Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Organismi di conciliazione

del 14/02/2012
CHE COS'È?

Organismi di conciliazione: definizione

Il decreto legislativo 4 marzo 2010 n. 28 non affida il ruolo di conciliatore-mediatore a chiunque, ma impone, per la serietà del procedimento e di chi lo governa, una serie di regole.
Sono deputati all’attività conciliativa, infatti, solo organismi di conciliazione che sono stati accreditati presso il Ministero di Grazia e Giustizia, a seguito di una verifica di alcuni requisiti organizzativi dell’organismo stesso e di disciplina regolamentare del procedimento, che il Ministero esercita in applicazione della legge e del regolamento attuativo della legge.
Solo organismi provenienti dagli Ordini professionali e le Camere di Commercio hanno un diritto all’automatico accreditamento.
Anche i mediatori possono svolgere attività solo se iscritti in appositi Albi tenuti dal Ministero il quale ne garantisce la partecipazione a corsi di formazione.

Prof. Avv. Claudio Cecchella
Ordine degli Avvocati di Pisa
Studio Cecchella e Soci

COME SI FA
L’organismo di conciliazione, gode di una certa libertà nelle scelte organizzative, ma deve assecondare in quelle regolamentari alcuni principi fondamentali:

  1. il dovere di riservatezza delle dichiarazioni delle parti e delle informazioni acquisite nei procedimenti, tanto che i mediatori godono della protezione del segreto professionale e non possono rendere testimonianza dei fatti, delle dichiarazioni e delle informazioni acquisite;
  2. devono rispettare il contraddittorio, ovvero far partecipare tutte le parti coinvolte nella lite al procedimento, mediante idonea informativa;
  3. devono assicurare l’imparzialità del mediatore, la cui terzietà rispetto all’oggetto della controversia lo assimila ad un ruolo di imparzialità parificabile a quello del Giudice;
  4. deve formare e preparare i mediatori che svolgono la loro attività all’interno dell’organismo, attingendo dall’apposito elenco tenuto presso il Ministero.
Gli organismi di mediazione sono soggetti a verifiche e controlli del Ministero.
Tra l’organismo e la parte si perfeziona un contratto di servizio dove l’organismo ha l’obbligo di prestare l’attività mediativa a titolo oneroso e la parte a osservare il regolamento e a corrispondere le competenze fissate in apposito tariffario, anch’esso approvato dal Ministero.
Non esiste invece alcun legame tra mediatore e parti: il mediatore interviene in un rapporto che lo lega solo all’organismo, a cui risponde, come in un contratto di prestazione professionale.

vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
STUDI COMPETENTI IN MATERIA

CONCILIAZIONE E MEDIAZIONE: VOCI CORRELATE

Conciliazione fallita ed effetti sul giudizio

di Avv. Claudio Cecchella del 15/09/2011

Salvo il caso in cui ingiustificatamente una parte non si presenti innanzi all’organismo di concilia..

Mediazione civile e commerciale (conciliazione)

di del 09/02/2012

La mediazione è l’attività professionale svolta da un terzo imparziale e finalizzata ad assistere du..

Mediazione circolazione veicoli

di del 10/03/2017

La mediazione in materia di risarcimento dei danni derivanti dalla circolazione di veicoli e natanti..

Conciliazione Co.Re.Com telecomunicazioni

di Avv. Marco Direnzo del 07/01/2013

Previsto dalla legge n. 249 del 31 luglio 1997 (c.d. legge Maccanico, istitutiva dell'Agcom), rubric..

Conciliazione: imparzialità e riservatezza

di Avv. Claudio Cecchella del 15/09/2011

Il decreto legislativo 4 marzo 2010 n. 28, nel disciplinare la conciliazione, sia essa obbligatoria ..