Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Gas Radon

del 06/02/2012
CHE COS'È?

Gas Radon: definizione

Il gas radon, incolore e inodore, è un gas radioattivo "naturale" proveniente dal sottosuolo che può risalire all'interno degli edifici ed è presente ovunque nel nostro territorio, nell'acqua e nell'aria. La quantità dipende, oltre che dalla struttura geologica, anche dal piano di abitazione o di lavoro, dalle abitudini di vita, dal livello di ventilazione presente, dalla tecnologia e dai materiali impiegati nella costruzione, dalle condizioni atmosferiche.
Gli effetti sull'uomo: i danni, anche gravi a dosi elevate, sono a carico dell'apparato respiratorio, soprattutto in luoghi polverosi. La normativa italiana (decreto legge 241/00) obbliga il monitoraggio dei locali interrati adibiti alla permanenza anche saltuaria di persone (sia lavoratori che pubblico) stabilendone i limiti, le modalità di indagine e gli obblighi.

Arch. Fausto Redondo
Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori di Brescia
Fausto Redondo Architetto

COME SI FA
Per individuare la quantità di gas radon, occorre effettuare un indagine. L’indagine più precisa, chiesta e stabilita anche dalla normativa, avviene mediante il posizionamento di “dosimetri” a lunga durata. Esiste comunque la possibilità, consigliata qualora sussistano dei dubbi sulla presenza del gas e prima di eseguire l’indagine per il periodo prolungato, di effettuare uno screening di breve durata con altri tipi di dosimetri o apparecchiature in modo da non aspettare di sapere i risultati dopo 6 – 12 mesi.

CHI
L’indagine prevede la verifica delle caratteristiche dei locali da monitorare. L’indagine del gas radon va effettuato da personale qualificato e con provata esperienza mediante apposite apparecchiature riconosciute dalla normativa.

FAQ

In Lombardia è diffuso il gas radon?

Il gas radon è presente anche in Lombardia. Il gas radon migra dal suolo (o dai materiali da costruzione) e penetra all’interno degli edifici attraverso le fessure (anche microscopiche), gli attacchi delle pareti al pavimento, i passaggi dei vari impianti (elettrico, termico, idraulico).

Quando è utile valutare la presenza del gas radon?

I livelli di radon sono generalmente maggiori nelle cantine e ai piani bassi, seminterrati e interrati. Pertanto, se questi ambienti sono vissuti e utilizzati sarebbe consigliabile un'indagine.

È possibile trovare dei rimedi dopo aver riscontrato alti valori di concentrazione?

Sì. Anche se non è possibile eliminare del tutto il radon dagli ambienti in cui si vive, ci sono metodi (con diversa efficacia) per ridurne la concentrazione nei luoghi chiusi. Fondamentale è comunque che, per le nuove costruzioni, si adottino criteri per prevenire la presenza del radon.
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

GAS TECNICI: VOCI CORRELATE

Gas tecnici:trasporto e maneggio

di Dr. Ing. Enrico de Carli del 31/03/2011

Le tecniche di trasporto e maneggio dei gas tecnici tengono conto: delle masse in gioco; de..

Anidride Carbonica CO2

di Dr. Ing. Enrico de Carli del 31/03/2011

L’anidride Carbonica (CO2) è il più comune prodotto della combustione; alle condizioni ambient..

Azoto N2

di Dr. Ing. Enrico de Carli del 31/03/2011

L’azoto (N2) è un gas diffusissimo in natura, circa 78% in volume è presente nell’atmosf..

Argon Ar

di Dr. Ing. Enrico de Carli del 09/02/2011

L’Argon (Ar) è un gas nobile, quindi monoatomico, che si estrae dall’aria in cui è ..

Ossigeno O2

di Dr. Ing. Enrico de Carli del 31/03/2011

L’ossigeno (O2) è un gas diffusissimo in natura, per poco meno del 21% in volume è presente ne..