Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Anidride Carbonica CO2

del 31/03/2011
CHE COS'È?

Anidride Carbonica CO2: definizione

L’anidride Carbonica (CO2) è il più comune prodotto della combustione; alle condizioni ambiente è un gas inerte, quindi non velenoso ma asfissiante, è più pesante dell’aria; per questa particolarità può essere pericolosissimo se si concentra in depressioni, fosse o scavi occasionalmente praticati da persone o animali. Si conoscono in proposito diversi casi mortali. Il CO2 ha un punto critico di 31 °C, quindi non può essere liquefatto ad una temperatura anche di poco superiore e sotto qualsiasi pres-sione. A temperatura ambiente, o anche inferiore, può essere liquefatto, ma solo sotto pressione, per questo a pressione ambiente non esiste liquido, per quanto freddo sia. A temperatura -79 °C solidifica ma, anche se esposto poi a temperature maggiori, emana del gas ma non si scioglie, per questo è detto 'ghiaccio secco'.

Dr. Ing. Enrico de Carli
Ordine degli Ingegneri di Brescia
Studio Tecnico Ing. Enrico de Carli


COME SI FA

Vi sono molte tecniche di produzione del CO2, per lo più legate all’uso finale, alla purezza voluta e al costo. Il CO2 ha diversi usi industriali e civili: i più importanti sono l’inertizzazione di masse combustibili e l’estinzione di incendi in ambienti chiusi, in alternativa all’azoto, ma la scelta va fatta accuratamente; per la sua forte solubilità in acqua si usa per gasare bevande e, per la sua resistenza alla radioattività, si usa per il raffreddamento di reattori nucleari. È anche usato come materia prima per processi di sintesi e per altre tecniche meno comuni. Il CO2 non è di difficile né di pericoloso maneggio, ma ha un comportamento non facilmente comprensibile a chi non ne conosce le caratteristiche, che differiscono sensibilmente da quelle di quasi tutti gli altri gas, per i motivi esposti sopra circa le caratteristiche fisiche. In piccole quantità il CO2 si conserva e si maneggia in bombole, per quantità superiori ai 1.000 Kg si conserva liquido sotto pressione in opportuni serbatoi termicamente isolati.


CHI

Come in genere per tutti i gas, nell’uso del CO2 è prudente affidarsi alla competenza di un esperto e, per uso massiccio, meglio ancora di un ingegnere, soprattutto in una fase iniziale quando ancora mancasse nel personale addetto un’esperienza specifica.




vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

GAS TECNICI: VOCI CORRELATE

Protocollo di Kyoto

di Avv. Diana Yuditxa Bautista Martinez del 18/12/2014

Il Protocollo di Kyoto che deve il proprio nome alla città giapponese in cui è stato firmato e che c..

Gas Radon

di Arch. Fausto Redondo del 06/02/2012

Il gas radon, incolore e inodore, è un gas radioattivo "naturale" proveniente dal sottosuolo che pu..

Azoto N2

di Dr. Ing. Enrico de Carli del 31/03/2011

L’azoto (N2) è un gas diffusissimo in natura, circa 78% in volume è presente nell’atmosf..

Argon Ar

di Dr. Ing. Enrico de Carli del 09/02/2011

L’Argon (Ar) è un gas nobile, quindi monoatomico, che si estrae dall’aria in cui è ..

Ossigeno O2

di Dr. Ing. Enrico de Carli del 31/03/2011

L’ossigeno (O2) è un gas diffusissimo in natura, per poco meno del 21% in volume è presente ne..