CERCA UN PROFESSIONISTA
CERCA NELL'ENCICLOPEDIA
 

Conciliazione mancata: effetti sul processo davanti al giudice


Aggiornato al 03/02/2012

CHE COS'È
Per comprendere il motivo per cui la mancata conciliazione ex articolo 5 decreto legislativo 28/2010 (sia essa avvenuta per scarsa volontà transattiva o per la reale mancata partecipazione all’incontro di mediazione) incida fortemente sul regime delle spese processuali si devono fare alcune premesse.
È opportuno ricordare, innanzitutto, come l’articolo 116 codice procedura civile “Valutazione delle prove”, reciti testualmente: “Il giudice deve valutare le prove secondo il suo prudente apprezzamento, salvo che la legge disponga altrimenti. Il giudice può desumere argomenti di prova dalle risposte che le parti gli danno a norma dell'articolo seguente, dal loro rifiuto ingiustificato a consentire le ispezioni che egli ha ordinate e, in generale, dal contegno delle parti stesse nel processo.
Tornando al discorso della mediazione, ormai inconfutabilmente ritenuto l’anticamera del giudizio, l’assenza ingiustificata di una parte nella procedura di mediazione si può a buon diritto considerare un fatto, un atteggiamento che, una volta giunti avanti il tribunale, dovrà esser interpretato dallo stesso magistrato, poiché così è previsto dalla legge.
Palese come l’idea che si possa fare il giudice sulla mancata partecipazione alla mediazione non sia, di norma, favorevole al soggetto che si nega nella procedura conciliativa.
Dall’applicazione delle norme citate, il giudice potrà/dovrà quindi formare il proprio convincimento, sui fatti di causa: tale giudizio sarà necessariamente influenzato da diversi fattori, basato magari su prove non “piene”, ovvero sufficienti ed autonome di per sé a fondare il suo convincimento nel merito, ma anche su elementi di valutazione esterni, elementi magari già acquisiti nel processo stesso, tra cui l’atteggiamento che le parti hanno tenuto nella vicenda storica che le ha portate innanzi l’autorità giudiziaria (tra cui, fondamentale, l’andamento della procedura conciliativa).
È quindi importantissimo l’utilizzo corretto dell’istituto della mediazione giuridica.
Tuttavia, per favorire, in concreto, l’uso della mediazione si palesano nel panorama normativo altre misure ben più graffianti. Ed ecco come entrano in gioco il comma 5 dell’articolo 8 decreto legislativo 28/2010, dapprima modificato dal Governo Berlusconi con il decreto legge n. 138/2011, convertito dalla legge n. 148, e si seguito, dal Governo Monti con il decreto legge n. 212/2011.
Si badi bene che la prima norma, modificata dall'articolo 12 decreto legge 212/2011, conferisce al giudice il potere/dovere di condannare la parte costituita, nei casi previsti dall'articolo 5, comma 1 decreto legislativo 28/2010, assente in mediazione senza giustificato motivo, al versamento “all'entrata del bilancio dello Stato di una somma d’importo corrispondente al contributo unificato dovuto per il giudizio”.
Si precisa che la condanna a detto versamento è pronunciata “con ordinanza non impugnabile" pronunciata d'ufficio alla prima udienza di comparizione delle parti, ovvero all'udienza successiva di cui all'articolo 5, comma 1 (a pena d’improcedibilità, nella prima udienza di comparizione delle parti).

Dott. Luca Bertolini
Responsabile del Servizio di Mediazione e Mediatore
B&B Professione Mediatore Sas 
COME SI FA
La condanna per la mancata partecipazione alla mediazione avviene prima di soppesare le effettive doglianze delle parti in lite.
Il giudice, perciò, dovrà valutare, nella fase iniziale del processo, la sussistenza, o meno, di un motivo che possa aver giustificato l’assenza della parte costituita alla mediazione precedentemente esperita prescindendo dalla bontà delle pretese avanzate.
Se l’esito della valutazione sarà negativo, il provvedimento di condanna assumerà la forma di ordinanza non modificabile, e non di sentenza, che definisce il giudizio al fine di ottenere una sanzione pecuniaria tempestiva ed efficacia.
Ed ecco che l'obiettivo dell’introduzione della procedura di mediazione, quello di ridurre il numero dei processi, cioè di avere un preciso effetto deflattivo, è perfettamente incardinato nel sistema processuale: il legislatore vuole "castigare" chi ne ostacola percorso e finalità.

CHI
E' opportuno rivolgersi a un avvocato, magistrato, mediatore oppure un organismo di mediazione.

Questa spiegazione ti è stata utile?
Vuoi collaborare a migliorare il contenuto? La spiegazione..
Registrati e Fai una domanda




Uomo
Donna
(non verrà pubblicato)

(scegli dall'elenco)



* Con l'inserimento dei tuoi dati dichiari di aver letto ed accettato le condizioni d'uso del sito ed il trattamento dei dati da parte di Professionisti s.r.l.
se vuoi accettare i consensi separatamente

Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di Professionisti s.r.l.
come specificato all' art 3b
Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di società terze anche relative ad indagini di mercato su prodotti e servizi operanti nel settore editoriale, largo consumo e distribuzione, finanziario, assicurativo, automobilistico, dei servizi e ad organizzazioni umanitarie e benefiche come specificato all' art 3c

STUDI COMPETENTI SULLA VOCE

Organismi di mediazione e conciliazione

B&B Professione Mediatore S.a.s.

Via Vetera, 8
21100 Varese (VA)
Tel. 031990613 - Fax. 0312289757

info@professionemediatore.it - www.professionemediatore.it

IN EVIDENZA
Locazione abitativa, Successioni, Patti di famiglia, Donazioni, Compravendita immobiliare, Condominio, Proprietà e diritti reali, Locazione commerciale, Conciliazione e mediazione, Responsabilità medica
Avvocati

Avvocato Paola Sculco

via Emilia, 172/e
40011 Anzola dell'Emilia (BO)
Tel. 0516425098 - Fax. 0516425098

paola.sculco@libero.it

IN EVIDENZA
Violenza in famiglia, Divorzio, Contratti flessibili di lavoro, Danni e infortunistica: Consulenze tecniche, Consulenze civilistiche, Conciliazione e mediazione, Tutela del lavoratore
Consulenti del Lavoro

Chiomento Donatella

via Cavalli, 30
10138 Torino (TO)
Tel. 0114332231 - Fax. 0114474888

info@studiochiomento.it - www.studiochiomento.it

IN EVIDENZA
Rapporto di lavoro, Assenze e Permessi - Rapporto di lavoro, Riorganizzazioni aziendali, Contributi e ritenute, Conciliazione e mediazione, Formazione e consulenza, CTP, Coaching
CALCOLO MINI IMU
Inserisci la tua rendita
catastale e procedi al
Calcolo Mini IMU →







VOCI CORRELATE

Conciliazione: procedimento
Aggiornato al 17/02/2012


Conciliazione: effetti
Aggiornato al 15/09/2011


Conciliazione obbligatoria e facoltativa
Aggiornato al 09/02/2012


Benefici fiscali della conciliazione
Aggiornato al 14/02/2012


Organismi di conciliazione
Aggiornato al 14/02/2012


[x] chiudi

Domanda di conciliazione
Aggiornato al 15/09/2011



FEED
SHARE
Scrivici  per informazioni sul servizio
La redazione è offline