Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Decadenza della potestà sui figli

del 30/03/2012
CHE COS'È?

Decadenza della potestà sui figli: definizione

Innanzitutto la potestà genitoriale è un potere attribuito ai genitori esclusivamente nell'interesse dei figli, nei cui confronti il genitore ha il triplice dovere del mantenimento, dell'istruzione e dell'educazione.
E' riconosciuta dall'articolo 30, comma primo e secondo, della Costituzione come diritto-dovere che trova nell'interesse del figlio la sua funzione ed il suo limite.
Il minore è soggetto a tale potestà fino al raggiungimento della maggiore età.
La decadenza della potestà genitoriale è la perdita, da parte di uno o di entrambi i genitori, di tale potere. Può essere dichiarata dal Giudice qualora un genitore violi o trascuri i doveri nei confronti dei figli minori o abusi dei relativi poteri con grave pregiudizio per il figlio. Tale pregiudizio può essere morale o materiale e non solo di natura patrimoniale.
Oltre alla vera e propria decadenza della potestà genitoriale, cioè la perdita completa, esistono anche semplici limitazioni alla stessa, disciplinate dagli articoli 333 e 334 del codice civile.
La finalità della norma è comunque quella di garantire al minore di crescere ed essere educato nella propria famiglia di origine, affidando al Giudice il compito di verificare la possibilità di recupero della funzione genitoriale. In tutti i casi, infatti, il Tribunale per i Minorenni consente al genitore nei cui confronti si chiede il procedimento di decadenza della potestà genitoriale, la possibilità di riscattarsi.
La dichiarazione della decadenza dalla potestà, infatti, non comporta l'automatica interruzione dei rapporti del figlio con il genitore dichiarato decaduto, in quanto non viene esclusa l'esistenza di sentimenti di affetto validi e sinceri nei confronti dei figli. Il genitore decaduto dovrà sottostare alle indicazioni del Giudice minorile, avendo perduto la libertà delle decisioni e dei tempi di frequentazione del figlio ed anche il suo comportamento sarà, in ogni caso, soggetto a controllo.

COME SI FA
Il procedimento si attiva mediante ricorso al Tribunale per i Minorenni del luogo di residenza del minore.
Si svolge con il rito della Camera di Consiglio e l'udienza avviene in contraddittorio, cioè i genitori, o le altre parti ammesse, potranno essere sentiti separatamente con la possibilità di controdedurre le dichiarazioni rese da ciascuno. La fase istruttoria può avvenire anche ascoltando operatori sociali, sanitari e scolastici, testimoni o informatori indicati dalle parti ovvero individuati dal Giudice, affinchè riferiscano sul comportamento del genitore

CHI
Il procedimento di decadenza può essere azionato da uno dei genitori contro l'altro, dai parenti o dal Pubblico Ministero

vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

MINORI DI ETÀ: VOCI CORRELATE

Minori: rappresentanza legale

di del 02/02/2017

La rappresentanza legale dei minori è appannaggio dei genitori che esercitano in maniera congiunta l..

Minori: abbandono della casa dei genitori

di Dott. Marco Corvino del 09/01/2012

Spesso l'utente richiede all'investigatore privato la possibilità di rintracciare e segnalare un fig..

Tutela dei minori

di del 06/06/2016

La tutela dei minori è finalizzata a garantire loro assistenza in caso di bisogno, ma anche a preven..

Minori: potestà dei genitori

di Dott. Francesco Campobasso del 06/07/2016

Fino al 1975, la patria potestà era quella attribuita al padre che era tenuto a proteggere, educare,..

Rappresentanza dei figli minori

di del 09/02/2017

La rappresentanza dei figli minori si rende necessaria dal momento che i minori sono ritenuti incapa..