono dirsi addio non sanno da che parte iniziare per beneficiare della nuova disciplina che accorcia i tempi per divorziare. Innanzitutto, possono ricorrere al divorzio breve, mediante accordo di negoziazione assistita di un avvocato, tutti i coniugi (a prescindere che abbiano figli o meno) separati consensualmente o giudizialmente. Il divorzio breve può essere richiesto sia in Tribunale che in Comune. Nel caso in cui i coniugi optino per il Tribunale, i loro rispettivi avvocati dovranno, decorsi sei mesi dalla separazione, presentare al pubblico ministero l'atto che attesta l'intervenuto accordo di negoziazione assistita. Tale atto dovrà essere inviato, entro 10 giorni dalla scrittura, all'Ufficiale dello stato civile del Comune in cui il matrimonio è stato iscritto o trascritto. Il divorzio breve al Municipio, invece, non presuppone che i coniugi siano assistiti da un legale, quindi l'iter è meno oneroso. Ricordiamo, però, che dinanzi al sindaco non possono essere trattate questioni relative ad accordi su trasferimenti patrimoniali. Il divorzio breve non si può richiedere al Sindaco se i coniugi hanno figli minorenni o maggiorenni non indipendenti economicamente, o comunque che hanno bisogno di assistenza (malati, portatori di handicap, etc.).  


CHI

Possono richiedere il divorzio breve tutti i coniugi che hanno intenzione di separarsi, divorziare o mutare le condizioni attuali. Non è necessaria, come visto, l'assistenza di un avvocato. Moglie e marito, dunque, possono troncare le nozze in tempi brevi e senza spendere molto recandosi presso l'Ufficiale dello stato civile e formalizzare l'accordo. Ovviamente ciò vale in assenza di prole minorenne o maggiorenne non autosufficiente economicamente o portatrice di handicap: in tal caso la legge richiede che i coniugi si presentino dinanzi a un giudice. 


FAQ

1. Quanto tempo ci vuole ora per divorziare?

I coniugi che vogliono divorziare, d'ora in poi, potranno fare domanda dopo 6 mesi di separazione consensuale o 12 mesi di separazione giudiziale. 

2. Quando si scioglie la comunione legale?

Lo scioglimento della comunione legale dei beni avviene nel momento in cui interviene l'autorizzazione giudiziale a vivere separatamente (separazione giudiziale) oppure dal momento in cui i coniugi sottoscrivono la separazione consensuale.

3. Costi del divorzio breve

Quanto cosa divorziare? Beh, non si può generalizzare, ma si può certamente dichiarare che una coppia che vive, ad esempio, a Milano o Roma e vuole divorziare pagherà di più. Insomma, il costo del divorzio breve è variabile e dipendente dalla città in cui si vive e dall'avvocato scelto.
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

DIVORZIO: VOCI CORRELATE

Obblighi dei genitori divorziati

di Avv. Luisella Saldarini del 26/10/2011

La cessazione del vincolo matrimoniale, con la conseguente estinzione dei diritti ed obblighi ineren..

Divorzio: diritti successori

di Avv. Luisella Saldarini del 23/04/2012

Con il divorzio viene meno lo status di coniuge e, conseguentemente, cessano tutti i diritti che la ..

Divorzio congiunto

di Avv. Luisella Saldarini del 31/03/2011

Il divorzio congiunto è l'istituto attraverso il quale i coniugi, congiuntamente (al pari della sepa..

Divorzio senza avvocato

di Avv. Claudio Cecchella del 23/04/2012

Il divorzio, a differenza della separazione quando è consensuale, anche quando è presentato con doma..

Divorzio: effetti

di del 11/01/2016

La sentenza di divorzio produce effetti diversi che possono variare a seconda delle specifiche circo..