Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Processo di esecuzione: precetto

del 09/10/2013
CHE COS'È?

Processo di esecuzione precetto: definizione

Il precetto è un atto preliminare all'esecuzione forzata, ovvero costituisce una sorta di ultimatum del creditore nei confronti del debitore affinchè quest'ultimo adempia ad una obbligazione risultante da un determinato titolo esecutivo.

Il precetto deve essere preceduto dalla notifica del titolo esecutivo (munito di apposita formula esecutiva) ovvero può essere notificato unitamente ad esso e indirizzato al debitore personalmente ai sensi dell'art. 137 c.p.c..

Tuttavia, ci sono dei casi particolari in cui la notificazione del precetto deve avvenire necessariamente in epoca successiva alla notifica del titolo in forma esecutiva (ad esempio quando l'esecuzione è diretta nei confronti delle le pubbliche amministrazioni il creditore non potrà procedere ad inoltrare il precetto prima del decorso di almeno 120 gg dalla notifica del titolo esecutivo).

 


COME SI FA

Il precetto, ai sensi dell'art. 480 c.p.c., consiste nella formale "intimazione ad adempiere l'obbligo risultante dal titolo esecutivo"  entro il termine massimo indicato dal creditore (non inferiore ai 10 giorni). In caso di mancato adempimento oltre il predetto termine, il creditore potrà procedere all'esecuzione forzata.

Qualora vi sia pericolo nel ritardo (ad esempio nel caso in cui a carico del debitore risultino già pendenti altri procedimenti esecutivi) il Presidente del Tribunale, su richiesta del creditore, potrà autorizzare l'esecuzione "immediata", dispensando l'interessato dal rispettare il termine minimo di 10 giorni.

Elementi essenziali dell'atto di precetto sono:

1. l'indicazione delle parti;

2. la data di notificazione del titolo esecutivo qualora questa sia avvenuta separatamente;

3. in caso di titoli per cui non è prescritta la notifica (scritture private autenticate, assegno bancario e postale e cambiale), sul precetto deve risultare la certificazione della trascrizione di tali titoli da parte dell'ufficiale giudiziario, dietro esibizione del titolo stesso da parte del creditore.

L'omissione di uno solo di tali formalità rende nullo il precetto stesso.

Dal precetto inoltre deve risultare la residenza o l'elezione di domicilio da parte del creditore procedemente oltrechè la sottoscrizione sua personale o di difensore munito di procura.


CHI

Possono procedere alla notificazione dell'atto di precetto nei confronti del debitore, tutti i creditori muniti di un titolo esecutivo, la cui obbligazione non è stata estinta.

Sono titoli esecutivi:

1. le sentenze e i provvedimenti giudiziali esecutivi (come ad esempio i decreti ingiuntivi muniti di formula esecutiva)

2. le scritture private autenticate;

3. le cambiali o altri titoli di credito (es. assegni bancari o postali);

4. gli atti ricevuti da notaio o altro pubblico ufficiale autorizzato dalla legge a riceverli.


FAQ

Quali azioni sono esperibili avverso un atto di precetto?

Si distinguono due tipologie di azioni:1. Opposizione all'esecuzione (ovvero opposizione al precetto): proponibile quando si contesta il diritto della parte istante a procedere ad esecuzione forzata (ad esempio quando l'obbligazione è stata estinta prima della notifica del precetto);2. Opposizione agli atti esecutivi: può essere proposta tutte quelle volte in cui il precetto risulta affetto da vizi derivanti da omissioni e/o irregolarità formali essenziali riguardanti il titolo esecutivo o l'atto di precetto stesso. In questo caso il termine ultimo per la proposizione dell'opposizione è di 20 gg dalla notificazione del titolo esecutivo o del precetto.  
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

PROCESSO CIVILE: VOCI CORRELATE

Processo civile: difensore

di Avv. Maurizio Sala del 15/03/2011

L'azione giudiziaria deve essere esercitata tramite un avvocato difensore ovvero un professionista a..

Giudice e gradi di giudizio

di Avv. Maurizio Sala del 15/03/2011

Il giudice è un soggetto terzo, estraneo alle parti del giudizio al quale l'ordinamento attribuisce ..

Processo civile: introduzione in via sommaria

di Avv. Pierfrancesco Viti del 15/11/2012

Il procedimento sommario di cognizione è tra le recenti novità introdotte nel nostro ordinamento con..

Processo civile: legittimazione ad agire

di Avv. Maurizio Sala del 15/03/2011

La legittimazione ad agire è un concetto processuale che identifica il soggetto titolare dell'azione..

Processo di esecuzione: titolo esecutivo

di Avv. Thomas Marchese del 08/01/2013

La definizione “titolo esecutivo” individua quella categoria di atti, tassativamente predeterminati..