Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Mancata esecuzione di un ordine del giudice

del 07/01/2013
CHE COS'È?

Mancata esecuzione di un ordine del giudice: definizione

Il reato di mancata esecuzione dolosa di un provvedimento del giudice è disciplinato dall’art. 388 codice penale ed è inserito tra i delitti contro l’amministrazione della giustizia, a garanzia che i provvedimenti emessi dall’Autorità Giudiziaria trovino esecuzione da parte di coloro nei cui confronti i provvedimenti vengono emessi. Trattandosi di un delitto contro l’amministrazione della giustizia, e quindi non di un delitto contro il patrimonio, la fattispecie penalmente rilevante non è l’appropriazione o la volontà dell’appropriazione di beni ma la condotta omissiva dell’ordine impartito dall’Autorità Giudiziaria. La punizione di tale ipotesi delittuosa, mediante l’irrogazione della pena della reclusione o della multa, mira in sostanza a ripristinare l’autorità dello Stato che si assume violata in conseguenza della mancata esecuzione dell’ordine imposto dal giudice. L’esigenza che il legislatore ha inteso soddisfare, con la previsione di tale ipotesi delittuosa, è rafforzare, nell’interesse preminente dell’amministrazione della giustizia, l’efficacia esecutiva delle decisioni del giudice in materie che necessitano di particolare ed immediata tutela per la loro estrema rilevanza sociale (ad es. quella dell’affidamento dei minori e degli incapaci). Per la configurabilità del delitto di mancata esecuzione di un provvedimento del giudice è richiesta la ricorrenza del dolo nella condotta delittuosa.

COME SI FA
L’art. 388 codice penale elenca una serie di condotte delittuose nelle quali si estrinseca il reato in questione, tutte punite con la pena detentiva della reclusione o della pena pecuniaria della multa. Nella prima parte dell’art. 388 c.p. viene prevista l’ipotesi del compimento di atti fraudolenti volti a non dare adempimento agli obblighi civili nascenti da una sentenza di condanna e, nella seconda, la elusione di un provvedimento del giudice civile concernente l'affidamento di minori o di altri incapaci, ovvero misure cautelari a difesa della proprietà, del possesso o del credito. Trattasi di due distinte ipotesi nelle quali, tuttavia, il bene tutelato, comune ad entrambe, è l'autorità delle decisioni giudiziarie): nella prima occorre un comportamento attivo e commissivo, contrassegnato dal dolo specifico, mentre nella seconda la condotta del reo è libera ed è sufficiente ad integrare la previsione criminosa il semplice dolo generico, cioè la coscienza e la volontà di disobbedire al provvedimento del giudice (Cass. Penale, Sez. VI, sent. n. 8528 del 25-08-1986; Cass. Penale, Sez. VI, sent. n. 16817 del 01-12-1989). Il provvedimento del giudice civile può essere costituito, oltre che da una sentenza di condanna, anche da un'ordinanza che sancisca l'adempimento di obblighi civili di cui è in corso l'accertamento davanti all'autorità giudiziaria. E’ inoltre previsto che chiunque sottragga, sopprima, distrugga, disperda o deteriora una cosa di sua proprietà sottoposta a pignoramento o sequestro giudiziario o conservativo è punito ai sensi dell’articolo in commento. Stessa sorte toccherà anche al custode di una cosa sottoposta a pignoramento o a sequestro giudiziario o conservativo che indebitamente rifiuta, omette o ritarda un atto dell’ufficio; nonché al debitore, all’amministratore, direttore generale o liquidatore della società debitrice che, invitato dall’ufficiale giudiziario ad indicare le cose o i crediti pignorabili, omette di rispondere nel termine di quindici giorni o effettua una falsa dichiarazione. A seconda delle diverse ipotesi delittuose, ivi contemplate, il legislatore ha stabilito una diversa durata della reclusione ed un diverso ammontare della pena pecuniaria irrogata.

CHI
Il reato è procedibile a querela della persona offesa dalla condotta delittuosa. Il termine per la proposizione della querela, per il delitto di mancata esecuzione dolosa di un provvedimento del giudice, decorre dalla data in cui l'inottemperanza pervenga a conoscenza della persona offesa. Trattasi di un reato istantaneo che si consuma nel momento in cui si verifica il primo fatto con il quale si elude l'esecuzione del provvedimento del giudice - esso può assumere il carattere di reato permanente solo quando si sia creato uno stato continuativo ininterrotto, contrario alle prescrizioni del giudice che può essere fatto cessare dalla volontà del reo.

vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

REATI CONTRO L'AMMINISTRAZIONE DELLA GIUSTIZIA: VOCI CORRELATE

Simulazione di reato

di del 07/01/2016

L'articolo 367 del Codice Penale specifica che il reato di simulazione di reato viene commesso da ch..

Omissione di referto

di del 24/03/2016

L'omissione di referto è un reato previsto dal Codice Penale, che all'articolo 365 stabilisce una mu..

Autocalunnia

di Avv. Carlo Melzi d'Eril del 17/01/2011

L’autocalunnia è il reato previsto dall'articolo 369 codice penale, che punisce chi si autoaccusa di..

Frode Processuale

di del 06/10/2015

La frode processuale è un delitto contro l'attività giudiziaria punito dall'articolo 374 del Codice ..

Falso giuramento

di del 24/12/2015

Il falso giuramento (noto anche come falso giuramento della parte) è un delitto previsto dall'artico..