Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Conciliazione

del 09/02/2012
CHE COS'È?

Conciliazione: definizione

Per conciliazione si intende l'insieme di strumenti che l'ordinamento offre alle parti di una controversia sui diritti per una risoluzione della lite mediante mezzi alternativi ("ADR" Alternative Dispute Resolution) ai rimedi giurisdizionali, offerti dagli organi di giustizia dello Stato, attraverso le due forme che si traducono nella conciliazione vera e propria e nella mediazione.
Nella conciliazione il terzo conciliatore tenta di persuadere le parti ad esprimere una volontà conciliativa senza interferire con i suoi possibili contenuti; nella mediazione il conciliatore, che assume il nome di mediatore, offre una soluzione mediana di sua iniziativa e cerca una convergenza dei contendenti su di essa, nella sostanza cerca di influenzare per una rappacificazione la volontà delle parti nei suoi contenuti.
Per l'assimilazione dovuta al linguaggio internazionale, entrambe le attività vengono definite oggi sotto lo stesso termine di mediazione; così stabilisce la legge generale, il decreto legislativo del 4 marzo 2010, n. 28.
La conciliazione è un mezzo diverso dal giudizio del giudice o dell'arbitro, poiché non deve offrire una soluzione in cui una parte ha interamente ragione e l'altra interamente torto e perché consente, nella soluzione conciliata, l'emersione di interessi economici o personali particolari delle parti, di cui il giudice, come l’arbitro, che devono applicare rigidamente la legge, non possono tenere conto.
La conciliazione nasce storicamente negli ordinamenti intermedi della società (le associazioni e le società) come forma espressa da quegli organismi per trattenere a sé le controversie interne. Questo particolarmente nell'associazionismo sindacale: le prime forme si esprimono nel diritto del lavoro, agrario e delle locazioni e si traducono successivamente in legge. Il fenomeno, per impulso del legislatore, è poi dilagato anche nelle controversie individuali, in alcune leggi speciali e poi nella citata legge generale del 2010.

Prof. Avv. Claudio Cecchella
Ordine degli Avvocati di Pisa
Studio Cecchella e Soci

COME SI FA
E' necessario distinguere una conciliazione obbligatoria, che in alcune materie (articolo 5 del decreto legislativo n. 28 del 2010) il legislatore vuole sia esperita prima che si eserciti l'azione davanti al giudice, da una conciliazione facoltativa, che è originata da un impulso spontaneo di tutte le parti, senza vincolo di sorta. Oggi la obbligatorietà, oltre che dalla legge, può essere imposta da un contratto (un atto costitutivo di un’associazione o di una società), con gli stessi effetti del tentativo obbligatorio ex lege.
La obbligatorietà provoca una pausa nel processo: se non vi è esperimento preliminare alla domanda giudiziale il giudice rinvia l'udienza e fissa alle parti un termine per lo svolgimento del tentativo.
Esiste anche una conciliazione giudiziale, tentata dal giudice nel corso del processo, obbligatoriamente nelle controversie di lavoro, in maniera discrezionale - salvo la richiesta di entrambe le parti - nelle altre controversie.
Il risultato positivo della conciliazione raggiunta è che costituisce titolo esecutivo; quindi consente in caso di violazione di avviare subito un processo esecutivo, senza dovere passare attraverso una lunga causa davanti al giudice che accerti il diritto.
L'effetto invece della conciliazione non riuscita è quello di incidere sulle spese del giudizio, che vengono poste a carico di chi ingiustificatamente non ha aderito ad una soluzione conciliativa che si avvicina al giudizio finale del giudice; non incide invece sull'esito nel merito del processo, consentendo in tal modo una libera espressione delle volontà delle parti nel tentativo, senza imporre loro la remora delle successive conseguenze nel procedimento davanti al giudice.
Questa regola è però rovesciata nel diritto del lavoro, ove si sancisce dopo la legge n. 183 del 2010 che il Giudice terrà conto nel processo della condotta tenuta dalle parti in sede di tentativo di conciliazione.

CHI
E' necessario rivolgersi agli organismi di conciliazione accreditati presso il Ministero della Giustizia.

FAQ

Al di fuori dei casi previsti dalla legge di conciliazione obbligatoria è possibile prevedere l'obbligo di esperire il tentativo di conciliazione?

Sì, l'obbligatorietà può essere prevista anche da un contratto, da un atto costitutivo di un'associazione e di una società.

Che cosa accade se in caso di esito positivo della conciliazione una delle parti non adempie?

La conciliazione raggiunta costituisce titolo esecutivo, quindi consente in caso di violazione di avviare subito un processo esecutivo.

Conciliazione e arbitrato sono la stessa cosa?

No, perché il conciliatore, a differenza dell'arbitro, non deve offrire una soluzione in cui una parte ha interamente ragione e l'altra interamente torto, e perché può tener conto di interessi economici o personali particolari delle parti.
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

CONCILIAZIONE E MEDIAZIONE: VOCI CORRELATE

Conciliazione e mediazione: clausole statutarie

di del 31/03/2011

 Vedi: Clausole compromissorie statutarie..

Mediazione circolazione veicoli

di del 10/03/2017

La mediazione in materia di risarcimento dei danni derivanti dalla circolazione di veicoli e natanti..

Conciliazione Co.Re.Com telecomunicazioni

di Avv. Marco Direnzo del 07/01/2013

Previsto dalla legge n. 249 del 31 luglio 1997 (c.d. legge Maccanico, istitutiva dell'Agcom), rubric..

Conciliazione fallita ed effetti sul giudizio

di Avv. Claudio Cecchella del 15/09/2011

Salvo il caso in cui ingiustificatamente una parte non si presenti innanzi all’organismo di concilia..

Conciliazione: procedimento

di Avv. Claudio Cecchella del 17/02/2012

Una certa analogia del procedimento di conciliazione con il processo giurisdizionale innanzi al giud..