Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Mandato fiduciario

del 31/03/2011
CHE COS'È?

Mandato fiduciario: definizione

Il mandato fiduciario è uno strumento giuridico per mezzo del quale, pur rimanendo in capo al mandante la titolarità effettiva del bene, viene attribuita alla società mandataria a ciò autorizzata (società fiduciaria) la facoltà di esercitare i diritti che ne scaturiscono, in nome proprio ma per conto del mandante. Il mandato fiduciario è uno strumento giuridico in grado di offrire riservatezza e anche una garanzia di adeguata e corretta amministrazione di beni.

Avv. Laura Armenise
Ordine degli Avvocati di Bari
Loconte & Partners Studio Legale e Tributario


COME SI FA

Il titolare di beni che intende far amministrare gli stessi da una società fiduciaria, conferisce un mandato fiduciario per iscritto, fornendo alla fiduciaria tutte le informazioni e i documenti di cui la stessa necessita per l’instaurazione dell’incarico e per l’adempimento delle procedure antiriciclaggio nonché la “provvista” per lo svolgimento dello specifico incarico. I contratti che le società fiduciarie sottopongono ai fiducianti, devono obbligatoriamente contenere specifiche clausole che rispettino le prescrizioni di legge e le prescrizioni delle associazioni di categoria (Assofiduciaria). Nel corso dello svolgimento dell’incarico, il fiduciante deve sempre fornire le proprie istruzioni alla società fiduciaria per iscritto. Non occorre atto pubblico.


CHI

I soggetti che possono svolgere le attività fiduciarie sono esclusivamente le società fiduciarie soggette alla vigilanza del Ministero delle Attività Produttive e dallo stesso autorizzate ad operare nel quadro della normativa vigente di concerto con il Ministero della Giustizia. Le norme che regolano l’attività fiduciaria sono la Legge 23 novembre 1939, n. 1966, il R.D. 22 aprile 1940, n. 531, il D.M. 16 gennaio 1995, oltre che in materia societaria, le disposizioni introdotte con la riforma del diritto societario. Con il decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 207 del 4 settembre 2010, sono state apportate alcune modifiche tra l’altro al TUB ed al TUF che comportano modifiche anche nella disciplina delle società fiduciarie. In particolare, il provvedimento prevede la distinzione tra (i) società fiduciarie “ordinarie” e (ii) società fiduciarie “speciali” che, dotate di determinati requisiti patrimoniali e di un determinato capitale sociale, dovranno essere iscritte in una sezione speciale dell’albo previsto dall’art. 106 TUB, essere sottoposte a vigilanza di Banca d’Italia, e assoggettate all’applicazione della normativa antiriciclaggio secondo il regime previsto per gli intermediari bancari e finanziari.


vota  

Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati

CONTRATTI COMMERCIALI: VOCI CORRELATE

Franchising

di del 31/03/2011

Il contratto di franchising, che trae origine dal diritto inglese, è il contratto col quale un impre..

Nuova disciplina delle relazioni commerciali in materia di cessione dei prodotti agricoli ed agroalimentari

di Dott.ssa Sandra Scarabello del 08/01/2013

Con la conversione in Legge n. 27 del 24/3/2012 del D.L. n. 1 del 24/1/2012, cosiddetto Decreto Libe..

Co-marketing

di del 31/03/2011

Il termine co-marketing (abbreviativo della definizione inglese cooperative marketing) chiamato anch..

Factoring

di Dott. Francesco Campobasso del 11/12/2012

Il factoring è un contratto atipico di matrice anglosassone, per l’effetto non compiutamente regolat..

Leasing finanziario

di del 11/07/2016

Il leasing finanziario (o locazione finanziaria) è una figura contrattuale atipica mediante la quale..