Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Leadership situazionale

del 04/07/2013
CHE COS'È?

Leadership situazionale: definizione

Se pensiamo ad un'accezione più ampia del termine leadership, designa la capacità di influire su altre persone in vista di un raggiungimento di un obiettivo.
Il superiore (leader) dipende sempre di più dal comportamento dei propri collaboratori, in particolare dalla loro maturità lavorativa e psicologica; di conseguenza si può dire che è il comportamento dei collaboratori a determinare lo stile di leadership che il superiore dovrà utilizzare con loro.
Possiamo immaginare un percorso evolutivo/di sviluppo della leadership in base a due variabili:
  • il compito (competenze)
  • la relazione (dedizione)
che sviluppano quattro stili direttivi diversi:
  1. Stile autoritario, il superiore definisce i ruoli dei collaboratori, dà ordini circa i modi, i tempi, i luoghi di svolgimento dei compito. Lo stile di comunicazione è a una via. Abbiamo un grado di maturità basso del collaboratore, pensiamo ad esempio ad un neo assunto (scarsa competenza, alta dedizione), che ha bisogno di essere diretto.
  2. Stile integrato, il superiore da direttive ma cura il rapporto con il collaboratore, la comunicazione è a due vie, alta strutturazione del compito. Abbiamo un grado di maturità del collaboratore medio-inferiore (qualche competenza, scarsa dedizione), ha bisogno di essere addestrato.
  3. Stile partecipativo, il superiore presidia la relazione, il supporto psicologico, il clima interno al gruppo. I collaboratori sono autonomi a livello tecnico e sono stimolati a prendere iniziative. Il loro grado di maturità è medio-superiore (alta competenza, scarsa dedizione), hanno bisogno di essere sostenuti, ascoltati, facilitati nella presa di decisione.
  4. Stile di delega, il superiore definisce il contenuto della delega (che cosa fare - con quale competenza farlo), definisce anche le responsabilità (il mandato, il grado di autonomia decisionale). I collaboratori hanno un alto livello di maturità (alta competenza, alta dedizione), hanno bisogno di essere delegati, ovvero di avere la responsabilità di decisione.

COME SI FA
Tramite un percorso formativo, è possibile seguire e modificare passo passo le modalità e gli stili di leadership dei partecipanti. Una volta rilevato il livello di efficacia dell'approccio e il livello di soddisfazione dei partecipanti, si cercheranno modalità e strumenti per migliorare la situazione, anche se è bene sapere che cambiare lo stile di leadership, modularlo e adattarlo a seconda del collaboratore che si ha davanti è un processo difficile e che richiede dunque tempo.

CHI
Psicologi e formatori esperti posso guidare il percorso di cambiamento e di sviluppo di chi si vuole cimentare a diventare un leader o migliorare la propria capacità di guidare le persone; a seconda delle situazione e del collaboratore che ha davanti vuole migliorare la propria maniera di porsi, di valorizzare i collaboratori, di aiutarli a crescere.
Chi in sintesi desidera e vuole saper gestire il ruolo di guida che gli è stato affidato.

vota  

Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati

FORMAZIONE E CONSULENZA: VOCI CORRELATE

Problem Solving

di Maurizio Rigato del 04/11/2011

Il Problem Solving è l’insieme dei processi atti ad analizzare, affrontare e risolvere positivament..

Gestione del tempo

di del 28/11/2012

Per gestione del tempo si intende perciò l'insieme delle strategie che una persona mette in atto per..

Outdoor Training

di del 10/10/2012

L’outdoor training è la più antica delle metodologie di formazione esperienziale; nasce infatti into..

Gestione dei conflitti sul lavoro

di Dott. Bizzotto Andrea del 24/09/2012

Il conflitto è una dimensione fisiologica della nostra vita, ed è possibile acquisire strumenti e ch..

Clima Organizzativo

di Dott. Bizzotto Andrea del 24/09/2012

Il concetto di clima aziendale (poi evoluto in clima organizzativo) nasce negli anni ‘60 come appro..