Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Cartolarizzazioni

del 01/08/2017
CHE COS'È?

Cartolarizzazioni: definizione

Le cartolarizzazioni rappresentano le cessioni di beni o debiti, cioè attività o passività di società o di privati. Le cartolarizzazioni possono essere messe in pratica per vari tipi di attività: per i mutui, per esempio, ma anche per i prestiti che vengono concessi agli studenti universitari, senza escludere i finanziamenti dati a prenditori di fondi importanti e i crediti legati alle carte di credito. I governi, sia a livello locale che a livello statale, hanno - a loro volta - la possibilità di cartolizzare. Nel nostro Paese, i crediti contributivi nei confronti delle imprese possono essere cartolarizzati dall'Inps. Il trasferimento di rischio può concretizzarsi in forme differenti: per i mutui il rapporto tra il mutuante e il mutuatario viene allenato, con il rischio che i prestiti immobiliari siano concessi con troppa facilità (come è successo negli Stati Uniti prima dello scoppio della crisi dei subprime). 


COME SI FA

Qual è il funzionamento di una cartolarizzazione?

Il procedimento prevede che un credito, vale a dire un'attività finanziaria indivisa, si tramuti in titoli, e quindi in un'attività divisa e che può essere venduta. Si immagini, per esempio, una banca che tra le proprie attività abbia un dato numero di prestiti immobiliari. Nel caso in cui vengano cartolarizzati, sono emessi dei titoli la cui garanzia è rappresentata proprio da quei prestiti. I titoli così emessi vengono venduti a degli investitori, che possono essere istituzionali o privati, in maniera tale che la banca abbia la possibilità di rientrare dei soldi che erano stati concessi in prestito ai mutuatari. A quel punto la banca può adoperare quei fondi per espandersi. Così come accade per le obbligazioni tradizionali, anche i titoli cartolarizzati sono contraddistinti da un tasso di interesse e da una scadenza; i pagamenti degli interessi da parte dei mutuatari originali e i rimborsi sono connessi al servizio del debito. Per la banca il vantaggio è duplice: da un lato le attività poco liquide vengono mobilizzate, mentre dall'altro lato viene meno il rischio che è connesso ai mutui, il quale è passato agli investitori.


CHI
Le banche, ma anche i governi e le istituzioni pubbliche in generale.

FAQ

1. Quali sono i passaggi che definiscono le cartolarizzazioni?

Nelle cartolarizzazioni sono sempre presenti gli originator, che corrispondono ai soggetti che raccolgono una determinata quantità di crediti sul mercato: tali crediti in seguito vengono trasferiti a un SPV, uno Special Purpose Vehicle, che da quel momento riceve i pagamenti da parte di chi ha sottoscritto i debiti. Per finanziarsi, l'SPV emette delle obbligazioni, le quali sono sottoscritte da investitori che hanno a disposizione della liquidità. A ogni tranche delle obbligazioni è assegnato un rating, a seconda del livello di rischio: ovviamente la meno rischiosa è anche quella che garantisce un reddito più basso. Le tranche sono pagate a cascata: in pratica, prima sono pagate le tranche senior, che sono quelle meno rischiose, e poi sono pagate le tranche mezzanine e le tranche equity, che sono le più rischiose. Ovviamente la distribuzione in tranche ha uno scopo ben preciso, che è quello di spalmare il rischio. Se l'originator fallisce, lo Special Purpose Vehicle non è tenuto a rispondere delle conseguenze che ne derivano. 

2. Qual è il fine ultimo delle cartolarizzazioni?

Il fine ultimo delle cartolarizzazioni è quello di fare in modo che una banca abbia la possibilità di trasformare un mutuo, che è un'attività illiquida per definizione, in un'attività liquida. 
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

IMPRESA : VOCI CORRELATE

Impresa turistica

di Avv. Nicola Soldati del 14/03/2011

La legge 29 marzo 2001, n. 135, come la precedente legge quadro 217, nel definire i principi fondame..

Cessione attività

di del 21/06/2012

La cessione di un’attività è un processo piuttosto complicato. Le criticità non sono limitate sola..

Stock option

di del 20/01/2017

Una stock option è uno strumento che ha lo scopo di fidelizzare e di retribuire i manager e i dipend..

Passaggio generazionale

di del 15/01/2014

Il passaggio generazionale è quel momento, a volte critico, in cui un figlio succede al padre nella ..

Patti parasociali

di Avv. Giovanni Trapanese del 07/07/2016

I patti parasociali sono contratti che intercorrono fra i soci di una società per azioni e risultano..