Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Personal branding

del 31/12/2015
CHE COS'È?

Personal branding: definizione

Il personal branding può essere definito come la capacità di pubblicizzare e di promuovere se stessi presso una comunità di consociati: l'espressione fa riferimento, come si può notare, a una terminologia che richiama la vendita di prodotti commerciali, ma in realtà può essere considerata come parte di un processo di miglioramento personale, in funzione del quale non bisogna focalizzarsi unicamente sul valore ma è bene concentrarsi anche sulle modalità di promozione.


COME SI FA

Come si sviluppa il personal branding?

Il personal branding può essere applicato sia da una singola persona che da un'azienda. Per prima cosa, è necessario individuare i punti di forza che si desidera far conoscere: può trattarsi di una specifica abilità, di uno stile, di determinate competenze, di alcune conoscenze, di un carattere, e così via. Lo scopo, come suggerisce il nome, è quello di creare un marchio personale, da comunicare in modi diversi a seconda delle circostanze.

Che cos'è il brand positioning?

Il concetto di brand positioning è strettamente connesso a quello di personal branding: corrisponde all'esigenza di posizionare il brand nella mente dell'utente / consumatore, facendo in modo che il brand stesso venga associato a una caratteristica specifica o a una peculiarità ben precisa. Insomma, un concetto che garantisca una distinzione netta rispetto alla concorrenza. 

Qual è il brand che deve essere promosso?

Può essere un brand vero e proprio, nel caso di un'azienda, o semplicemente del nome e del cognome di una persona, nel caso di un professionista.


CHI

Un esperto di marketing, in quanto il personal branding fa riferimento per la maggior parte dei casi alle tecniche che vengono impiegate in questo settore. Ovviamente tali tecniche devono essere adattata al fine di promuovere nel modo migliore l'identità dell'azienda o della persona.


FAQ

1. Quali obiettivi ci si pone con il personal branding?

Uno degli scopi principali di questa tecnica è quello di influenzare gli utenti: il riferimento al cosiddetto experiential marketing è indispensabile, perché richiama esperienze che devono essere fatte vivere ai clienti. Chi ricorre al personal branding vuole, in sostanza, poter disporre di una community, di una rete di seguaci il più possibile fedeli: sul web lo si può fare tramite i blog personali e, negli ultimi anni, grazie ai social network, per andare ad aumentare e migliorare quella che viene definita come web reputation. La reputazione digitale, per altro, può essere monitorata e tenuta sotto controllo anche con l'aiuto di software ad hoc, nell'ambito del social media monitoring in virtù del quale viene valutata, per esempio, la soddisfazione degli utenti.

2. Quali sono le tappe fondamentali in un percorso di personal branding?

Il punto di partenza consiste nell'impostare una strategia attraverso la quale identificare o stabilire i punti di forza da promuovere. Quello che conta è essere in grado di far conoscere le proprie abilità, far sapere cosa si è in grado di fare. Si tratta di spiegare agli utenti, ai seguaci e ai follower non solo cosa si fa, ma anche come lo si fa e perché lo si fa meglio rispetto agli altri. La presenza sui social network, nel contesto attuale, è al tempo stesso naturale e indispensabile per qualsiasi realtà, dai professionisti alle piccole imprese: ma la visibilità da sola non è sufficiente se non è accompagnata dalla qualità. Non basta farsi vedere, ma è necessario farsi vedere nel migliore dei modi - e dei mondi - possibili. 
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

FORMAZIONE E CONSULENZA: VOCI CORRELATE

Comunicazione efficace

di Dott. Bizzotto Andrea del 09/10/2013

Comunicare in maniera efficace, “in maniera sana”, che non è dire qualcosa ma condividere un pensier..

Counselling

di Dott. Damiano Frasson del 06/11/2013

Definizione di counselling: “un processo di apprendimento contrattualizzato tra counselor/s e client..

T-Group

di Dott. Bizzotto Andrea del 20/09/2012

Il Training Group (più comunemente noto come T-Group) è un’esperienza di indagine e di cambiamento c..

Giochi formativi

di Dott. Bizzotto Andrea del 11/12/2012

Con giochi formativi si intende, in ambito di formazione lavorativa, l'insieme di metodologie attive..

Problem Solving

di Maurizio Rigato del 04/11/2011

Il Problem Solving è l’insieme dei processi atti ad analizzare, affrontare e risolvere positivament..