Preventivo Gratuito

Riserva da sovrapprezzo azioni

del 05/04/2012
CHE COS'È?
La riserva da sovrapprezzo azioni è una riserva di capitale, classificata dall'articolo 2424 codice civile, fra le voci di Patrimonio Netto nel punto "A II".
Accoglie l'importo dell'eccedenza del prezzo di emissione delle azioni o delle quote rispetto al loro valore nominale.
Nella riserva in commento vanno altresì ricomprese le differenze che emergono a seguito della conversione delle obbligazioni in azioni: tale fattispecie si realizza se il valore delle obbligazioni convertite è superiore a quello delle azioni emesse. Nel caso dei conferimenti in denaro, contestualmente alla sottoscrizione del capitale, deve essere effettuato il versamento di almeno il 25% della parte di capitale sottoscritta, più l'intero soprapprezzo qualora esso sia stato fissato (articoli 2439, comma 1, e 2481-bis, comma 4, codice civile).
La riserva da sovrapprezzo azioni o quote ha regole di utilizzo ben precise: non può essere distribuita ai soci fino a che la riserva legale non abbia raggiunto il quinto del capitale sociale (articolo 2431 codice civile); può essere utilizzata per la copertura di perdite, per l'aumento gratuito del capitale sociale, nonché per l'aumento della riserva legale.

vota  

VOCI CORRELATE
Relazione sul bilancio

di Dott. Roberto Fedegari del 12/10/2011

Il decreto legislativo 32/2007 ha recepito parzialmente la direttiva 2003/51 CE in materia di bilanc..

Bilancio: budget

di del 30/05/2011

Il budget rappresenta lo strumento tecnico che riassume in termini quantitativi i principali obietti..

Capitale sociale

di Rag. Romana Romoli del 19/10/2011

Il capitale sociale rappresenta l’ammontare dei conferimenti in denaro e/o in natura dei soci di soc..

Bilancio: ratei e risconti attvi

di Dott.ssa Simona Bottazzini del 11/11/2011

I ratei e i risconti sono tipiche scritture di assestamento da effettuare alla fine dell’esercizio c..

Bilancio in formato XBRL

di del 14/11/2011

Come è noto il bilancio rappresenta un importante obbligo di comunicazione stabilito dall’articolo 2..