Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Temporary management

del 02/09/2015
CHE COS'È?
Con la definizione di management temporaneo si intende la gestione temporanea di una o più attività all’interno di un’azienda volte al raggiungimento di un obiettivo o ad assicurare la continuità del corretto sviluppo organizzativo, potenziando le competenze manageriali già presenti in azienda, e risolvendo momenti critici, sia negativi (riduzioni dell’organico, riposizionamenti economici, strategici o finanziari) che positivi (situazioni di forte crescita, penetrazione di nuove aree di mercato, espansione commerciale Italia – estero ).
Il management temporaneo può essere inteso anche come la gestione in outsourcing di progetti a professionisti di significativa esperienza, al fine di aumentarne la velocità di implementazione e messa a regime.

COME SI FA
Essrere un manager temporaneo richiede competenza, flessibilità ed esperienza.
Per valutare la validità di un manager temporaneo si devono valutare le sue referenze presso aziende per le quali ha prestato servizio.
Il manager temporaneo non è un semplice consulente.
La differenza tra un consulente e un temporary manager è sostanziale: un consulente è un supporto teorico all'azienda, al contrario con il temporary management le piccole e medie imprese possono avere a loro disposizione, per un arco di tempo definito utile allo sviluppo di uno specifico progetto, un manager con l'esperienza e la professionalità necessarie a superare i momenti di difficoltà.
Il temporary manager è un supporto pratico, in quanto lavora in azienda, per l'azienda, facendola crescere, innestando professionalità in tutti i suoi addetti; in buona sostanza il temporary manager le cose le fa, non le racconta.

CHI
Le caratteristiche proprie della figura del manager temporaneo si delineano nella spiccata professionalità ed esperienza rispetto all’approccio e risoluzione di problematiche di diversa natura, attitudine verso le attività di comunicazione, determinazione a raggiungere gli obiettivi stabiliti, forte capacità di leadership e project management.
Elemento chiave nella figura del manager temporaneo è la motivazione, valere a dire la volontà di ricercare in ogni incarico una nuova sfida, e lavorare unicamente per raggiungere gli obiettivi stabiliti, primo tra tutti il diventare “inutile” e mai difendere una posizione acquisita.
Il costo della consulenza ha come elementi di base il tempo e le risorse necessarie per dare al cliente il servizio richiesto, mentre per quanto riguarda il management temporaneo, non esiste una vera e propria regola per definire l’esatta misura del compenso.
Possiamo comunque dire che tenendo conto del costo aziendale di un manager, considerando i costi che l’azienda deve sostenere per la risoluzione del contratto di dipendenza (solitamente identificabili in due annualità di stipendio), è da ritenersi adeguato un compenso pari al costo aziendale del manager (di pari ruolo) aumentato di circa un 20%.

vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e la Privacy
Voglio ricevere le newsletter di Professionisti.it
Voglio ricevere informazioni dai partner di Professionisti.it
VOCI CORRELATE
Statuti sociali

di Avv. Paolo Fortina del 03/04/2012

Lo statuto (dal latino “statutu”, ovvero “decreto”, “decisione”) è l'atto che disciplina l'organizza..

Affitto di aziende

di Dott. Andrea Bonanno del 23/03/2011

L'affitto di azienda è un contratto con il quale un soggetto concede ad un terzo il diritto di utili..

Sviluppo aziendale

di Riccardo Marruchi del 21/06/2012

Con il termine sviluppo aziendale si identifica l'operazione e il periodo durante il quale si proc..

Analisi della concorrenza

di Riccardo Marruchi del 21/06/2012

La crescente complessità degli scenari di mercato, associata a competitività ed incertezze sempre ..

Transition management

di Riccardo Marruchi del 21/06/2012

Un progetto di transition management è quel momento in cui un team di manager professionisti succedo..