Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Equa riparazione per irragionevole durata dei processi

del 07/07/2017
CHE COS'È?

Equa riparazione per irragionevole durata dei processi: definizione

L'equa riparazione per irragionevole durata dei processi può essere chiesto dalla persona che abbia subìto un danno - sia esso di carattere patrimoniale, sia esso di carattere non patrimoniale - proprio per colpa della durata eccessiva di un procedimento giudiziario. 


COME SI FA

Come si presenta la richiesta di equa riparazione per irragionevole durata dei processi?

Il ricorso, per i processi civili e per i processi penali davanti a giudici ordinari, deve essere proposto nei confronti del Ministro della Giustizia. L'assistenza di un avvocato è indispensabile, ma se ne sussistono le condizioni è possibile chiedere di essere ammessi al patrocinio a spese dello Stato. Il ricorso va presentato al Presidente della Corte di Appello del distretto nel quale è avvenuto il primo grado del processo in questione.


CHI

Qualunque parte di un processo - sia può trattare di un processo penale o di un processo civile - che pensi di essere stata danneggiata a causa della durata eccessiva dello stesso. Occorre, in ogni caso, che il richiedente sia stato parte in causa nel processo: ciò vuol dire, per esempio, che la persona offesa dal reato che in un processo penale non si è costituita parte civile non può richiedere né ottenere la riparazione.


FAQ

1. Quando la domanda non può essere ammessa?

La domanda di equa riparazione per irragionevole durata dei processi non può essere ammessa nel caso in cui non siano state esperiti a tempo debito, da parte del ricorrente, i dovuti rimedi preventivi: in altri termini, occorre che il richiedente abbia fatto tutto il possibile, nel corso del processo, per evitare una durata eccessiva dello stesso. 

2. Quando si può definire eccessiva la durata di un processo?

Per trovare una risposta a questa domanda è necessario fare riferimento alla Legge n. 89 del 2001 relativa alla ragionevole durata dei processi, che è stata modificata con il DL n. 83 del 2012 che ha previsto l'aggiunta del comma 2-bis e del comma 2-ter: il primo precisa che il termine ragionevole deve essere considerato rispettato nel caso in cui la durata del processo non sia superiore ai tre anni per il primo grado, ai due anni per il secondo grado e a un anno per il giudizio di legittimità. Secondo la legge, in sostanza, un processo che si prolunga per più di sei anni ha una durata irragionevole. Tale precisazione è esplicitata proprio dal comma 2-ter, che prevede che il termine ragionevole sia rispettato nel caso in cui sia definito il giudizio in non più di sei anni in maniera irrevocabile.

3. Che cosa si intende per equa riparazione?

Secondo la Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali, ogni individuo ha il diritto di vedere esaminata la propria causa pubblicamente, in maniera equa ed entro un termine ragionevole: lo precisa l'articolo 6 della convenzione, che è stata ratificata con la legge n. 848 del 4 agosto del 1955. Per altro, a proposito del rispetto di questo diritto la Corte Europea sui Diritti dell'Uomo si è pronunciata più volte rispetto al nostro Paese. Il principio del giusto processo è stato introdotto in Italia con la legge costituzionale n. 2 del 23 novembre del 1999, con la quale è stato aggiunto all'articolo 111 della Costituzione il secondo comma: esso stabilisce che tutti i processi devono essere svolti nel contraddittorio tra le parti e devono avere una durata ragionevole.
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

PROCESSO CIVILE: VOCI CORRELATE

Processo civile: difensore

di Avv. Maurizio Sala del 15/03/2011

L'azione giudiziaria deve essere esercitata tramite un avvocato difensore ovvero un professionista a..

Ricorso per decreto ingiuntivo

di del 27/07/2011

Il decreto ingiuntivo è il provvedimento del giudice civile mediante il quale viene ordinato al debi..

Appello

di Avv. Candida Cianciotta del 22/02/2013

E’ il mezzo previsto dalla legge per impugnare una sentenza civile pronunciata in primo grado, allo ..

Processo di esecuzione: pignoramento

di Avv. Thomas Marchese del 08/01/2013

Il primo atto del processo di esecuzione è costituito dal pignoramento, il quale consiste in un’ing..

Processo civile: principio della domanda

di Avv. Candida Cianciotta del 07/01/2013

Il processo civile è il processo attraverso il quale un giudice viene investito del compito di risol..