Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Analisi transazionale

del 16/05/2012
CHE COS'È?

Analisi transazionale: definizione

L'Analisi Transazionale è un sistema teorico conosciuto nel mondo scientifico internazionale dai primi anni ’70 che, a partire da Eric Berne, si è diversificato trovando applicazione in vari campi e contesti. Nel corso degli anni molti sono stati gli studiosi che hanno arricchito, completato, integrato e dato valore al costrutto di partenza di Berne, pensato inizialmente come un metodo terapeutico volto a curare le persone e alcuni disturbi dovuti alla comunicazione e condizionamenti ricevuti fin dall’infanzia.
Il modello originario dell’Analisi Transazionale, di derivazione psicoanalitica e collocabile all'interno di una visione antropologica dell'uomo di tipo umanistico-esistenziale, si è sviluppato nel tempo attraverso focalizzazioni teoriche che ben si integrano con i più recenti apporti inerenti il costruttivismo, la psicoanalisi relazionale, la psicologia dell'attaccamento, le neuroscienze e la PNL.
Importanti sono stati i contributi all’A.T. in particolare da parte di Carl Rogers con il suo appoccio umanistico centrato sulla persona. Attualmente, l’A.T. è un modello d’intervento riconosciuto e apprezzato per la sua efficacia, applicato in diversi contesti culturali e in ambiti molteplici: il counselling, il contesto educativo, quello del benessere nelle organizzazioni, la formazione adulta.

COME SI FA
L'Analisi Transazionale può essere utilizzata da operatori professionali come: psicologi, counsellor, coach, formatori, educatori, insegnanti, manager, psicoterapeuti e medici, come strategia d'intervento rivolta al miglioramento di disagi e difficoltà relazionali e/o emozionali. L' A.T. può anche essere appresa in contesti formativi al fine di dotare i formandi, con specifici apprendimenti, di strumenti di base volti a una autonoma gestione degli stessi finalizzata a migliorare competenze comunicativo-relazione e Intelligenza Emotiva. Alcuni concetti chiave dell’A.T. che vengono sviluppati nei corsi di formazione GRUEMP e in particolare nel corso Ero..Sono…Sarò.

I tre stadi dell’IO:
  • Io Genitore - la parte genitoriale dell'io è quella dove sono custoditi i sentimenti, i comportamenti, le emozioni, gli insegnamenti, gli esempi che noi abbiamo appreso dai nostri genitori e figure che ci hanno educato;
  • Io Adulto - la parte adulta è la parte razionale di tutti noi, dove si elaborano le informazioni e attraverso la quale si cerca di avere una maggiore oggettività nelle situazioni relazionali;
  • Io bambino - la parte bambino dell'Io è dove è racchiusa la spontaneità e l'emotività. Il Bambino racchiude tutte quelle esperienze, quei comportamenti che noi abbiamo messo in atto fin dalla nostra infanzia. Quando una persona si relaziona o comunica o si comporta prevalentemente manifestando lo stato del Bambino, significa che tende a comportarsi non come un bambino in generale, ma come si comportava quando era bambino.
Le tre fami:
Perché la nostra psiche si mantenga più in equilibrio possibile, essa deve soddisfare quelle che l’A.T chiama "fami". Ce ne sono di tre tipi:
  1. fame di stimolo: tutti gli esseri umani vanno alla ricerca di ricevere stimoli e provare sensazioni;
  2. fame di riconoscimento: ognuno di noi ha bisogno di sapere che esiste, che non è un soggetto inutile in mezzo agli altri;
  3. fame di struttura: come strutturare il tempo di vita nelle ore della giornata.
Le fami vengono saziate attraverso stimoli, le transazioni comunicative interpersonali, attraverso le quali le persone si scambiano le cosiddette “carezze”.

Il gioco:
È una modalità di “Strutturazione del tempo” contenente un elevato contenuto emotivo, ma altamente prevedibile, che si svolge secondo uno schema fisso e termina sempre in modo sgradevole per entrambi i partecipanti. La presenza di giochi nei rapporti interpersonali è all’origine di dipendenze, litigi frequenti, incomprensioni durevoli e altre tipologie di conflittualità che provocano sofferenze emotive e psicologiche. Nel famoso libro di Berne “A che gioco giochiamo?" Vengono presentati numerosi "giochi" tipicamente adottati in varie circostanze dalle persone. Un esempio è quello denominato "Perché non...sì, ma".

Script o Copione:
L'Analisi Transazionale fornisce anche una teoria dello sviluppo nell’infanzia. Il concetto di copione, tra i più noti in quest'ambito, spiega come molti degli schemi di vita adottati in età adulta abbiano origine nella sua infanzia. Nel quadro del copione, l'analisi transazionale elabora spiegazioni di come l'adulto riproponga continuamente le sue strategie apprese nell’infanzia, anche quando esse generano risultati dolorosi o autolesionisti. Berne, anche in base alle posizioni esistenziali, individua tre categorie di persone, ognuna delle quali ha il suo copione: il vincitore, il non-vincitore e il perdente.

CHI
Nell’ambito della formazione e del Coaching, il riferimento alla teoria dell’A.T. risulta particolarmente adatta per creare situazioni formative e di sviluppo necessarie per potenziare le competenze trasversali come: capacità di comunicazione interpersonale, empatia, gestione del tempo e dello stress, comunicazione assertiva e intelligenza emotiva. GRUEMP la presenta come contenuto formativo utilissimo per ridurre i conflitti aumentando efficacia ed efficienza nei contesti professionali e famigliari dove dovrebbe prevalere un orientamento al benessere psicofisico comune.
L'A.T. risulta molto interessante nei contesti professionali dove le persone lavorano spesso a stretto contatto tra loro e in piccoli team operativi (back office, ufficio tecnico, segreterie commerciali, customer service, ufficio gestione clienti). Trova utili applicazioni negli studi professionali, quali: architetti, notai, avvocati, medici, studi di consulenza, commercialisti e consulenti del lavoro.

vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

FORMAZIONE E CONSULENZA: VOCI CORRELATE

Intelligenza emotiva

di Dott. Bizzotto Andrea del 24/09/2012

L'utilizzo di questa forma di intelligenza si fonda sulla capacità di intuire i sentimenti, le aspir..

Counselling

di Dott. Damiano Frasson del 06/11/2013

Definizione di counselling: “un processo di apprendimento contrattualizzato tra counselor/s e client..

Team Building

di Maurizio Rigato del 04/11/2011

Si definisce Team Building un insieme di attività formative il cui scopo è la formazione di un grupp..

Comunicazione persuasiva

di del 27/08/2012

La comunicazione persuasiva è la capacità di attivare un comportamento comunicativo volto a trasmett..

Processo di delega

di Dott. Bizzotto Andrea del 24/09/2012

La delega professionale in ambito aziendale implica un DELEGANTE e un DELEGATO che negoziano, come p..